Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Ogni dì s'empàra qualcòs – Di Cornelio Galas

Ogni dì s'empàra qualcòs – Di Cornelio Galas

AstraZeneca, dopo che è vegnù fòr quele rogne, i dìs de star tranquili: no ghe reaziom «avverse». Che no vol dir collaterali ma propri avverse... sfigae ensoma

image

Oh, se 'lo dìs anca el Mario Draghi (che no 'l parla bèm sol 'taliàm...) che dropém massa parole en inglés, vòl propri dìr che avém ciapà tuti na stràna anda no?
E difàti – e no sol cola storia del Covid – l'è da temp che (che sia per darse na pàra ?) en tuti i minestroni del nòs parlar finìs dénter parole, modi de dir, che na volta i gavrìa avù bem o mal la istessa risposta: «Tèi, vàrda che mi no ho miga fàt le scòle alte!».

Eco, alora, che è vegnù fòra i «lok dàum», i «bèby sitting», i «ricoverì fand (o plàn)», i «smart uorching» e tachéghe quel che volé.
E fìm chi ghe sém (cioé no ghe saréssem, ma fén finta de esserghe) arivai. Perché l'è difizile, dopo mesi e mesi che te senti ste parole foreste, no far perlomém finta de savér quel che le vol dir.
Se no te passi per el solito paesàm vegnù zó dai crozi en zità sol per el mercà dele zigole (se te le trovi) o dei scalìni (che te trovi zamai men cari al Briko).
Del rest ve ricordé quando Renzi l'aveva parlà del «Jobs Act»? Chie èlo che ha capì subit che no l'era na roba da buratini tipo l'«atto di Giobbe»?
Così come no ghe vol la scala per capir che «default» vòl dir «faliment»: no sém tant lontani dal «nàr de vòlt». Magari co la «v» ala todesca [nar defólt…].
 
Diré: eh ma l'è miga na novità dài. En fondo anca bar, sport l'è parole che da l'inglès le è deventàe taliane.
Anzi: se dìs barista, sportivo, ensoma, le è zamài anca… engramaticàe (meio sarìa dir engratiàe) ala taliana.
Per no parlàr de basket dropà squasi semper al posto de pallacanestro.
O de turismo che 'l dovrìa vegnìr me par dal francés «tour no»?
Del record al posto del primato. E de tante altre parole che trové anca da per voi se n'atimim ghe pensé su.
 
Però – scuséme la ciaceràda... l'ho ciapàda massa ala lontana – no l'è de ste parole chi che volevo parlarve ma de altri modi de dir, 'n taliàm stavolta, che da 'n po' de temp i è deventài, disénte cosita, de moda.
Ensoma te i trovi dapertut come 'l prezémol.
Soratut en sto àm e pàssa che n'ha dàt tuti i dì na vera stracada de bale (e no sol de quele) col covid.
 
Subit s'è tacà via copiando «L'amore ai tempi del colera», libro scrit dal colombiam Gabriel García Márquez, tra l'alter Premio Nobel per la leteratura... E po' anca en cine vist da tanti.
Bém, tut è deventà «ai tempi del covid», «El sport ai tempi del covid», «El laoro ai tempi del covid», «La cultura ai tempi del covid»... per dir, manca sol «I naranzi ai tempi del covid» e gh'è dénter tut quant.
 
Po' è vegnù fòra le bandére e i scartabèi sule teràze: «Andrà tutto bene» [Narà tut bèm].
Con zènt che cantéva e sonéva... che se sol l'avés savèst come la sarìa finìa (o meio, non finìa) n'am dopo, forsi i avrìa davera scrit «Nar tut a putane», come qualchedum ha fat dal bòm qualche stimàna endrìo.
Ma no l'è finìa chi. L'è da temp che tuti i dìs (ultimamént 'n po' de mém) che se scominzia a veder la luce en fònt al tunnel. Che però, pàr, sta galeria i deve ancora scavarla del tut, come el Brenero…
 
Entant che ghe pensém su i gà dit a quei che ha dovù tegnìr serà che tutmal ariverà i... «ristori».
Zerto che més tut ensema vegnerìa fòra na roba del genere, da rider per no pianzer: «Ristori ai ristoranti per ristorar»... Ti che te tachi i tachi a tuti... tachete ti i to tachi.
 
Tornando a parole foreste vèi da domandarse se zerti vazìni no i farìa pu bem dr dàti per boca e nàs enveze che co le ùcie dele siringhe.
Ensoma, basterìa dir quei nomi co 'n po' de saliva en boca per far i «droplets» (l'è le gozoline dài che zamài 'l savè).
Provè a dir Pfaizer o Sputnik (lo dìs anca la istessa parola che l'è da spuàr) e capiré che no sarìa en metodo tant... per aria.
 
Su AstraZeneca envéze dopo che è vegnù fòra quele rogne i dìs de star tranquili.
Anca perché no ghe sarìa propri ste reaziom «avverse».
Che no vol dir collaterali ma propri avverse... sfigae ensoma.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni