Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Storie de órsi e altri selvàdeghi – Di Cornelio Galas

Storie de órsi e altri selvàdeghi – Di Cornelio Galas

Eco, te paréva che no se tornés a parlar de órsi tant per no seitàr la solfa del coronavirus

image

E cosìta se se scàlda de nòf tra quei che sti órsi i li vedrìa mèio en salmì co la so polentìna e quei enveze che guai se se li tóca.
De órsi mi gò sol en ricordo. Tanti ani endrìo, quando la Daniza (quela che po' i ha copà par sbagliando la dose de l'indòrmia) l'aveva fat en giro ala Spaghéti Haus del Camilo Rezaghi, a Riva.
Beh, quela sera piovéva... No, mèio dir che vegnìva zò dal zél pali de fèr. E mi, col fotografo Fabio Galas, drìo a 'sto bestìóm.
Che l'èra nàr che nàre neh. Perché en do minuti l'era zà arivà vizim ala ciésa de San Tomàs.
E po' via vers Tém e zò da n'altra banda.
 
El paréva en cìne. Tuti drìo a sto selvàdegh. Che 'l coréva come en lévro. De chì e de là.
Quei de la forestale co n'agegio co le anténe tegnùe per aria per zercàr el segnal del colarìm.
E mi che de colp m'è nà via (pù trovada....) l'ombrèla.
El dì dopo i lo zerchéva ancora. Sul Brióm. E 'nveze l'ors, anzi, l'orsa, l'era zamai nada vers Balìm, vers Tiòm, Pinzòl.
Va a savér dove la voleva nar. Forse a zercàr na bira per digerir la piza.
E tut mal en bel casìm. Carabinieri, vigili urbani, pompieri, polizia, forestale, zent che no ghe z'entréva gnent ma i era lì per veder come la sarìa nàda a finir.
 
L'Adige che el ferma la tipografia fim quando no ghe mando su almen zento righe de sto fàto. Ensoma, dai, gnanca fussa stà el teremòt.
Da alora en dì sì e n'alter anca se torna a parlar de sti orsi. Che – el ricordo neh – no l'è che i è nati en Trentim. Sém stài noi a nar en Slovenia a tòrli su (pagando) per portarli chì da pìcoi.
I dìs che adés i sìa zamài na novantina. Ogni tant qualchedum và for da mat.
Ma come naréssem for de testa anca a noi se te vegni en casa mia a roter le bale no? Anca se lòri no i pàga l'afìt, per dir...
 
'Sa fàr? Ve conto en fàto che m'è suzés pochi dì fa. Ero su, al ristorante «La Roccia», sora Matarèl.
Bèm, a 'n zerto punto vedo che tanti, anca i camerieri, i và vers el spiàz da dove se gode en bel panorama.

- Oscia – ghe domando, vist che lì soto gh'è anca l'aeroporto – è cascà zò per caso en licòtero?
- No, i risponde, gh'è n'orso su n'alber dale bande del Castelér.
Capì come? De colp l'ors l'era deventà n'atraziom. Tant da far 'nfredìr le patatine e le luganeghe nei piati.
 
Da bòcia – cambio discorso – me nono el me porteva drìo semper quando el néva a càza su en Vél.
Bem, de orsi no ghe n'era en giro. Lu – me nono – el gavéva paura sol de le vipere sula ròza dei Fiavèi.
E cosita el se porteva drìo semper na siringa pronta. E 'n bastom fàt a “V” sula ponta. Che se te ciapévi la vipera e te la portévi al farmacista Tamanini i te déva domìli lire (i ghe cavéva fora el velem no so per cosa e come).
Così come se sora la chìpa (discarica) dela Maza te ghe sbarévi ale volp co la rabia te ciapévi zinquemili lire.
E te vegnìva for almém la sgnapa da meter nela termos col cafè.
 
Per no parlar – e chì la mòco – de quela volta che me nono l'ha porta a cà en cavriòl co na zàta rota.
L'è stà per en més, avanti e 'ndrìo, soto le vigne de me casa.
Po' quando l'è guarì i l'ha molà de nof da le bande de Bordala.
Forsi qualchedum dopo l'ha copà e magnà...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni