Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Alber e Presepi da smontar... – Di Cornelio Galas

Alber e Presepi da smontar... – Di Cornelio Galas

Se la Befana la vei co le scarpe rote... ghe sarà el so perché, no?

image

E dopo l'oto dezember, Santa Luzia, Nadal, San Stefen, Ultim e prim de l'am... Eco l'Epifania che tute le feste, se sa, la le porta via. Ma, moment: no l'è miga finìa. Anzi, l'è propri dopo la Befana che scominzia i casini.

Prim gazér: l'alber, el presepi, rène de plastica, e tuti i agegi che fa luce tacài su prima de Nadal dapertut, anca sule sparangole del pogiòl...

Eco, bisogna ades tirar zo tut quant e meterlo ne le so scatolete.
E po' portar tute ste scatolete (sì, anca quela de le balòte de l'alber - piam che se no le róte) en cantina o sul solèr o ne l'armàr che no averzeré po' pù fim al Nadal che vèi.
 
Par na roba da poch. Ma de solit se ghe mete de pu a desfàr che a far.
Perché? Oscia, perché no se ciàpa mai l'anda.
«Dai che desfém l'alber domam... Anzi fém domenega che così ne dà da mam anca el nono... E po' ariva domenega, luni, marti, mercol...»
Per farla corta sò de zent che ha desfà l'alber de Nadal sol poch prima de Pasqua.
 
Gh'è però quei che col temp s'è fati furbi.
I ciàpa l'alber e 'l presepi così come i è.
I ghe méte sora el nailom e i méte via tut cosita, semper nei stessi posti che v'ho dit prima.
Ma oltre che furbi i gà anca la posibilità de averghe siti demò grandi per sti traslochi.
E tra l'alter bisogna anca star atenti che alber (finto se sa, miga vero, se no 'l se seca) e presepi no i daga fastidi a bici, rastrèi, machina per taiar l'erba, motorim...
Ensoma i deve esser en posti dove no se rote le bàle... No sol quele de Nadal.
 
Secont gazér: i regài che no s'è riusidi a riciclar en temp.
Eco, meio lassàrli ne la so confeziom e soratut, se se vol droparli, meti per Pasqua, tirar via biglietini e segni de Nadal per no far brute figure.
 
Terz gazér: no se ghe pensa mai quando soto le feste se fa i grandi.
Ma vedré che, questiom de pochi dì, ve ariverà le boléte de luce, gas, acqua.
Per no parlar de bói de l'auto da rinovar, tasse varie che de solit se deve pagar propri apena avé mes via l'alber e 'l presepi.
Ma anca se alber e presepi i lassè lì.
 
Po' gh'è i vanzaroti de le feste.
«Quel toch de salmom 'nfumegà l'è dal dó de zenèr che el ve dis dal frigo: buteme via te prego.»
Per no parlar de panetoni, zelten, e altre robe restàde lì («L'è en pecà butar via dai, pensa a quei che patis la fam cramento»).
E chì dové esser malfidenti - el digo per voi neh - se la suocera la v'envìda a casa sua per magnar... Le polpéte o le cotoléte (de solit gh'è denter el milite ignoto).
Disente, tut mal, che almém fim a Carneval, fim ai gróstoi sé a posto.
Del rest, con quel che avé magnà fim adés, no l'è de zerto de fam che moriré, semai per el mal de testa quando ve ariverà el prim saldo de l'am nof dala vossa banca.
Se la Befana la vei co le scarpe rote... ghe sarà el so perché no?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni