Home | Rubriche | Da una foto una storia | Adottiamo una giusta prevenzione – Di Maurizio Panizza

Adottiamo una giusta prevenzione – Di Maurizio Panizza

La reclusione temporanea fin dalle prime violenze domestiche

image

Sembrano non finire mai le aggressioni compiute da mariti, compagni e fidanzati contro le donne che per poco o per tanto tempo sono state al loro fianco.
Tuttavia, nonostante questi tragici annunci, l’Italia, con le sue 200mila leggi, norme e regolamenti (Francia e Germania ne hanno “solo” 9-10mila) non sembra riuscire a trovare uno strumento giudiziario che possa frenare lo stillicidio di uccisioni e violenze di ogni genere a cui ogni giorno assistiamo impotenti dalle pagine dei giornali e dalle tv.
 
Qualcuno afferma che c’è troppo garantismo nei confronti di questi uomini violenti perchè in genere, dopo le prime aggressioni, ciò che viene messo in atto per tutelare le donne molto spesso è solo l’ordinanza di divieto di avvicinamento alla persona minacciata.
Non serve aggiungere quale deterrente ridicolo possa rivestire tale misura nei confronti di chi vuole fare comunque del male, perchè tutti sappiamo in quanti casi si sia trasformata in tragedia una misura preventiva così blanda.
 
Orbene, non conosco nel dettaglio le leggi e i meccanismi giudiziari per i quali si arriva a tale debole forma di tutela per le donne minacciate, tuttavia ritengo personalmente che nei confronti di un uomo violento bisognerebbe dare immediatamente ben altri segnali.
Intendo dire che non appena un uomo alzasse la mano su una donna, non si dovrebbe solamente ammonirlo e ordinargli di stare lontano da casa, ma sarebbe necessario rinchiuderlo subito in galera se non altro per dare a costui un saggio concreto di dove potrebbe passare i successivi 10-20 anni della sua vita nel caso in cui arrivasse ad uccidere.
 
Non servirebbe in questa prima fase un lungo periodo di detenzione - una/due settimane potrebbero bastare - ma questo tempo sarebbe giusto (e per lui salutare) per fargli riflettere su come potrebbe essere il suo eventuale futuro da omicida.
E assieme alla cella, potrebbe essergli di grande aiuto il contemporaneo avvio di un percorso psicologico contro l’aggressività e la violenza per riflettere sui propri comportamenti e sulle sue problematiche relazionali che evidentemente - questo è certo - avrebbero bisogno di aiuto e di sostegno.   

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Luciana 06/07/2021
Un articolo su questo tema scritto da un uomo ci fa capire che è in atto un cambiamento. Grazie, Maurizio
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni