Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Maschere per Carneval – Di Cornelio Galas

Maschere per Carneval – Di Cornelio Galas

Na volta se preparéva tut prima per no arivar a Carneval né fodrài e né embastidi e soratut senza el vestì e la maschera da méterse

image

Na volta se se tréva envanti. Ensoma, se se preparéva prima per no arivar a Carneval né fodrài e né embastidi e soratut senza el vestì e la maschera da méterse.
Per dir: se zerchéva per temp i calzòti spaiài, quei che de solit prima o dopo finìs nel comodim spetando i so “gemèi” sficonàdi da qualche banda dopo la lavatrice.
E se i taiéva en modo de far na strisia larga dese schèi. Po' do busi per i oci e eco che se gavéva subit la maschera de Zoro.
Con quel che vanzéva del calzòt se féva en zércio. Po' con do cordoni dele scarpe (trovai en giro per cà e desmentegài anca quei) vegniva fora quela roba che dropeva i pirati per cuertarse l'ocio flinco.
E sui cavéi bastéva en fulàrd trovà sul solèr per far el rèst.
 
Adès i tempi i è cambiai. Nele boteghe, anca en quele grande, dove i vende de tut, gh'è maschere e costumi de carneval de tute le misure, de tuti i modi. Per pizinini e grandi.
El riscio però l'è che dopo en giro se trova tanti Zoro tuti gualivi, tanti Mostri tuti precisi, tante famée Adams che no se sa pu trovar quela de to neói.
Eco alora che, se volé neh, ve darìa qualche drita per vestirve da Carneval per vòs cont e anca senza spender po' chisà cosa.
 
SARDINE
Zamài ghe n'è en giro tanti de quei che va nele piaze. Semper con quei cartèi con su el pesatìm.
Voi podrésse enveze tòr en vecio linzòl, meio se azuro, celeste. El pieghé dopi. E taié fora do tochi precisi a forma de pesatìna.
Po' col penarel fè el rest e ve 'n meté uno davanti e uno de drio: eco la sardina che và a pè (ocio a far i busi per i oci neh).
 
SALVINI
L'è el pu fazile. Ve senté su na carega de 'n bar, fora, a l'averta.
No ocor la maschera de Salvini perché ve meté el telefonim davanti ala facia.
Sul tavolim en bicier de spritz con denter na scorza de limom.
E nela mam libera dal telefonim en rosàri.
 
ZINGARETTI
Anca questa l'è fazile e la costa poch. Basta tacarse su la schena en cartél con su scrit: «Som el fradèl del commissari Montalbano, no fago selfi».
 
RENZI
Eco, chi bisogna star n'atimìm atènti. No basta méterse qualcos che faga n'atimìm el nas a ponta (perché se no se riscia de voler far el Conte).
Meio risponderghe a quei che te domanda che maschera te sei cosita: «Sta tranquilo, sta serem che l'hai zà capida da per ti».
 
MORGAN
Chi basta en stràz sbregà su la testa, do penelae de nero entorno ai oci e cantar: «Le vosse brute entennziom... la vossa maleducaziom...^.
 
Eco queste l'è sol qualcheduna dele idee per maschere famose. Po' gh'è maschere pù semplizóne:
 
EL MISTÉR DE L'OMBRELA
Basta n'ombrela scasàda en testa (coi busi per i oci, se sa, quei i ghe vol semper).
 
EL TIRATARDI
Basta en tòch de sogàta e ligarse con quela al banch de 'n bar enséma ala maschera del SGIONFABOZE.
 
EL PALPAPIAM
Chi ghe vol envéze uno che el vaga propri al ralentator e ghe el gàbia le mam grosse.
 
EL BABAO
Basta na scatola de crema per scarpe scure e laorar de gòmet su la facia (lassando star i oci, se sa).
 
Po' fe voi, co la vossa fantasia, basta aplicarse n'atimim.*
 
A proposit, podrésse anca trovarve enciodai en mèz ala zent dele sfilàe de Carneval.
Ensoma, en cóa, senza poderve mover o ordinar qualcos al bar.
Beh, en sto caso (sol perché sé amizi del Guido de l'Adigét neh) ve dago en consiglio: metéve na bela mascherina bianca, de garza su nàs e boca.
Vedré che subit tuti i fe farà stràa e i narà lontani...

*E, zà che ghe sem, eco cossa che l’ha zontà el de Mozi:
EL MAROCHIM DA CADEN
El potachìn d'en còi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni