Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Pasqua, no càmbia gnènt – Di Cornelio Galas

Pasqua, no càmbia gnènt – Di Cornelio Galas

Come no te pòdi nar en giro? Ma se te pòdi anca nar dai suoceri...!

image

No, no càmbia propri gnènt, anca st'àm, per Pasqua.
Soratùt: 1. La vèi sèmper de doménega;
2. Pasquéta la vèi semper de lùni;
3. No se pòl nàr al ristorante a magnàr.
E tute e trée le robe mésse ensèma credo bém che le fàga girar le bàle.
Ve dirò: l'è da 'n pèz che sta storia che Pasqua la casca de domenega e Pasquéta de lùni la me fa rumegàr.

Fim a quando som nà en pensióm e no gò pù avù problemi a encastràr le ferie e riposi en modo da méter tut en bìna coi famosi «ponti», capì come?
Perché ultim de l'am, prim de l'am, Nadal, Santo Stefano, Befana, prim de magio, festa de la liberazióm, feragost e tute le altre feste le pòl capitar, méti, de vendro (che te ghe tachi almém el sabo e vei subit domenega).
Pasqua e Pasquéta? Gnènt da fàr: lì le va semper a cascar.
E no ghè propri gnent da far. No gh’è mal de bàle. Gnanca se te sacramenti en cinés.
 
El so, el so, la Pasqua la vèi contàda a seconda de quel che no me ricordo pù, en modo che la vei semper na domenega dopo quela dele Palme (che da noi se podrìa ciamàrla dei Olivi, dài).
Però, me digo, la istessa storia la dovrìa valer anca per Nadal alora.
O Gesù Cristo el nàsse semper el stés dì ma el resuscita a seconda dei conti che no so?
 
Tut mal cosìta l'è, févene na resóm. Così come dové méterve l'anima en pàze anca per l'altra roba che – sta chì sol da n'am, per fortuna – no la cambia gnanca stavolta: tuti serài denter per colpa del coronavirus anca se qualcos (poch) i te làssa far: nar a trovar i suoceri cramento, quando l'è da ani che se dìs Nadal coi tói e Pasqua con chi te vòi.
 
Ma fìm che i numeri de sta rogna no i và zo – così i dìs – bisogna star su co le recie e no enmuciarse pù de quel che propri no se pol. Anca se, me vèi da dir, no te pòi pensàr de controlàr col sciòp dapertut.
E – disènte anca questo – se no ghe fussa quei che telefona ai vigili perché vizim a so casa i sente far casìm e gosàr, col càvol che i troverìa quei che fa festa anca se no pòl.
 
En mèz meténteghe la questióm dei vazìni.
Che tanti casini l'ha combinà fim adès, come butar spìrit sul fòch per smorzarlo.
Prima el problema che i era pochi. Pò quel che no gh'era posti atrezài per farli, po' che no gh'era mèdizi e infermieri assà.
Pò che quei de Astrazeneca (che adès l'ha cambià adiritura nome) i fèva pù màl che bem.
Ma soratut el casìm vegnù fora per quei che el vazìm i dovrìa farlo squasi per forza e 'nvenze no i vol farlo.
E quei che per 'l vazìm i dovìa méterse 'n cóa e 'nveze i fa i furbi e la cóa i la salta magari grazie a qualche sfrugn o cola màm de l'amico dotor.
 
N'è vegnù fòra de tuti i colori. Dala spósa del capo a quel che laora a l'ospedal sì, ma per tegnìr a ùm le piante de fòra.
Dai avocati ai giùdizi.
Quei che «vardé che mi fàgo en mistér semper en mèz ala zènt neh» a quei che «gò novanta ani e no i m'ha gnancora ciamà, com'ela?»
Quei che «ma anca el generàl Figliuolo l'ha dit che se vànza dosi se pòl darle anca al prim che passa».
Quei che «Se fèssem così tuti quanti ah sèm freschi».
 
Me par che qualchedùm (el solito Sgarbi?) l'abia dit che en sti tempi par squasi de veder tanti drogài en giro en zerca... de punture.
Del rest no savrìa gnanca cossa dirghe a quei che adés vol farse vazinàr pù prest che 'n pressa.
L'è da quando i ha enventà sti vazìni che i ne 'mpienìs la testa sul fato che «bisogna vazinarse» per vegnir fòra dala rogna e salvar anca quei vizini a noi.
Pò de colp, sicome de vazìni, no n'è arivà tanti come se penséva, eco che – prima co la scusa de tegnirne via quei per el richiamo, po' col fato che bisogneva meterse a um su dove e come farli – de colp se varda de travers quel che vol correr a farse far la puntura.
Propri quela puntura che te vedi en televisiom ogni dì, ogni ora, ogni minut.
Come na medizina che te mete a posto, come qualcos che te pòl far nar en giro senza problemi.
Ma l'è ciàro che tuti i la vòl quela roba lì, drogài come i è dala reclàme che i ghe fa.
 
Va bèm, la mòco chì valà. No voi rovinarve la Pasqua e anca la Pasqueta.
Tanti auguri a tuti quei che lèze l'Adigetto neh.
E, se podé, tegnì duro valà, che forsi en dì podrém far – e magari no ne parà gnanca vera – quel che na volta se podéva, senza risciàr multe.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni