Home | Rubriche | Cartoline | Cartoline dalla Sardegna: La prima volta – Di Bruno Lucchi

Cartoline dalla Sardegna: La prima volta – Di Bruno Lucchi

La mia prima volta in Sardegna è stata la prima di molte prime volte. Sono passati ormai quarantadue anni e quando ci ritorno è sempre una prima volta

image

>
 S’Architu 

La prima volta:
che ho preso una nave
che ho conosciuto i nuovi parenti
che ho visto il mare color smeraldo e rocce di mille colori
che ho camminato fra il mirto e il rosmarino
che ho assistito a gare di canto e di poesia
che ho visto donne in costume, con fazzoletto in testa, gonna lunga e grembiule, tenere per mano ragazze in minigonna
che ho mangiato culurgiones, malloreddu, maialetto, dolci alle mandorle e mille altre prelibatezze
che ho bevuto filu ferru, vernaccia, mirto, canonau, monica, carignano, vermentino….
che ho visto paesaggi che sembrano immagini salvaschermo
che ho visto canne al vento
che ho visto le querce da sughero e il colore rosso-mattone che prendono dopo che le è stato rimosso il sughero
che ho capito perché Fabrizio De Andrè ci è andato a vivere
che ho raccolto dalle piante, corbezzoli, limoni, arance e una volta anche banane
che ho pescato, saraghi, tracine, ricciole, mormore…
che ho visto sculture di Costantino Nivola e Francesco Ciusa
che ho partecipato a processioni con cavalieri su cavalli adornati con fiori

     che ho capito che le canne d’India non sono quelle che pensiamo, ma dei fiori meravigliosi
     che invitato ad una merenda, mi sono trovato con 120 persone come ad un pranzo di nozze e alle ore 18 ho dovuto inventare una scusa per potermi alzare da tavola
     che ho imparato che per raccogliere i fichi d’india ai bordi delle strade ci vuole una procedura perfetta
     che ho passato giornate naso al cielo, sdraiato sugli scogli, fissando le nuvole correre e cambiare forma velocemente
     che ho capito perché Andrea Parodi cantava in lingua sarda
     che ho camminato in città con murales bellissimi
     che ho cacciato granchi di notte e polipi di giorno

che ho visto «…e sotto il maestrale / urla e biancheggia il mar…»
che ho visto donne con occhi bellissimi
     che ho visto nuraghi, menhir, dolmen, tombe dei giganti, pozzi sacri, costruite prima del 2000 a.C.
     che, anche se montanaro mi sono sentito mediterraneo
    
Basta così, l’elenco potrebbe continuare all’infinito, chiudo con una frase di W. Thesinger che parla del deserto e mi piace sostituire la parola deserto con la parola Sardegna, spero mi si perdonerà!
 
Nessun uomo dopo aver conosciuto la Sardegna
può restare se stesso
porterà incisa per sempre dentro di sé
l’impronta della Sardegna….
Il più profondo dei desideri è quello di tornarvi.
 

Masua, Pan di zucchero
 

Canne d’India
 

Scogliera a Cala Sapone
 

Calasetta
 

Tonnara di Portoscuso
 

Portoscuso
 

Portoscuso e all’orizzonte l’isola di Carloforte
 

Laveria Lamarmora
 

Miniera di Serbariu
 

Miniera di Monteponi
 

Fenicotteri alla salina di Carloforte
 

Iglesias caffe Lamarmora
 

Carloforte
 

Rocce a Calasetta
 
Bruno Lucchi - www.brunolucchi.it
Via Marconi,87 - 38056 Levico Terme
info@brunolucchi.it - postmaster@pec.brunolucchi.it
0461 707159 - 329. 8632737
Facebook. - Istagram. - www.camminatatragliolivi.it
(Precedenti cartoline)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone