Home | Rubriche | Da una foto una storia | Il nuovo libro di Carlo Simeoni – Di Maurizio Panizza

Il nuovo libro di Carlo Simeoni – Di Maurizio Panizza

«Nati in Tirolo, morti in Trentino. Sulle tracce dei Ziller» – Effe Erre Trento – € 19,50

>
È un’avvincente e ben documentata istantanea di famiglia quella che Carlo Simeoni presenterà alla Sala della Filarmonica di Rovereto, giovedì 11 aprile, alle 20.30, con gli interventi del prof. Paolo Toniolatti, del dott. Carlo Andreotti e del dott. Giuseppe Ferrandi.
 
La famiglia è quella dei Ziller e il periodo descritto nel libro inizia col bisnonno materno dell’autore, Giuseppe (1849-1923), capo gendarme austriaco e personaggio emblematico di un’epoca crepuscolare, per proseguire poi con i due figli, Armando e Giuseppe, vissuti a cavallo fra Impero Austro Ungarico e Regno d’Italia.
Pur raccontando di vicende famigliari, la narrazione esplora e fa conoscere ai lettori (non senza una punta di nostalgia) una terra in particolare, quella che oggi si chiama Trentino, ma che a quel tempo era il Tirolo di lingua italiana, con il suo secolare passato, la sua storia, la sua Heimat.
 
Prende avvio quasi per caso l’esordio al paziente lavoro di ricostruzione famigliare che l’autore ci presenta ora con questo suo nuovo libro.
Non è nata per caso, invece, la ragione per la quale via via il progetto editoriale si è corroborato con preziosi documenti provenienti dal Tiroler Landesarchiv di Innsbruck, dal Kriegesarchiv di Vienna, dal Vigilianum e dall’Archivio di Stato di Trento.
Infatti, le ricerche condotte con puntiglioso scrupolo presso queste istituzioni hanno tutte per l’autore lo stesso comune denominatore e cioè la convinzione di essere debitore nei confronti della propria famiglia di una memoria storica che doveva in qualche modo essere riportata alla luce.
 
Ed è quindi così, da una storia locale - quella che comunemente è considerata «storia piccola» - che Carlo Simeoni sa ricavare notizie non solo per rappresentare le vicende dei Ziller, ma anche per inquadrarle in un contesto ben più ampio che assume significato e dignità pubblica.
Risulta evidente, infatti, che con quest’opera, Simeoni considera il valore della storia (sia locale che generale) come un’importante forma di conoscenza della realtà e dell'uomo a dimostrazione che pure gli autori di «microstorie» sanno produrre cultura e memoria.
Una grande passione, quella dell’autore, che se da una parte contribuisce a svelare verità non sempre acclarate, dall’altra fa scoprire ai lettori il sapore di un Tirolo troppo spesso dimenticato e nel quale, assieme a quelle dei Ziller, affondano le radici famigliari di tutti noi trentini. 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni