Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Con domàm no fumo e no magno pù – Di Cornelio Galas

Con domàm no fumo e no magno pù – Di Cornelio Galas

«Con domàm. Perché seiterò a fumar e a magnar quel che voi sol con una mam...»

image

Finì le feste ariva, se sa, tante letere de zent che domanda soldi: el bol de l'auto, le bolete de gas e luce, la prima rata del mutuo de l'am, la prima rata del prestito de l'am, la prima rata dela machina nova de l'am. Ensoma, de cólp par che 'l més de zenèr el sia pu lonch del prà dela fam.
Che la paga o la pensiom de febrèr la sia lontana come l'istà.
 
Ma no l'è sol ste robe che te rende zidiòs... Perché bisogna far i conti anca con quel che, tra en cin cin e l'alter, se diséva l'ultim de l'am: le famose promesse de cambiar, de far, de star pu atènti a...
Disénte che l'è difizile, dài, che se trova sèmper na scusa bona per trarse endrìo pu che 'nvanti.
Per esempi: credo che col vegnir del domili e vìnti sia zamai almém la trentesima volta che ho promes de no fumar pu.
No digo fumarne de mem ma proprio de piantar lì coi zigaréti dala sera ala matina.
 
Sol che 'sa vòt: senza en zigarét dopo 'l cafè... no te par gnanca de bever en cafè.
Senza 'n zigaret entant che te spèti la sposa che l'è nada a farse i cavei... No te par gnanca de esser sposà.
Senza en zigarét dopo magnà... (dài che 'l savé) no te par gnanca de aver magnà.
 
E alora l'è dura oscia. Ma gh'è anca altre scuse. Per esempi: se smeto de fumar fago la fim del Gino che l'ha més subit su zinque chili de panza a forza de magnar caramele e liquirizie.
El Giani? Da quando l'ha piantà lì de fumar l'è così nervós che se te ghe meti do fili dela corente nei busi del nàs te podressi darghe luce a tuta to cà e anca a quela de soto.
El Roberto? Quando el fuméva no 'l gaveva sta tóss che par che 'l scaìna.
L'Atilio? El diseva che senza comprar zigareti l'avrìa sparmià en sach de soldi al mes. Pecà però che 'l li abia butai via tuti nele machinete. E che ala fim l'ha ritacà via a fumar oltre a comprar grata e vinzi.
Ensoma, ades el spende el doppi. E 'l gà en vizio en pù.
 
Dai e dai l'è come la promessa de magnar e bever de mem. Se tàca via col finir tuti i vanzaròti (panetoni duri e sechi zamai compresi), po' col dir che fa ancora fret, che bisogna magnar qualcos de calt, che te scalda.
E se finiss... per comprar el stinco, far le luganeghe col pocio, ensoma... a magnar magari de pu de l'am passà.
Po' ghè quei (perché i ghè quei neh...) che i te dis che i è deventai vegani, quei che i fa tuti i dì almem zinque chilometri a pè, che i te varda sol la panza e no nele balote dei oci, che i te fa la predica.
 
E lì som da temp preparà. Ghe digo che el sport el fa mal. De pù: quel che ha enventà el giogghin l'è mort de infarto (e l'è vèra diaolpòrco).
E che le bestie no le và dal dietologo: anca se 'n leom el se magna meti do gazèle entreghe, fat el so bel pisolim dopo disnà el se sente ancora come en leom, cramento.
La pu bela scusa che ho sentì en giro dopo le promesse per el nof am l'è però quela de 'n veciòt al circolo pensionai.
«Con domàm – l'ha dit – no fumo pù e no magno tant. Con do mam. Perché seiterò a fumar e a magnar quel che voi sol con una de mam...».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni