Home | Rubriche | Campi da golf | I percorsi del Golf: Colf Club di Castelrotto

I percorsi del Golf: Colf Club di Castelrotto

Descrizione delle buche e alcuni suggerimenti di Francesco de Mozzi

image

Il Golf Club di Castelrotto, in tedesco Kastelruth, si trova in uno dei posti più belli del Mondo, ai piedi delle montagne da favola dello Scilliar (nella foto sotto il titolo), Dolomiti dell'Alto Adige, che offre cielo azzurro, relax e benessere a un'altitudine di 850.
Il campo è nuovissimo ed è dotato delle migliori attrezzature offerte dal mercato. Insomma è stato fatto da gente che crede nel golf e nel futuro del golf, basti pensare che le buche sono 18 (par 70) in un'area dove poteva sembrare impossibile farcene stare nove e dove i battitori del driving range (nella prima foto qui sotto) sono tanti da doverli disporre su due piani.
Perfetta l'armonia del campo con l'ambiente (le foto che presentiamo parlano da sole).
La clubhouse è un capolavoro di architettura perfettamente inserita nell'ambiente naturale che la ospita. La cucina è di quelle giuste, che coniuga armonicamente il gusto mediterraneo con la tradizione tedesca.
Il percorso, come dettava la campagna di aspettativa, è «adatto al giocatore di alto livello tecnico e sportivo». Possiamo confermarlo. Alcune buche sono difficili, altre faticose, altre sono semplicemente mozzafiato. Lo Scilliar, che maestoso osserva dall'alto i golfisti camminare nel loro incredibile verde di montagna, offre quel fascino che solo il «Patrimonio dell'Unesco» riesce dare.

Note
1. La misura dei 150 metri è riferita a bordo green, ma nei par 3 è a centro green
2. I consigli sono dati per un golfista ideale di corporatura media, età sui 35 anni, con handicap in bilico tra la seconda e la prima categoria.





Buca Uno - Par 4 - Metri 345 - Hcp 7

La prima buca è un par 4 in discesa di media lunghezza che gira leggermente a sinistra con 3 laghi che separano i battitori dal fairway. Sul lato destro della buca, a portata di drive, vi sono 3 bunker sopraelevati rispetto al piano della pista, mentre sulla sinistra vi è un gruppo di alberi che nel peggiore dei casi potrebbero anche far perdere la palla.
Il green è molto grande, con la parte posteriore sopraelevata rispetto quella frontale; sul lato destro del green vi è un piccolo bunker non visibile sul secondo colpo; sulla sinistra vi è un bunker molto grande; dietro al green c'è bosco con una forte discesa.
Sul primo colpo consiglio di posizionarsi sulla destra del tee e mirare nella metà di sinistra della pista in modo da non rischiare di finire nei bunker di destra.
Sul secondo colpo consiglio di giocare verso il centro del green.


Buca Due - Par 4 - Metri 236 - Hcp 15

La Buca Due è un par 4 corto in leggera salita con un leggerissimo dog-leg a destra e in tutto il lato destro della buca è caratterizzato da una stradina delimitata da una rete che sul primo colpo può dare fastidio visivo. A destra della pista vi sono tre bunker che proteggono il green su eventuali tiri fatti dal tee d partenza. Sulla sinistra il fairway confina con un bosco che non è pericoloso.
Il green è stretto ed è caratterizzato da un gradino che lo taglia orizzontalmente a metà, con la parte posteriore sopraelevata rispetto a quella anteriore.
Il green è raggiungibile col primo colpo, ma è ben protetto da due bunker sulla destra, uno sul retro e uno frontale profondo.
In questa buca consiglio di giocare un ferro 3 parallelo al rough di destra, in modo da giocare un facile secondo colpo dal fairway con una visuale più completa del green.


Buca Tre - Par 5 - Metri 425 - Hcp 3

La terza buca è un par 5 corto, con dog-leg verso sinistra pieno di insidie. Tra i battitori e il fairway vi è un canalone frontale, considerato ostacolo d'acqua, che poi prosegue sul lato sinistro della pista, proprio nel punto di caduta del tee-shot per poi allargarsi ai 150 metri con 2 bunker e un gruppo di alberi che proteggono le palline dall'ostacolo fino al green.
Sulla destra, poco prima della curva, vi sono 4 bunker posti in costa mentre all'esterno della curva iniziano, sempre in costa, una seria di cespugli con pini molto alti che separano il par 5 dalla Buca Sei e che corrono sulla cima della costa fino a pochi metri dal green.
Il green è stretto, in salita, con molte pendenze e con tre scaloni che lo rendono uno dei più difficili green del percorso. Inoltre è protetto lateralmente da due piccoli bunker, mentre è circondato da una costa che tende a fare rimbalzare la palla verso il green.
Sul primo tiro consiglio un ferro basso prima della strettoia, cercando di mirare verso la parte destra della pista. Come secondo colpo consiglio di stare sempre nella metà di destra del fairway, in modo da sfruttare la costa che tende a riportare la palla verso il centro.
Sul colpo al green consiglio di stare corti alla bandiera, in modo da evitare di pattare in discesa perché la forte pendenza può rendere causare facilmente i tre putt.
Fare attenzione che a sinistra del green c'è un ostacolo d'acqua e che a metà costa sulla destra vi e un muro di pietre che può creare problemi.




Buca Quattro - Par 3 - Metri 124 - Hcp 5

La Buca Quattro è un par 3 corto, con il tee di partenza molti metri più alto rispetto al piano del green. La buca viene tagliata trasversalmente da destra a sinistra da un torrente.
Il green è grande e in salita, ed è ben protetto a sinistra dal torrente, così come tutto il lato destro è protetto dalla montagna che per tutta la lunghezza del green accompagna il lato del green con una parete di sassi che possono far rimbalzare le palline nel torrente.
Il mio consiglio è di fare un ferro in meno rispetto a quello che si vorrebbe fare a un primo sguardo.


Buca Cinque - Par 4 - Metri 253 - Hcp 13

La Cinque è un par 4 in salita con un dog-leg finale verso destra. Su tutto il lato sinistro della buca c'è un out non pericoloso mentre sulla destra, a margine del rough, ci sono due piccoli bunker tondi, mentre nella parte che precede la curva fino a fine del dog-leg ci sono un gruppo di cespugli e alcuni pini altissimi che nascondono alla vista il green, rendendone il raggiungimento quasi impossibile, sia sul primo che sul secondo colpo.
Il green non è molto grande, ha pendenze irregolari ed è protetto a 180 gradi da collinette che impediscono alla pallina di andare nell'out situato nella parte posteriore del green. Vi sono anche 3 bunker tondi e piccoli che sul secondo colpo non si vedono.
Sul primo colpo consiglio il drive o il legno tre, mirando nella metà di sinistra della pista in modo da poter vedere il green totalmente sul secondo colpo.


Buca Sei - Par 4 - Metri 378 - Hcp 1

La Buca Sei è un par 4 più corto di quello che sembra. È tutto in discesa, con entrambi i lati della buca delimitati da pini alti e cespugli che rendono la buca stretta ve difficile. Tutto il lato sinistro è delimitato per buona parte da un fuori limite che, prima della metà, diventa ostacolo d'acqua laterale fin dietro al green. Gli alberi che delimitano il rough di destra finiscono a una quarantina di metri dal green.
Il green è di media grandezza, con tre bunker sulla destra che impediscono alla palla di scappar via a causa della forte pendenza della discesa che lo costeggia. Sulla sinistra c'è una rampa che tende a portare la palla verso il green e la sua parte posteriore è difesa da un torrente facilmente raggiungibile.
Dal tee il drive è da evitare in onore della poca larghezza del fairway e consiglio di usare piuttosto un ferro basso, cercando di stare nella metà destra della pista in modo da avere un attacco al green senza troppe pendenze che possano influire in modo sconveniente sul rimbalzo.




Buca Sette - Par 4 - Metri 262 - Hcp 11

La Sette è un par 4 corto in salita con un leggero dog-leg a destra, che non presenta grosse difficoltà. Il lato sinistro è delimitato da alberi per tutta la lunghezza della buca, mentre sul lato destro non vi sono difficoltà, se non due bunker posizionati a pochi metri dal green non visibili sia sul primo tiro che sul secondo.
Il green è molto grande ed è in salita su 3 scalini, per cui la posizione dell'asta determinerà la difficoltà della buca. Il green e circondato per 180 gradi da una costa che tende a far rimbalzare la palla verso il green, il quale è ben difeso sulla destra da tre bunker e sulla sinistra da due, tutti piccoli e tondi non visibili dal fairway.
Dal tee consiglio di mirare col driver verso la metà di sinistra del fairway, in modo da avere un secondo colpo con il green quasi del tutto visibile.

Buca Otto - Par 3 - Metri 155 - Hcp 17

La buca 8 è un par 3 corto, con partenza più alta rispetto al green.
Il green è molto grande ed è irregolare, circondato da discese che portano la palla verso il bosco. Un solo bunker lo difende sulla destra.
In questo par tre consiglio di fare attenzione al possibile vento, che data l'altitudine, potrebbe rendere difficile il colpo in bandiera. Stare attenti a non andare lunghi, ché la palla si perde facilmente nel vallone che porta al bosco.


Buca Nove - Par 4 - Metri 314 - Hcp 9

La Buca Nove è un par 4 con i battitori più alti rispetto alla pista, circondati dal bosco con dog-leg secco a sinistra. Sul lato sinistro della pista c'è una collina con bosco e un out su tutto il perimetro. Sul lato sinistro vi e un bosco con out che copre solo la prima metà della buca.
All'esterno della curva, bordo pista e alla portata del primo colpo, vi sono tre piccoli bunker tondi che impediscono alle palle giocate troppo lunghe.
Il green è molto grande ed in salita, ma a pochi metri prima vi sono due alberi che rendono difficile il secondo colpo. Anche questo green è posto su due piani che lo tagliano quasi a meta trasversalmente da destra a sinistra. Anche in questo green le sponde che lo circondano tendono a portare la palla verso il centro, ma è difeso quasi frontalmente da quattro bunker piccoli sulla destra e uno sulla sinistra.
Il consiglio è di mirare verso i tre bunker che si vedono dal tee di partenza con un ferro basso, in modo da mantenere la palla in pista senza avere i due alberi che proteggono il green troppo vicino.




Buca Dieci - Par 5 - Metri 425 - Hcp 12

La Buca Dieci è un par 5 spettacolare, non molto lungo e con dog-leg a destra e con tutto il lato interno caratterizzato da un vallone molto ripido che nella prima metà della buca è considerato out insieme ad un bosco che cresce all'interno della curva, con piante molto alte e fitte, tali da impedire di tagliare la curva col primo colpo. Il lato sinistro della buca è caratterizzato da una ripida salita con un fitto bosco che rende rischioso l'essere troppo lungo sul primo e sul secondo colpo.
A 150 metri dal green, sia a destra che a sinistra, non ci sono più alberi e la visuale della buca è totale.
Il green è grande e oblungo, irregolare, in salita con a sinistra una rampa che tende a portare la palla verso il green, mentre a sinistra vi è un forte pendenza con bosco, dove è facilissimo perdere la palla. Il green è protetto lateralmente, fin quasi davanti al green, da due piccoli bunker.
Dal tee consiglio di non usare il driver ma di usare un legno 3, o ibrido, cercando di stringere il più possibile la curva mantenendo la palla in pista e avere così la visuale più ampia possibile per poter piazzare il secondo colpo davanti al green.
Come colpo al green consiglio sempre di giocare prima della bandiera in modo da evitare di pattare in discesa.


Buca Undici - Par 3 - Metri 193 - Hcp 8

La Undici è un par 3 molto lungo dall'alto al basso con un green molto grande e lungo e tutto in salita su due piani con una forte pendenza verso destra.
Il green ha una rampa in salita sulla sinistra che tende a portare la palla a monte mentre a sinistra del green vi è una ripida discesa con tre piccoli bunker messi per impedire alle palline di cadere nel bosco posto alcuni metro sotto.
Consiglio di giocare un bel ferro basso verso la parte sinistra del green in modo da evitare lo strapiombo sulla destra.


Buca Dodici - Par 4 - Metri 281 - Hcp 10

La Buca Dodici è un par 4 molto corto, con partenza da un'altura e con l'arrivo al green in leggera discesa. La buca è caratterizzata da un precipizio che copre tutto il lato destro della buca arrivando fin dietro al green rendendo pericoloso qualsiasi colpo con effetto verso destra.
Il lato sinistro del fairway è una collina che tende a riportare le palle verso la pista.
Il green non è molto grande ed è irregolare, con un bunker piccolo e tondo sul lato destro e due sulla destra al limite del precipizio, posizionati lì per diminuire la possibilità di perdere la palla nella scarpata.
Dal tee consiglio di evitare il driver e di mirare col primo colpo verso la metà di sinistra della pista in modo che la palla torni in fairway. Per l'ultimo colpo consiglio di fare attenzione al pericolo dietro al green e quindi di cercare di fare rimanere la palla nella metà iniziale del green.




Buca Tredici - Par 4 - Metri 299 - Hcp 16

La Tredici è un par 4 corto in salita, con il green protetto da una collina che gli fa il giro intorno su tutto il lato destro della buca. È in leggera salita e non vi sono ostacoli se non un albero che non dà nessun problema sia sul primo che sul secondo colpo, mentre sul lato sinistro della buca vi è una discesa con una malga che delimita l'out e fa da ostacolo visivo per chi volesse tirare col primo colpo al green.
Il green è molto grande e posto su 3 gradoni con un piccolo bunker sul retro nella parte sinistra. Tutto il green è circondato da piccole coste che portano la palla verso il centro.
Per il tee-shot consiglio un legno 3, o ibrido, nella parte destra del fairway in modo da vedere completamente il green senza avere out o ostacoli lungo la linea del secondo colpo.
Per il secondo colpo consiglio di mirare nella metà di destra del green in modo da sfruttare la pendenza che porterà la palla verso il suo centro.


Buca Quattordici - Par 4 - Metri 321 - Hcp 18

La Buca Quattordici è un par 4 in discesa con il green nascosto a fine della corsa. Su tutto il lato sinistro della pista c'è una costa di rough che tende a fare rotolare la palla in pista, mentre sul lato sinistro vi è solo rough con 2 bunker posizionati prima dello scalino che scende al green a pochi metri dal green.
Il green è piccolo, stretto e lungo, con 3 bunker piccoli e tondi che lo proteggono frontalmente, mentre sul retro vi e solo un bunker piccolo e una discesa che porta verso un out che potrebbe anche essere pericoloso.
Dal tee consiglio di usare il drive, mirando alla parte sinistra della pista in modo da sfruttare il rimbalzo favorevole che tende a portare le palle al centro della pista e avere cosi un secondo colpo senza trovarsi i tre bunker sulla linea di tiro. Fare comunque attenzione a non andare lunghi al green.


Buca Quindici - Par 3 - Metri 183 - Hcp 14

La Quindici è un par 3, con il green molti metri più in basso rispetto alla partenza, con una visuale mozzafiato che lo rende una delle buche più belle del campo.
Il green è molto grande e frontalmente è protetto da 5 piccoli bunker che riducono la possibilità di raggiungere il green di rotolo. Sul retro del green c'è un vallone ripido che porta in un out non sempre visibile dai battitori.
Dal tee-shot consiglio di usare un ferro o due in meno di quello che si vorrebbe, per evitare di sorvolare il green e sfruttare la forte discesa per fare rotolare la palla più vicino possibile al green.



Buca Sedici - Par 4 - Metri 283 - Hcp 2

La Buca Sedici è un par 4 corto in salita con quattro bunker sul lato sinistro del fairway, mentre sulla destra c'è un bosco sopraelevato rispetto al piano della pista, che costeggia la buca.
Il green è caratterizzato da un bosco che ne stringe l'accesso del sul secondo colpo, rendendo cosi la buca difficile. La forma del green è oblunga in salita, con tre bunker che lo difendono sulla destra e uno piccolo sulla sinistra.
Sul primo colpo consiglio di non usare il drive in modo da avere più chance nel colpo al green, senza dover scavalcare alberi. La direzione ideale del primo colpo è la parte di destra della buca. Sul secondo colpo consiglio di mirare nella metà di destra del green in modo da non rischiare di finire nel bosco.


Buca Diciassette - Par 3 - Metri 189 - Hcp 6

La Diciassette è un par 3 lungo in leggera discesa con un green molto grande e protetto frontalmente da tre bunker, mentre sulla sinistra si trova una discesa con un bunker a metà rampa.
Sulla destra del green c'è una salita che tende a portare la palla verso il suo centro.
Consiglio di mirare verso la destra del green in modo da sfruttare appunto la pendenza che riporta la palla verso il centro.


Buca Diciotto - Par 4 - Metri 351 - Hcp 4

La Buca Diciotto è un par 4 lungo, leggermente in salita, con un bosco che copre tutto il lato destro della buca, mentre sul lato sinistro ci sono due bunker belli, grandi, posizionati nel rough a portata del primo colpo. Poco dopo i bunker, sulla sinistra, vi sono due laghetti che non danno alcun problema sul secondo colpo.
Il green è molto grande e lungo ed è scavato in una collina che facilita il rimbalzo favorevole verso la buca. Il green è protetto quasi frontalmente sulla sinistra da un bunker con un out a pochi metri dal lato sinistro del green, che potrebbe anche essere pericoloso.
Dal tee consiglio di mettersi nella metà destra dei battitori e mirare nella metà di sinistra della pista, cercando di non chiudere il colpo mentre sul secondo colpo consiglio di cercare la parte destra del green in modo da evitare il bunker e l'out di sinistra e sfruttare invece il rimbalzo favorevole verso la bandiera.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone