Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Come naràla a finìr? – Di Cornelio Galas

Come naràla a finìr? – Di Cornelio Galas

I nossi veci i ne contéva dela guèra... Noi conterém ai nevodi la storia del Covid

image

Ah, savérlo... Zèrto sarìa massa bèl, meti na matina, 'péna fòr dal lèt, lavarse, vestirse e nàr – come se fùssa normale – a béver en cafè, sentà zó, al bar.
Senza mascherina tipo méti e tira via ogni moment. Senza aver pocià le mam en quel gièl. Senza dover star lontàm dai altri.
E soratut senza quei scanderlòti de plastica da tirarse drìo lontàm dal bar, ensèma al zucher e ala paletina per misciarlo.

Me sa che quel dì – semper che l'ariva, semper che no serva ancora le mascherine e tut el rest – tanti per no dir squasi tuti, i se sentirà come pesàti fora da l'aqua.
Pù embranài de uno che 'l se trovés de colp liberà da na presóm dove dai e dai ala fìm el s'era anca ambientà.
Na roba da no creder, ensóma, na situazióm che, sule prime (ma anca sule seconde e le terze) parerìa squasi en brut scherz pù che 'n tornàr a quel che se podéva far prima dela rogna del covid.
 
Zà, perché pù se va envanti e pù ne par de restar fermi.
Come se 'l mondo fùs quel che ne tèi a um, denter casa, a zercar de vazinarne pù prest che 'n pressa, a rangiarne en qualche maniera.
E cosita, ciapài da sti penseri, piam piam risciém de desmentegarne come se fa a darghe la mam a quei che 'ncontrém, come se fa a basar sule sguanze putelòti e noni (no parlénte de altri tipi de bàsi), come se viveva 'na volta quando te t'encazzévi sol perché quei del ristorante dove te névi de solit i aveva més fòra el bigliet «chiuso per ferie».
 
Eco alora che forsi, quando i ne molerà (come bòi tegnùi per pù de n'am e méz serai en la stàla), me sa che no narém subit fora de corsa.
Ne varderém coi oci de quei che no ghe crede a sta libertà.
Po' farém magari qualche passòt. De chì e de là. Stando atenti a tegnir ancora la museròla (sì, volevo dir la mascherina) sula facia.
E dopo, ale tante, scominzierém a correr, piam pianél però.
Come se féssem finta de scaldarne i muscoi prima de scampàr del tut.
 
Prové sol a 'nmaginarlo. A parte bar, ristoranti, botéghe: podér nar en giro dapertut senza vardar se vegnì o né en de na zona rossa o arancióm o zàlda.
Senza autocertificazióm. Senza paura de ciapàr multe perché ve fermé anca sol a parlar co na compagnia de quatro amizi.
Credéme: no ve parerà vera. Anca se ogni àm, coi primi frédi, i ve ciamerà per far el richiamo del vazìm. Come tanti i féva a so temp per paràrse el cul da l'influenza.
 
Ensoma – così almem se spéra, meténtela cosita – vegnirà el dì, se Dio vòl, che faré anca voi come i nòssi nòni.
E conteré – envéze che le storie de la guera de 'sti ani, quando no gh'era tant da zernìr per magnar – de quando gh'era na malatia che l'aveva tacà squasi tuti quei del mondo.
E no se podéva far quest e quel. E guai se no te metévi la mascherina.
E guai se i te brinchéva en massa tanti per stràa o a far festa nele case.
E i aveva serà su tut. Anca i cine, i teatri, le palestre, le piscine oltre a tut el rest.
E tuti i dì i féva la conta dei malài, dei morti...
Miga come adés, pòpi – così diré – che podé far tute ste robe...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni