Home | Rubriche | Da una foto una storia | Ricordi struggenti al cimitero de la Recoleta

Ricordi struggenti al cimitero de la Recoleta

La fiaba e il dramma di una giovane sposa – Di Maurizio Panizza

image

L'ingresso per l'eternità del Cimitero de la Recoleta.

Molto vicino alla tomba di Evita Peron, la giovane Liliana Crociati de Szaszak (1944–1970) riposa nel cimitero monumentale di La Recoleta ormai da più di cinquant'anni.
Si trattava di una ragazza di origini italiane, esponente dell’alta società di Buenos Aires.
In luna di miele sulle Alpi austriache occidentali, ad Ischgl, il 25 febbraio del 1970 l'albergo dove era ospite col marito - il «Piz Buin» dell'area sciistica di Zürs, a 64 km da Innsbruck - venne investita da un'enorme valanga che, travolgendo l'edificio fino oltre il terzo piano, riempì la camera e seppellì entrambi.
Recuperata dopo un'ora di scavi e rianimata, Liliana morì due giorni dopo a causa della lunga mancanza d'aria e dell'assideramento. Si salvò, invece, il marito, Juan Szaszak, allora trentunenne, recuperato dopo circa 15 minuti.

Il monumento a ricordo di Luciana Crociati.
Cimitero di La Recoleta a Buenos Aires.

La tomba fu disegnata dalla madre in stile gotico - molto diverso dai monumenti del resto del cimitero - in legno e vetro, in modo da permettere alla luce di penetrare, come per rappresentare la luce che la ragazza era stata in vita.
All'interno della cripta si può quindi scorgere un ritratto della giovane in colori vivi, quasi psichedelici, con poche ombre, come incominciava ad essere di moda all'inizio degli anni settanta.
Il ritratto fu fatto da un suo amico, studente d'arte presso la stessa «School of Fine Arts» che Liliana frequentava.
Di diversa fattura è la statua in bronzo, che mostra Liliana nel suo abito nuziale. Dopo la morte del cane della ragazza, la scultura fu leggermente modificata nella posizione della mano destra in modo da accogliere, in una carezza, anche la statua del cane. Pure la bestiola riposa nel cimitero.
 
Accanto alla tomba, una poesia scritta dal padre in un italiano un po' approssimato.

A Mia Figlia
Solo mi chiedo il perché Tu sei partita e distrutto hai lasciato il mio cuore
Che te solamente voleva, perché?
Perché? Solo il destino sa il perché e mi domando perché?
Perché non si può stare senza te, perché?
Tanto bella eri che la natura invidiosa ti distrusse, perché?
Perché solo mi domando che Dio si porta via ciò che ha il suo nome.
Perché si distrugge e lascia all'infinito il dolore!
Perché? Credo al destino e non a te. Perché?
Perché solo so che sempre sogno con te, perché?
Per tutto l'amore che sente il mio cuore per te.
Perché? Perché?
Il tuo papà.
 
Anche se il marito successivamente si risposò e mai più volle parlare dell'evento, la tomba - che è fra le più suggestive e visitate del cimitero - richiama il mito dell'amore eterno che, nonostante il passare dei decenni, sopravvive alle stesse persone che ne furono rappresentate. La statua di Liliana, dai lineamenti tristi e allungati attira ogni una grande folla. Sulla base è inciso il nome del suo amato cane: Sabú.

La Prensa, giornale Argentino, che riporta il dramma di Ischgl.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni