Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | È giunta l'ora di finiamola – Di Cornelio Galas

È giunta l'ora di finiamola – Di Cornelio Galas

Ho provà en tute le maniere a parlar e 'tagliam, ma al sindaco l'è meio parlarghe en dialèt: te derai che forse el capiss

image

È rivàta l'ora di mocàrla lì coi dialèti che vano più bene degli altri. Ensomma di quei modi di dirre che sono più dropàti anca nei cine e nele comedie e  ala televisione. Come se fussano più da studiati e lezùti del dialeto trentino de noialtri. La colpa è dele squole. Che quando c'erano i crucchi facevano insegnare il todesco. E dopo quando sono rivati i 'taliani... hano fato imparare a parlare e scrivere in ponta de lengua.

E inveze, a casa, tuti dropavano il dialeto. Vegnivano fòra, alora, dele ciacerate strane. Come queste:
«Metéve a ùm che prest se magna...»
«Ma papà, la maestra, quando ci manda giù dabasso ala ricreazione ci mete in fila per doi mai per uno.»
«'Sta tènto che se te còri così en casa te me ròti el guindol»
«Cosa verebbe ad essere il guindolo?»
«Dai che ném sul solèr a portàr la ramàda»
«Sì, ciàmo anca el Sergio per portare tutta quella cosa fatta di rami sul solero.»
 
Pò gh'era i temi fati en clase. De solit senza en titol precìs: te podévi scriver de quel che te volevi.
N'ho tegnù via qualchedum:
«Sicome non saprebbi di cossa scrivere avressi pensato su di fare un tema sul mio zio Gigioti che fa il contadino e aleva dele vache per il late.
«Lo zio Gigioti ha i brazzi grossi ed è tuto sempre rosso perché sta tanto a laorare al sole e poi quando viene di volta dala campagna beve il vino rosso fato co la sua ua.
«Guida un tratore che fa tanto ciasso perché lui dice che i mecanizi sono dei ladri e vogliono tropi soldi per meterlo a posto.
«Al tratore ha tacato un rimorchio dove mete le boàzze dele vache che poi dropa come grassa per le vigne e le altre piante e verdure.»
 
Gigioti quando andiamo a trovarlo è sempre contento come una Pascua anca prima e dopo questa festa.
E dice sempre che fino a quando riusciamo a venire fuori dal letto co le nostre gambe vuol dire che tuto va bene.
E se qualcuno gli dice che bere e fumare fa male risponde che «tuti prima o dopo dobiamo morire anca queli che si stanno sempre dietro.»
 
N'altro tema:
«Vorrebbi scrivere di mio papà che è marangone, Lui prende gli alberi intréghi e li taglia su co la bindèlla.
«Poi li piala e li inchioda e incola a seconda di quelo che volesse fare, cioè se finestre, porte, careghe, taoli o altro.
«Quando li ha mesi insiema li grata co la carta vedrata e poi gli dà su il paiz che dà colore scuro o come si vuole al legno.
«Poi la vernise in due metùde: la prima col turapori per coprire tuti i buchi poi dopo un'altra gratada la seconda che resta liscia.
«Si carica poi tuto sul furgone e si porta nele case dove si devono montarre i seramenti.»
 
E per finir 'na letera al sindaco de Arco per dirghe de problemi su la stràa denòr al zimiteri:
«Caro sindaco, te scrivo en dialet perché en 'taliam par che nesuni me capissa.
«Tut per dirte che l'è zamài da do mési e mèz che gò dìt ai pompieri de Arco de quel tòch de stràa vizìm al semafor de Vignole.
«Sarà en par de metri de 'sfalto che sta per vegnir zò nel bus de soto.
«Secondo mi l'è stà tut colpa de qualche càmiom o tratór che pasando de lì l'è nà en pel for de ròta e l'ha spacà zò el muret.
«Sol che adés piam pianel quando piove l'aqua la ghe magna de soto e me sa che prest và zò anca quel che adès l'è en pè per miracol.
«Ghe l'ho dit anca ale guardie del Comum che le era lì qualche stimana endrio e le ha anca fat dele foto col telefonim.
«Ah e gò fat scriver (en taliam) a me neó sul sito del compiuter del Comum dove se pol far ste lamentele. Gnente gnanca da lì.
«Oh, sindaco, t'el digo ancora. Dopo che no vegna fora che no te l'ho dit o che ho fat finta de gnente.
«Saludo neh...»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande