Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Dopo la Befana, ogni 7 dì fa 'na stimàna... senza feste – Di C. Galas

Dopo la Befana, ogni 7 dì fa 'na stimàna... senza feste – Di C. Galas

Ma perché ciamar tut en inglés? Per esempi: Booster. Se pronuncia Buster no? E alóra no valeva la pena ciamarla subit: BUS TERZ, ensoma TERZ BUS?

image

Tuti bèm? Tuti fòr dal lèt? Spero propri de sì. Tutmal, se sa, dopo le feste l'è squasi destrani sentirse lizéri, a piombo (nel senso che tra barbòz e parti basse el fìl no l'va zó giust dirènt).
Perché, cramento, tra panetoni, pandori, zèlteni, biscoti dela nona, dela zia e dela cugnada, se se trova davanti ala bilànza.
E l'è lì che scominzia i problemi.
 
Per dir, anca mi (come tuti credo) el dì dopo la Befana (dopo no gh'è pu feste fim a carneval neh) fago semper do monàe, una drio l'altra.
La prima: pesarse.
La seconda: vardar quanti soldi gò sul me cont en banca.
 
Per el secònt problema no resta alter da far che spetar la pensióm de febrèr.
E nar envanti coi vanzaròti de Nadal, del Prim e de l'Ultim de l'Am.
Per el prim envéze (oh, no sté magnar massa vanzaròti però) bisogna, come se dis, meterse en po' a ùm.
Quando ve vèi voia de magnar o bever qualcos che podrìa no farve pu star nela giachéta... eco, dir de no e voltarse da l'altra banda.
Pù fazile da dir che da far, el so. Ma se pòl anca far na specie de gara, coi so bei premi.
 
Per esempi: do chilometri a pè per poder zacàr na briòss.
Tre chilometri a pè per tacarghe sul tardi do tartine e 'n spritz.
Oh, gh'è quei che vol fàr anca i sboroni e i fa magari el giro de la Busa (dese e passa chiliometri) co l'autìm e po' i va a farse na pìza.
Ma no l'è quela so mare...
 
Anca per el fatto che prima o dopo ve troveré de nof davanti ala bilanza. E lì no gh'è zeròti che tegna.
Oddio, mi ho bèm provà a méterghe màm, a laoràrghe drio, a tirar via guide, baterie.
Gò dàt anca en par de peàe. Gnente.
Me sa che quei che fa le bilanze i se gode a farle stàifele. E a farve sentir dei pòri diàoi quando ghe monté sora.
E secondo mi i sa anca che en dì naré così for de testa che buteré quela bilanza dal pogiòlo... E dopo così dovré nar a comprarne una nova.
Capì come se fa i afari?
 
No bastés sta storia dele panze dopo le feste anca st'am no sém gnancora né fodrài né embastidi sula questiom del coronavirus.
E te paréva che la podéssa nar meio...
No so voi, ma mi, senza savér né lezer né scriver, me la som subit entaiada quando i ha scominzià a parlar de sta variante nova, si, ensoma de sta... omicron.
 
Perché qualcòs de greco ho studià al liceo de Riva. Ma no se ghe vòl la scala del rèst per capir che micron vol dir picinim... come en microbo.
E se la Alfa l'ha ciapà soratut i parenti (neói soratut) de quei che na volta fumeva i zigareti de quela marca (senza filter neh), se la Delta i la ciàpa depù quei vizini ai posti dove i fiumi i fa quel ghirigori prima de nar nel mar, eco, secondo mi la micron l'è così picola che la và en tuti i busi.
Eco perché adès no va pu bèm le mascherine chirurgiche e ghe se vol le FFP2 (Fa Filtro Per Dói).
 
E meno male, i dis, che tanti i ha zà fat la terza dose del vazìm.
Che – scuseme – a forza de darghe nomi en inglés se riscia de no capirse pù bem.
Per esempi: Booster. Se pronuncia Buster no? E alora no valeva la pena ciamarla subit: BUS TERZ, ensoma terz bus?
 
N'ultima roba prima che i me sèra via.
En casìm de zènt en coa per farse sti benedeti tamponi. Tacai um co l'alter. Senza mascherina magari.
Ensoma, come ghe ciàmei? Asembramenti? Va a finir che quando arivo da quel che me mete el càttom fiòch nel nas i m'ha cazà endòs la rogna en zinquanta.
E alora 'sa fàgo? Me rimeto en cóa n'altra volta tra dese dì per ciaparne n'altra rata?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande