Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Ma ti hat fàt el Grìn Pass? – Di Cornelio Galas

Ma ti hat fàt el Grìn Pass? – Di Cornelio Galas

Putèi, son en giornalista e ho fàt anca mì déle enterviste en giro, tra la zènt, per savér cossa che i ne pensa de sta storia del Grin Pass

image

- El Grin Pàss? Oscia, a dir la verità, no l'ho mai fàt. E sì che ne ho fàti de Pass... Tutmal basta savér che dislivèl el vegnirìa a gavérghe.
Che rodìm davanti e drìo l'è meio méter.
Po', se no l'è en tanta mona, cioé no lontam dale nosse bande, se podrìa anca farlo, cramento.
(El Gino, de soranome «Baik»)
 
- Entànt se l'è pàss vol dir, per quel che 'n so mi neh, che l'è stà massa tant al sol.
E col calt de 'ste stimàne, me sa che oltre che pàss l'è zamai anca séch.
Ensoma, no vèi for gnent...
(L'Aldo, capo dei orti per i veci)
 
- Per mi l'è ancora prést per dir che pòl passàr da le stràe sol quei che gà el bolìm vért; sì ensoma, quei che no manda fora dai tubi de scapament quele spùze che po' finìs per aria.
Po', come la meténte se i và tuti sol co l'eletrico? Sat che boléte che te ariva a casa?
E vòt che no ghe sia aumenti diàolpòrco?
(El Bepi del distributor Agip)
 
- Se la va envanti cosìta te derài che en dì o l'alter te ghe se volerà en toch de carta col bolìm anca per nar da na banda a l'altra de la stràa.
O per nar denter e fòra dale rotatorie. O per far marcia endrìo se t'hai passà la svolta per el bar.
No se pòl dai. E po': sàt quanti vigili che se volerà per darghe n'ociada a sti biglieti da la matina a la sera?
(L'Ugo, vecio stradìm de l'Anas, en pensióm)
 
- La Luisa, quela che ne ensegna a dropàr el compiuter, l'è stàda lì a smanetàr tut el dì e anca la nòt per trovar sto grin pass.
Pò l'ha smorzà su tut e a mi la m'ha dit che forsi l'è meio nar direti en farmacia per zercarlo.
E, zà che vago lì, de cromparghe na confeziom de voltarèn per el mal de scheéna, e la pasta per tegnìr su la dentéra...
Ah, anca na busta con dése mascherine che no la trova pù quele nòve che gavéva prestà la Gisela.
(El Bruno, dela Università dei Anziani, corso Pc)
 
- Chi tra grin e gron i ne envènta ogni dì una.
Sò bem del bào mi de cossa te me parli.
Fàme veder sto grin gran pass che dopo te so dir se l'ho fat o se gò entenzióm de farlo.
(El Gigi del formài)
 
- El Grin Pass? Oscia, per quel che me par de savér, l'è come la scimia.
Fim che te la gài entorno no la te fa gnent... L'è quando la te vèi adòs, diaolporco, che l'è dura, burp... nessì.
(El Bepi, soranome «Vim», tra na bàla e l'altra)
 
- Fim quando no te parli come te magni no capìsso gnent, sat caro.
L'è ora de finiamola, guaiapòrcole, de dropàr sti nomi che no se capìs cossa che i vol dir en taliàm corezùto.
(El Giani de Mori vecio)
 
- Ghe n'ho zà na Pass...ùa da per mi a laoràr che pensar ale passùe de i altri.
Ogni dì gò vinti vache, dése porzèi e anca quatro cavre da guernar.
Te poi enmaginar se vago a torme su altri laóri...
(El Mario de la malga Carolina)
 
- Elo en nòf sport de le Olimpiadi? Ah, zamài i farà le gare anca de le balòte de vedro me sa...
Se i fés almém quele de briscola, de roba mazét, de trisàc.
Pass...a de tut quando gh'è de méz le televisióm.
(El Franco del Club «Zugatolóni»)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni