Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Quand el presèpi el féven cóle man – Di Cornelio Galas

Quand el presèpi el féven cóle man – Di Cornelio Galas

Sol che po' sem deventai grandi. E 'l presepi nòf l'è restà nele so scatole sul solèr...

image

'N dì che vèi zò dal ziél pàli de fèr, n'alter che fa squasi massa calt per la stagiòm. No se capis pu gnent del temp. Ma no sol de quel.
Per esempi: 'na volta i saldi, i sconti i li féva 'pena passà le feste. Adès enveze i tàca via a tirarte drìo squasi per gnènt le robe per i regai quando no l'è gnancora pasà Santa Luzia.
Col blèck fra i déi. Che sarìa - barèa - el grep tra i déi dei pèi? O dele mam?

Tut mal anca anca ai mercadini de Nadal, en po' en tut 'l Trentim, zent che n'è. Anca e soratut foresti.
Ma calma e gèss.
Quela del blèck fra i dei l'è na roba vegnua - come allouim - dalla Merica.
Tanta zènt streta come le sardèle (ma no contro Salvini) che 'pena i averze le boteghe la core per compràr qualcos per de mém, per tant demém...
Che no se rièsse a capir come i faga en quei negozi a servir tuti, a farghe magari anca el pachet coi fiochi (secondo mì no i lo fa) 'l cont e a farghe el rest endrìo.
Così come no se sa come i faga quei che va denter en quela bolgia a trovar subit quel che i zerca: magari i riscia de vegnir fora (i masci) con mudande da dona (no da regalar perché no ì è sposai e gnanca fidanzai) e (le done) con slip da òm (anca lore magari né sposae, né fidanzae, e gnanca vedove).
 
Ma sicome gh'è sconti che pol arivar anca al setanta per zent... via che la vaga. Che no se perda l'ocasiom... Ho vist coi me oci um vegnir fora da 'ste boteghe cargà come en mul.
E ostìar, perché la moiér la ghe diséva: «Dai, su, che dovém nar almem da altre zinque bande entro do ore.»
Quéla dei mercadini de Nadal l'è enveze n'altra storia.
Na volta gh'era zent che néva en Austria, en Germania, en Svizera perché gh'era sti bacuchèi dove oltre a ànzoi, corone, candele gh'era anca vin còt, probusti caldi, maroni, ensoma roba da zacar e bever.
Po' sti mercadini i ha scominzià a vegnir su come i fonghi anca dalle nosse bande.
De pù: gh'è zamai quei che organiza viàzi anca da 'n zò per vegnir chi en Trentim a farse en giro en po' dapertùt dove gh'è sti mercadini.
 
Dove se vende de tut. No sol robe de Nadal. Anca tochi de formai e salami che i val come l'oro... E che per forza a cà te tài zo a fete fine fine... Con quel che 'l m'è costà...
E ancora, capèi, candele, tut l'armamentari per le feste: «Oh, vardà che dele balote de l'am passà per l'alber la metà le è stàde rote dal cagnot... E manca anca qualche pégora del presepi zà che te vai al mercadim.^»
Vei da domandarse: come févem 'sti ani senza i mercadini de Nadal?
Ve ’l digo mi. Entant prima de far el presepi se nèva zò en campagna a tirar via dai muréti (e soto) el muscio.
Con quel, sora en toch de compensà, se fèva el «prà» del presepi. Po', co 'n toch de zòca se féva la capana.
E le statuine? Me ricordo che da bocia, col “traforo” avevo tatià fora l'àsem, el bò, la Maria, el Bepi e 'l bambinèl.
Prima avevo tacà le figure taiade da dei giornài de ciésa sul compensà, se sa...
 
E cosita per i pastori, le pegore... En bel laghet fat co 'n toch de vedro colorà de blù... e avanti cosita per tute le altre robe. De compensà anca la stéla cometa.
Col temp, piam piam, s'è comprà ala Rinascente (o a l'Upim) anche le statuine vere... Disénte che en zinque ani zamai el presepi l'era come quei de adès.
Sol che po' sem deventai grandi. E 'l presepi nòf l'è restà nele so scatole sul soler.
Bastéva l'alber, co le balòte e i ciocolatini tacài su col fil da cosìr... Ciocolatini che de solit i finiva tut mal prima de la Befana, tanti dì prima...
Presepi e alber enveze i restéva lì anca fim a Carneval. Fim quando qualchedum goséva: «Alóra, 'l smonténte sto presepi che mi no so pu en do’ nar a stirar?»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni