Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | La cassa del Duce en fónt al lach – Di Cornelio Galas

La cassa del Duce en fónt al lach – Di Cornelio Galas

Denter a quela cassa ghera sol pacièca: propri quel che è restà del Ventenio...

image

Scominzio col spiegar (se no no se capìs el rest) cossa vol dir «ordine di servizio» per quei che scrive sui giornai.
Vol dir che «l’è così o pomì».

Quando te ciapi st’ordine (dal diretor, dal caporedator, dal caposervizio) bisogna far quel che i te dis de far.
No ghè zeròti che tegna.
No gh’è mal de bale.

Odìo, g’hè stà dele volte che a sti comandi no gò dat da mem.
Perché (zercar la foto de un de dese ani che s’è copà) me pareva na roba da no far, prima ancora che i fes la carta de Treviso per no far ste monae.
E ve dirò che som stà content de ciaparme na predica quela volta…
Ma questa l’è n’altra storia come se dis quéle volte che no se vòl parlarne pu de tant.
 
Bom. Arìva dal diretor de l’Adige de alora, el Paolo Pagliaro, quel che fa la scheda a 8 e mez per la Gruber, per capirne, st’ordine: «Và zò a Gargnam sul lach de Garda che – i me dis – i sta tirando su na cassa con dénter i diari del Mussolini».
No erem en tanti quel dì a laorar per la redaziom de Riva. No l’era propri el massimo piantar lì tut per nar a far robe che te avria portà via tante ore.
Però ala fim en qualche maniera sem partidi: col fotografo, co en colaborador. E via vers Gargnam.
 
Arivai zò (dopo aver seità a sonar a quele machine dei todeschi che neva a dese a l’ora sula gardesana) avem capì subit che l’era na situaziom strana: gh’era zà lì quei de l’Ansa, del Coriere, de la Republica, de l’Arena, del giornal de Brescia… Ensoma i ghera tuti, anca le televisiom.
Ghera anca i sub pronti. E carabinieri, polizia, pompieri, finanza… mancheva sol l’esercito coi cari armati.
 
La storia però l’è nada per le longhe. A mezdì tuti i giornalisti, stufi de spetar, i era nadi en de na tratoria: pés de lach la spezialità.
E lì tuti che i ne vardeva, noi de l’Adige, coi blocheti de carta fati con le pagine de drio de vecie stampade tegnue a um da en par de fermai de fer.
Lori i gaveva drio registratori, machine da scriver, e… i s’è fati far la fatura del cont. Che po’ qualchedum avria pagà al giornal.
Noi? En tost e na bira, per sparmiar. Figurarse se avressem podù portarghe su a Trent en cont de pés ala grilia da pagar, anca senza vim.
 
E avanti. Co l’elicotero ariva l’Alessandra Mussolini e l’Ignazio La Russa.
Tuti pronti a veder quel che sarìa vegnù sul lach. E ancora enterviste:
«Sì, voglio vedere cosa c’è di mio nonno in quella cassa…».
E l’Ignazio: «Credo sia importante per una rivalutazione di quel periodo storico…».
 
Tuti lì, spetando che i sub i vegna su. E ala fim i è arivai piam piam, sula spiagia. I tegniva sta cassa come se fussa na reliquia.
Eco, adès, piam piam, i l’averze… e… oscia quanta pacièca, ancora pacièca… sol pacièca.
I la svòda su na lamiera de alumini.
Sì, pacièca… con denter anca qualche aola marza.
De colp ne voltem: cramento no ghè pu nessuni. Tuti sparidi.

Vago al bar (no ghera i telefonini) ghe telefono al Pagliaro: «Scolta, denter a quela cassa ghera sol pacièca».
E lu: «L’è lo stess, va su a Riva e fame do pagine de sta storia, tèi è vegnù su anca la Mussolini, te me capissi bem…».
Sem tornai su. Avem fat do pagine su sta storia.
Titolo: «Svelato il mistero del Garda».
Così i doveva arivar a l’ultima riga per capir che … l’era sol pacièca.
Cossa ha scrit i altri giornai? Che forse l’era anca documenti segreti, ma ormai i era nà en mona.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni