Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Stém nando tuti en asédo... – Di Cornelio Galas

Stém nando tuti en asédo... – Di Cornelio Galas

Va tut a l'incontrari en st'Italia. No se pòl gnanca pù dir: «piove, governo lader». Perché magari 'l piovéssa…Sì, do gozze ogni tant

image

De zèrto no ne sém fati mancar gnent en sti ultimi ani.
El covid, la guera, la crisi e adès anca el governo che va dal balom su drit.
En pù la sùta con foghi che tra Nàch e Panarota i ghe dà da far dì e not ai pompieri.
Foghi che tra l'alter pareria esser stadi tacài da qualchedum che no gà de sicur le rodèle al so posto. Perché l'è da ani zamai che i dìs che i fòghi no i scominzia da soli.

Ensóma, a l'autocombustióm (come a Babo Nadal) no ghe créde da 'n pèz gnanca i putelòti.
Fato sta che - me par neh – sém sì abituài ai casini da no pensarghe su pù de tant.
Del rest gh'è semper quel déto: la fortuna l'è orba, ma la sfiga la ghe vede benóm.
Per dir che no bisogna mai fasàrse la testa prima d'aver ciapà na bòta en testa. Perché te podréssi ciapàr na bota pù forte. Che te tira via la prima fàssa.
 
Tut mal – disénte la verità – dai e dai se desméntega tute le miserie quando ne ariva de nòve e de pèzo.
No digo che no ne faga pù né calt né frét quel che suzede en Ucraina. Però ho vist zent, al bar, che parléva pù del matrimoni finì tra el Checo Moser (e prima de quel tra Totti e l'Ilary) e la so sposa che de altri problemi de zert pu grossi.
L'è ensoma quasi rider per no pianzer. O méter el zervèl da n'altra banda per no dar for da mat.
E alora tut ghe va drìo mam. Anca i numeri del covid, tornài alti. Anca quel che è suzés en Marmolada, anca el càlt bestia.
E adès anca el Draghi che - 'l l'ha anca dit - «el ghe n'ha piém le azze».
 
E tut capita – varda ti – semper d'està. Quando la zènt (se la ghe stà denter quel che costa) l'è en ferie.
Con tuti i problemi che – come dit – zerchévem de desmentegar.
Va tut a l'incontrari en st'Italia. No se pòl gnanca pù dir: «piove, governo lader». Perché magari 'l piovéssa…
Sì, do gozze ogni tant. Come dis quei che ciàpa em bicier de vim dal solito amico tacàgn: «Gnanca na lagrima per bagnarse i lavri».
 
E alora no resta che nar envanti.
Sì, sém propri drìo che nem envanti. No drìo mam. Propri endrìo.
Quando a Cana (non de cana, neh) era vegnù a mancar el vim, el Sioredio l'aveva trasformà l'aqua en vim.
Ades sto miracol no 'l ne farìa tant bem. Perché me sa che zamai sem nai tuti en asédo.
Gavréssem bisogn pù che alter de n'atimo de pàze. De no sentirne semper ciapài come en cavriòl che gà drìo la paràda dei cagni dei cazadori.
 
Per dir, ho sentì zà qualchedum che mete le mam envanti: ma scolta, perché dovrìa farme la quarta dose contro el covid se gh'è ancora en giro zent che no è mai nada a farse sbusar?
E ancora: el condizionadòr el costa massa e se t'el tegni empizà vol dir che te sei per la guera?
Basta méter la testa nel frigo en par de minuti. E te ragionerai meio, capì come?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande