Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Nadàl. Regài che va, regài che vèi – Di Cornelio Galas

Nadàl. Regài che va, regài che vèi – Di Cornelio Galas

Tut mal, bom Nadal a tuti quei de l'Adigeto.it. E scuseme se ogni tant par che sia catìf… L'è che som propri così. Tut l'am

image

Disénte che per fortuna la bàte ancora per poch. Perché quando vèi da Nadàl, co 'sta storia dei regài, se finìs semper per nar en pàra. Che po', a dir la verità, ala fim la storia l'è sèmper gualìva a l'am prima e anca a quei prima ancora.
Anca se zamài se conóss l'anda, tut mal se 'riva a l'ultim moment. E se crompa semper le istesse robe per istessi parenti, amizi e compagnia bela.

Oh, no l'è che i altri i sìa da men neh. Per dir: nel me armàr gavrò almem na ventina de pigiami e no so quante babùcie.
Tra l'alter, am dopo am se sa, l'è difizile che la panza la vaga zò, semai la va su.
Ma se i te regala sèmper el pigiama de la stessa misura... Disénte che el deventa semper pu stret.
Stés discorso per i profumi, i dopobarba... Ma chi scominzia quel che mi ghe ciamo el «dàmela, tòmela».
Dai che savé de cossa parlo: i regài che te rimeti en giro, che te lassi ancora nela so confeziom.
Magari desmentegandoghe denter el biliét.
E alora el zio Bepi el se trova en biliétìm tipo «Natale 2011, tanti auguri Cornelio».
Te me capissi bem... Meio star atenti, me racomando, prima de riciclar regai. Riscé de far brute figure come quel che regaléva el calendari de l'am prima.
 
Per amor de Dio, miga sèmper la và a finir mal. Se pol anca far figuroni, per esempi, co le siàrpe, i guanti (no quei da sci però neh), co stéla de Nadal che t'hai apéna ciapà al supermercà.
Ocio enveze a la robe da magnar. Na volta m'è arivà el solito cestìm. Denter en toch de formài vért, speck che 'l diséva «buteme via valà», e 'n panetóm che 'l féva pecà sol a vardarlo.
Ensoma, bisogna star su co le recie a no far regai... che spuza. Anca per el fato che – pol suzéder neh – te risci de ciaparli de ritorno el Na dal che vei.
Del rest ghè anca le vendéte... L'am pasà el m'ha cazà su quel regal che féva schifo? Spéta tì che st'am te sistemo mi per le feste.
 
Me vèi en ment, quando ero picol, en parente che a Nadal el ne déva na busta granda: denter per mi e me fradei, zento lire, tute da dese.
«Compreve le caramele.»
Oh, erem en tréi. Se beghéva per quel che vanzéva dele zento lire dopo la spartiziom per tree...
Tut mal bom Nadal a tuti quei de l'Adigeto.it.
E scuseme se ogni tant par che sia catìf, mat, deficiente.
L'è che l'è vera: som propri così. Tut l'am.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni