Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentim dopo che i g’ha robà en casa – Di Cornelio Galas

El trentim dopo che i g’ha robà en casa – Di Cornelio Galas

No gh'è gnènt de pèzo che i ladri che i vegn a sfrugnar tra le to robe...

image

(Alla moglie): «Ma set sicura de aver telefonà ai carabinieri? No, perché chi no ariva nesuni oscia, i faria a ora zamai a vegnir de nof i ladri diàolporco!»
(Moglie): «Sì sì ho fat el zentodódese… ma càlmete demò che te vei qualcòs, còlmete che la n’è nada ancora bem valà, pensa se i vegniva de not entànt che dormìvem…»
«Cossa vol dir, se i sentìvo tirevo fora el dodese, a st’ora i sarìa ancora chi che i se caga adòs da la paura… Ma oscia sti carabinieri arìvei o no, che gavria anca da nar a far qualcòs…’cramento!»
 
(Arrivano i carabinieri): «Buongiorno, scusate il ritardo ma c’era parecchio traffico stamattina…»
«Si va bèm, ma podéve anca tacàr la sirena no…?»
(Maresciallo): «Eh ma questa non è un’emergenza…»
«Ah, ho capì… No no va bèm…. Ah ho capì, l’è per sparmiar la benzina?»
(Maresciallo): non posso negarle che ultimamente abbiamo anche questo problema… Ma mi racconti cosa è successo che il brigadiere verbalizza e poi fa anche qualche foto.»
 
«Gnent, ieri sera mi e la spósa sém nài a magnar na piza, gh’era anca me cugnà Osvaldo che l’è fradel gemel de la Franca, la me sposa, che la vegniria a esser la fiola de ‘n marescial dei alpini. Ades però l’è ‘n pensiòm.
«Che ‘l saria originari de Bergamo e ades l’abita en quela via sora Trent che i gà cambià nome… come se ciamela Franca ades quela via…?»
(Maresciallo): «Scusi se la interrompo. Ma a noi basterebbe sapere in estrema sintesi come e quando è stato messo a segno il furto, cosa è stato asportato, se ci sono segni di effrazione…»
«Ma difati ghe stevo disendo, erem nai a magnar na piza, mi la me sposa e me cugnà Osvaldo… Mi ho tòt na capriciosa… Ti Franca cosa avevìt magnà?»
 
(Maresciallo): «Scusi, passiamo al momento dell’arrivo a casa…»
«Eco, sì, sarà stà le dése, le dése e meza, forsi anca le óndese… Franca, a che ora sente vegnùi de volta?»
(Moglie): «Ah, no saveria… el temp de saludar me fradèl, po’ i n’ha ofert en limonzim, t’hai pagà ti col bancomat…»
(Maresciallo): «Facciamo tra le 22 e le 23… E cosa avete trovato?»
 
«La porta l’era serada. L’ho daverta, empizà la luce, pareva tut a posto. Tanto che me som més sul canapè a vardar en toch de televisiom… che gh’era su quei film veci che i méte l’istà… Franca, che cine erelo quel che avem vardà che dopo te te sei endromenzada subit?»
(Moglie) «Ah, no me ricordo, no, speta… forsi um co quela atrice terona… l’era en bianco e nero però…»
(Maresciallo): «Va beh, nessun segno d’effrazione sulle finestre in altre parti della casa?»
«El me scusa maresciàl, ma cossa entèndelo per frazione? Noi chi saressem en Oltresarca fraziom de Arco, ma en realtà saria località Fibie, anca se gavém l’ùss vers viale Roveredo… L’è sèmper stà en casim col postim…»
 
(Maresciallo): «No, volevo dire, ha notato qualcosa di manomesso, forzato…. Insomma il possibile punto di entrata dei ladri?»
«No, no tut a post. Anca le finestre, tute serae. Perché l’altra sera pareva che vegnìs zò pali de fer, s’era més anca el vent… E alora prima de nar en pizeria gò telefonà a me cugnà e gò dit: “Sta tento a vegnir zo da Trent che ve ina tompestada me sa…”.»
(Maresciallo, sempre più infastidito): «Scusi, le spiace se diamo un’occhiata all’interno del suo appartamento?»
 
(Moglie): «Ah el faga pur, no ‘l staga a vardar el gazer en giro sàlo, perché dopo quel che è success ho dovù torme zò na camomila… No som pu stada bona de far gnent, e gavria en mucio de roba da stirar, che ’l bocia l’è pena rivà dale vacanze co na caterva de robe sporche…»
(Maresciallo, dopo il sopralluogo): «In effetti non si notano segni di effrazione, ehm, di scasso, insomma se lei dice che la porta era chiusa verrebbe da pensare che i ladri siano entrati con una copia della vostra chiave di casa… Ha dei sospetti al riguardo?»
«Oscia, le ciavi le gavèm sol noi, mi, la me sposa e ’l bocia…»
 
(Maresciallo): «Ma cosa hanno asportato?»
«No, la piza l’avem magnada lì, en pizeria, no de quele da trasporto…»
(Maresciallo): «Intendevo dire, cosa hanno rubato?»
«Ah el varda, entant tute le bire che ghera en frigo, po’ i ha netà quel che ghera nela credenza en cosina: pam, patatine, robe cosita. Ah e i s’è portai via anca le botiglie de spumante che era vanzà da Nadal e da l’ultim de l’am. E no l’è miga finia. Tuti i ’fetati, pena toti, luganeghe. Perfìm ‘na scatola de toscanei… Che ’n fumo um ogni mort de vescovo… Po’ Franca dighe quel che no ghè pu ne l’armàr, dighel al marescial…»
 
(Moglie): «Sì l’è strano, i m’ha robà na camicieta, na vesta, anca la vecia paruca de me pora mama che l’aveva fat la chemio… El sa nò che se perde i cavei… pora dona quant che l’ha sofèrt…»
(Maresciallo, perplesso): «Ma come avete trovato l’interno della casa, in disordine, come se qualcuno avesse cercato qualcosa di valore?»
«No, no tuti i sportei serai… ne sema corti quando m’è vegnù voia de ’n goz de bira che alora ho avert el frigo che gò dénter anca la lengua da far ancoi… Po’ volevo en po’ de patatine da magnarghe drio… e la sposa enveze quando l’è nada a zercar qualcos de còmot per star sul canapè, capisselo?”
 
(Maresciallo): «No, non capisco. Nient’altro? Qualche indizio, qualche traccia…»
«No, no me par…»
(Maresciallo al brigadiere): «Direi che forse bisogna chiedere alla scientifica di verificare se ci sono impronte digitali diverse dai proprietari su frigo armadi e altri mobili…»
(Moglie): «No no ho bem netà tut co la pèza e l’alcol stamatina… Me fa anca schifo saver che magari i gaveva le mam sporche entant che i sfrugneva en mez ai mè vestiti, barea…»
(Maresciallo): «Perfetto, adesso non abbiamo niente in mano…»
 
(Suona il campanello): «Ma chi èlo adès… che gavèm da far?»
(Il figlio): «Som mi papà, davèrzi valà che ho pers le ciavi…»
«Diàolporco anca ti… l’è zà la terza volta che te perdi ste ciavi ma ‘n do gat la testa? E po’ en do set stà tuta la not che to mama te la fai morir… Ghè stà anca i ladri chive…»
(Figlio): «I ladri? E cossa hai portà via?»
«Robe da magnar e vestiti de la mama, ti quando te servi te sei semper en giro…”
(figlio): «Ma no, ma no… Som stà mi a tor quela roba da magnar e da bever… che avèm fat na festa per la laurea de l’Alex…»
 
«Cossa? Cossa? Odio me vei mal… en ladro en casa…. odio me vei mal…»
(Figlio): «Ma ghe l’avevo dit a la mama che me serviva qualcos per la festa… Difati gh’era denter i ’fetati e le bire che gavevo dit de torme…?
(Moglie): «Ah mi no me ricordevo zamai pu… Ódìo che figura…. ma e i vestiti, i me vestiti?»
(Figlio): «Ma sì i gò chi nel borsom… I serviva per vestirse da dona e far do monae ala festa…»
 
(Maresciallo): «Bene, direi che noi possiamo andare…. attenzione però la prossima volta eh, che questo è procurato allarme…. C’è una multa…»
«No, no no l’èm mai mes su l’alarme… El costa massa e po’ se sa, se i vol vegnir dénter i ladri en qualche maniera i vei denter… l’è soldi butai via.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande