Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Le bosìe le g’hà le gambe córte – Di Cornelio Galas

Le bosìe le g’hà le gambe córte – Di Cornelio Galas

Ma no l'è che dovém sméter de contar bale, bisogna sol star pù atenti a contarle...

image

No so voi ma a mi, co le bosìe, la m'è sèmper nada mal. Propri vera: le g’hà le gambe corte: E miga sol quéle.
Per dir: da bocia avrò marinà la scola sì e no tre volte: Bèm, la terza (e l'ultima, se sa) som stà ciapà sul bachetóm propri da me pare.
Ve la fago corta, come la bosìa...
 
Oscia, nevo ale medie a Riva. E quéla matina gh'era n'interogaziom su na materia (matematica) che demò zà savevo che la sarìa nada mal.
E alora, rivà ala staziom de Riva, smonto da la coriera e ne ciapo subit n'altra per Trent.
Perché Trent? Ma cramento perché quando se marina la scola l'è meio nar via, nel me caso, dala Busa.
No sia mai che te vede qualchedùm che te conós e che po' ghe conta tut ai tói.
 
Eco alora che monto su sta coriera per Trent. E via... scondù nel me sentàl, tut cuertà da giaca a vento e bereta tirada fim sui oci.
Gavévo drio demò sol poche lire: per el biliet a nar e quel a vegnir.
Vanzéva forsi qualcòs per le caramèle Golia o na fugazéta.
 
Arivà a Trent, smonto. Me vardo entórno come fussa en lader. E fago do passi vers el Dom.
Po' me sènto su na banchéta a momolàr na caramèla, vardo en po' de vedrine, en giro a l'Upim (anca lì vardar e no tocar) e quando me par che sia l'ora de tornar a cà, vago en stazióm.
Ciàpo giust la coriera che va zò da Sarche e se ferma a Arco.
Che culo: embroco poch dopo anca la coriera che vei da Riva, quéla che porta endrìo da le scole e va a zènto metri da me cà.
 
Fifolando vago su per le scale, arivo en cosìna, mòlo zó i libri (ligai co la cinghia) e me sento zó.
A dir la verità dentro de mì ero contènt: era nà tut lisio come l'oio. Però, nesuni che me parléva.
Nesùni che me domandéva come l'era nada a scola.
Strano, oscia. La m
Me nona, pòra dona, la m'ha mes lì sul tàvol en toch de polenta col pocio.
Taco via a magnar quando ariva me pare.
 
- Com'ela nada a scola ancòi?
- Bem, dai papà, bèm...
- No, l'era tant per saver.
- Sì, sì, l'è nada bem dai.
 
El temp de na spironada de polenta col pocio... e me papà no 'l ghera zamai pu.
Brut ségn. Perché quando el neva de colp zo en falegnameria a l'ora de disnar l'era sol per do robe: o gh'era qualchedùm che lo zerchéva o... l'altra roba.
Cosa l'era l'altra roba? Nar a zercar i sperèi giusti per dartei zo per le récie.
 
E difati l'era propri l'altra roba. Dopo na remenada che m'è restà i segni per en par de stimane, ho capì quel che era suzés.
Me pàre quela matina lì l'era nà a Trent per tor le misure de do seramenti da far.
El m'aveva vist vegnir fora dala staziom. E l'aveva dit da per lù: «Sto chi el beco mi quando l'ariva a cà».
No l'è che da alóra no ho contà pù bosie. Ma prima gò sèmper pensà su en par de volte.
E soratut som stà atento a quel che fevo. Anca da sposà tut mal no l'è che l'ha m'è nada mèio.
 
Na volta col me amico Augusto èrem nai a pescar sul Sarca.
Oh, dopo n'ora e meza no aveva magnà nessun pés.
L'Augusto el doveva nar a laorar en cartéra. Le spose le aveva zà mes su la polenta... 'sa far?
Sem nai zo ala pesicoltura Mandeli. E avem comprà quatro trote.
 
Arivai a casa avem scominzià a contar la storia de l'ors, anzi, del pés. Che prima no le magnéva, che po' avem pasturà, che l'era colpa mia che fumévo perché se sa che le trote le sente l'odor del tabach.
Ma che ala fim le vegniva su una drio l'altra...
Le spose le tira fora le trote dal sachet. Le è drio a netarle... e cramento, no finis per tera el scontrim dela pesicoltura...
El rest? No ve 'l digo gnanca, tanto podé enmaginarlo...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni