Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Fioca, che casim... – Di Cornelio Galas

Fioca, che casim... – Di Cornelio Galas

Névega: scòle seràe, casini sule stràe, ufizi blocài... Elamadona! No sarà miga la prima volta che vei zò la néf d'inverno?

image

Per 'na volta che fiòca giust prima dele feste e anca a Santa Luzia, par che l'Itaglia (col gi elle) la vaga en pàra. Scòle seràe, casini sule stràe, ufizi blocài...
Elamadòna no sarà miga la prima volta che vei zò la nef d'inverno.
Disénte che – pù en zo che 'n su, ma gnanca tant dirìa – sem pù abituai ale buse che ala néf e al giàz.
A parte i putelòti che da sèmper quando névega i è contenti. De zerto pu dele mame quando le se trova en mucio de vestiti da méter en lavatrice.

Ma se vede che a forza de dir che la tèra la se scalda ogni am de pù no ne scorzém che tut mal (e meno male) qualcos dele vecie stagióm el gh'è ancora.
De zerto quando ero bocia fiochéva de pù. E nesuni se lamenteva.
Me ricordo che se néva a Bolignam, ale scole, tirandose drio la slita (la vegniva bona per nar zó da viale Staziom, ala fim), e quante sciade (dopo aver portà su i sci en spala) zo dal prà dei Spinazèri, sora Vignole.
Col mocìm sul nas dal frét, co le mam giazàe (perché i guanti de lana i se bagneva subit) e i atachi dei sci che paréva dei torcèi da tant che i feva mal sule ponte dei déi dénter scarponi che de rigido i gaveva forse la sòla.
 
L'era i tempi de Santa Lùzia su en Val de Léder, de Bordàla, de Santa Barbara en Vél... posti dove adès no gh'è gnanca pù le fondazióm de cimento dei veci skilift. Perché lì la nèf no la dura pu come na volta.
Zà, piam piam i ha scominzià a farla su, come la malta, e a spararla coi canoni, la néf finta. Se no no se scierìa pù gnanca en Bondóm prest.
Eco, a forza de nar envanti en sta maniera ne sem desmentegài de la néf vera. Del bel paesagio che la fa...
No quel che se vede nele balote seitando a mòverle en su e 'n zo.
 
E alora – forsi perché la va de moda cosìta – ghe ciamém maltemp quando piove e fioca e bel temp quando gh'è serém (ma no con massa sol perché alora no va bem).
Po' me ricordo che a so temp gh'era dei precisi ordini. Anca a Riva del Garda per esempi, de quando fiochéva massa: ognum doveva liberar da la néf el so toch de marciapiede.
Adès envéze se spèta che vegna quei del Comum, che a so volta i spèta che faga pu calt cosita la nef la va en aqua. E no ocor spacar el giàz col pich...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni