Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Quanta zènt en redazióm – Di Cornelio Galas

Quanta zènt en redazióm – Di Cornelio Galas

Gh'era anca quel che quando t'el vedévi vegnir en redaziòm, te te tochévi.. le bàle. E se te’l ciamavi per nome, el se tocava anca lù

image

Prima dei compiuter, prima dei facs, prima dei telefonini e, se sa, prima del covid, nele redazióm (non sol quéle pìcole) dei giornai, l'era en nàr e vegnìr de zènt che porteva létere, i famosi comunicati (magari scriti a màm), ma anca notizie... a vóze.
E propri de questi volerìa parlarve. Perché te riscévi de star lì anca na mezoréta (se la néva bem) a «doverli» scoltar.
Perché se 'ntant magari te te trévi envanti coi to mistéri, l'alter el te diséva: «Ma me scóltit o no?»
 
A Riva, disénte, dai ani setanta fim zamai ai primi dei novanta (endove tanti no i savéva gnancora cossa fussa sto diaolporco de internet) gh'era dei personagi che i paréva squasi enventài, come quei de Arbore e Boncompagni ala radio.
Per esempi, gh'era el Marti, che 'l gavéva na botéga de vestidi en via Vergolam a Arco, e che tra 'n cliente e l'alter, el lezéva el giornal per po' vegnir en redazióm a dir la sua.
El tachéva via sèmper col «Ci risiamo». Come dir che l'era na nova puntada dela storia.
E gh'è stà n'am che, come se dìs, l'ha tacà via a begàr col Berlanda, sèmper de Arco, sula questióm dela statua de l'arziduca Alberto, apena trovàda nele cantine del Castel del Bonconsigli a Trènt.
 
Eco, el Berlanda l'aveva mòs mari e monti per far tornar quéla statua sul so basamént (vòt) lì en prinzipi de via Capitèi, la stràa che porta a l'ospedale de Arco.
Perché – 'ò diséva el Berlanda – l'arziduca Alberto el meritéva de tornàr al so posto vist che l'era stà en benefator dela zità.
El Marti envéze el diséva che l'Alberto l'era stà um che nela so vita l'aveva fat sol guère («un guerrafondaio» la frase giusta, perché el Marti l'era da 'n zo) e che per sta resóm l'avrìa dovù restar lì al strof nele cantine vist che se l'era finì lì doveva esserghe stà el so perché.
 
I doi i è nai envanti a begarse sul giornal, me digo, almem tre quatro mesi. Fim quando el Comum de Arco l'ha rimés l'Alberto su quel basamént. O meio, fim quando, anca dopo, soratut el Marti el s'è stufà.
N'alter che vegnìva spess en redazióm, l'era el pòr Carlo Stella. Che tra l'alter l'è stà anca consiglier comunal per i socialisti a Riva.
Eco, el Carlo no 'l portéva sol létere da meter sul giornal, l'era 'n tipo sèmper su l'alégher.
E 'l scominziéva co na barzeléta e… no te podévi mandarlo pu via prima de savér come la finìva.
 
Po' gh'era en contadìm de tém, che ciamévem el Bàgol. Perché Bàgol? Spiego.
Lù 'l vegnìva zó a Riva (da pòch sora Cologna) sol na volta en stimàna, per nar ala vecia Agraria (dove adés gh'è el Poli, per capirne).
El vegnìva dénter e 'l diséva poche parole: «Sté atenti al Bàgol, che vèi zo tut...».
Noi se 'l scòlteva, bondì bonasera, e finìva tut lì.
Fato sta che 'n dì a Tèm gh'è stà na frana che l'ha portà zò en bèl toch de terém e con quel l'ha fat dani grossi anca ale case che gh'era sora.
E cossa dìsei i tecnizi sùbit?
«Colpa del cedimento del terreno infiltrazioni di falda acquifera sotterranea.»
Ensóma, en torènt sòto che l'è nà fòra. Come se ciamével sto torènt:? «Bàgol».
 
Gh'era anca quel che – sicóme no 'l diséva mai monàe – quando t'el vedévi en redaziòm, te te tochévi le bàle.
No fàgo el nome perché gò ancora paura.
Bém, sto chì el vegnìva denter piam piam e squasi sotovoze el te diséva: «Savé bèm neh de quei do morti sula Màza...».
E lì – vist che le volte prima l'aveva sèmper dit robe vere – no telefonévi gnanca ai carabinieri.
Te ciapévi su la machina fotografica e le ciàvi dela machina. E te névi drìt... ala Màza.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni