Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Par n’altra vita, ma l’era ieri l’altro – Di Cornelio Galas

Par n’altra vita, ma l’era ieri l’altro – Di Cornelio Galas

Quando ero corispondente da Dro, Drena, Nàch e Torbole… Bei tempi, oscia!

image

Na volta, per sperar de deventar giornalista, te dovévi ciapàr al volo tute le ocasióm.
Anca a costo de dir che te savévi fàr robe che no t'avevi mai gnanca provà a far.
Cosìta, quando nel '75, me sóm presentà nela redazióm de l'Adige a Riva gò dit che savevo far foto e sviluparle, che l'era da ani che névo drìo a le partide de balòm, de palavolo e basket. E che avevo anca fat en par de giornài mei. Tut véra, neh.
Trane che le foto le portévo a svilupar da l'Emanuelli. Che le partìe de balòm le vardévo dal prà davanti ala Sarca dove da bòci se néva de strafùch.
E che i me giornài i era sol dòi: quel (fàt col ciclostile) del Sci Club Arco. E quel (anca quel fat col ciclostile) de l'Oratorio de Bolignàm. Beh, comunque i gh’era…
 
Fato stà che i m'ha dit: «Dài che provém a veder quel che te sài far».
E alora névo squasi tuti i dì da l'Emanuelli per veder come che 'l féva a svilupar ste benédete foto.
Pò lezévo tut quel che i scrivéva dele partìe de balóm dela Busa.
E per el rest disévo semper de sì, mai no o forsi.
Così, dala matina ala sera, me som trovà a far el corispondente per l'Adige prima de Dro, po' de Drena e pochi mesi dopo anca da Nàch e Torbole.
Questo perché i corispondenti da sti posti l'era per lo pù i segretari comunali de quei comuni. Che no gavéva semper el temp de scriver per el giornal.
 
E alora partivo da Vignole, de matina prest, col me motorim (en Dingo Guzzi) e via vers Dro, su per Drena, zó, dopo disnar, dopo aver magnà en panét, vers Nàch e Torbole.
No l'è che i m'avés dàt tante drìte neh. I m'aveva sol dìt: «Ti và en quei paesi e... snàsa le notizie».
Sule prime ero, a dir la verità, en po' malmostós. Perché snasévo, snasévo. Ma me paréva sol spuzza che notizie da scriver.
Per fortuna, col temp, ho capì che bisognéva darse na mossa. No stàr lì, entréghi, a spetàr che le robe da scriver le te vegnìs endòs.
E cosìta, sèmper col me motorim, ho scominzià a far el giro dei... bar. A conossser tanta zent. A far fora quei pochi soldi che ciapévo... en bianchi e rossi per farme dei amìzi.
 
Eco che alora, de colp, te deventévi propri come um che abitéva a Dro, a Drena a Nàch e Torbole.
Con zènt che come la te vedéva la te diséva: «Cornelio, sàt gnent de quel che è suzès ieri sera?».
No l'era squasi mai robe bele, Anzi. Però prima de scriverle sul giornàl parlévo con... mèz paés.
E ognùm diséva la sua. E ognùm gavéva le so dése righe en quel'artìcol.
No gh'era sol miserie. Per esempi, a Drena, avévo vist che gh'era na via che se ciaméva «via dei Salti».
Oscia... Ciàmo do putelòti e ghe fago la foto entant che i salta su quela stràa. E 'l dì dopo ne parléva tuti en paés...
 
Vers Cavédem gh'era na vìla de todeschi, co 'n cartél davanti: «Attenzione, sparatore automatico».
Ho provà a butarghe denter dei sassi... no era suzés gnent per fortuna.
E che dir de quela volta che la Gianna Nannini l'era vegnùa a cantar a Drena, en Valzenìga? Ala fim l'era, disente cosita, en po'… storna.
L'ho messa su la me zinquezento (crompada a rate) e l'ho portàda a l'abergo Drena. Squasi en camera...
A Dro i m'aveva contà de do fradèi (mascio e femena) che i gavéva … i organi sbalài. Ensoma, um el gavéva el còr a destra, l'altro el fegato...a destra anca quel. Per no parlar del rest...
 
A Nàch gh'era n'artesàn che lavoréva i corni de vaca.
Pò la Gort, dove sia d’istà che d'inverno gh'era semper el stess clima.
E po' el scheletro del longobardo trovà sul Baldo.
La squadra de calcio del Torbole col «Volp» Ischia.
Tanti ricordi che, col temp, m'ha fat pensar. En fondo alora l'era pù bel far el giornalista. Da corispondente.
Pù che um che bate tasti su 'n compiuter e l'è semper co la recia sora en telefonim...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande