Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Coronavirus? Mi tutmal gò paura – Di Cornelio Galas

Coronavirus? Mi tutmal gò paura – Di Cornelio Galas

Na volta no te savévi gnanca cossa far, se no nar en ciésa a dir su la... coróna. Oscia, scuséme no volevo dir el nome, el rosàri, dai che 'l va meio

image

Per carità de Dio, che no vegna fòra che vòi trar 'n vaca na questiom seria, tant seria, come quéla del corona virus propri adès che è vegnù fòra i primi casi en Italia.
Tra 'l rest, se ghe pensé, el Trentim l'è propri en mèz tra Lombardia e Veneto, dove adés gh'è zent che no pòl pù vegnir fòr de cà.
Dove i ha serà scole, bar, boteghe, fabriche. Dove ensoma no se pòl propri far finta de gnènt, come se quel virus trovà en Cina el sia sol n'atimim pù catìf de la féver de stagiom.
No, bisogna envéze star su co le recie, far quel che i dis de far, lavarse (no lavàrsen) le mam, telefonar al 112 o al 1500 (dove i te spiega tut quel che bisogna far), no star nei posti massa afolài...
 
Eco, sta storia de no nar (l'è en consiglio dat adès anca ai trentini) nei posti dove s'è massa 'nmuciai, tipo le feste de carneval (e no sol quéle) la m'ha fat pensar.
Perché sat quanta zènt l'è nada zamai ale feste dela zobia gràssa, per dir, o en altri posti con tanta zent?
Per no parlar de quei organiza da temp ste feste e che magari i se trova de colp embroiài come i cinesi dove la me sposa la porta i vestiti da giustar...
«Pensa – la m'ha dit – che i è zò soli come i cagni rognosi: Nessum che va pù da lori. E gh'è perfim zènt che no è nà a tor de ritorno i vestiti giustài.»
 
O per esempi l'alter dì, quando me serviva en tipo de cavo per el compiuter... nel botegóm dei cinesi dove de solit se dovéva sgomitar per nar tra i scafài no gh'era nesum... Prest gnanca quela ala cassa.
Cossa èl che vòi dir? Che da na banda – ghe mancherìa alter – va bem, anzi sarìa en disaster se se fes el contrari, far de tut perché sto virus no 'l vàga en giro dove e come el vòl.
Da l'altra però me par che se fàga anca de tut per farte vegnir el pipacul.
Oscia, no se dis de no scriver quel che suzéde zamai en tut el mondo. Ma se sa che l'è propri quando i te dis de star calmo che no te sei en pericol che te véi da pensar... a quando i te diséva le stesse robe dopo Ciernobil. Che po' enveze i ha trovà la radioatività anca nei fonghi, per dir.
 
En altre parole, 'sa volé, mi a forza de sentir e lézer de posti dove i sèra su tut quel che se pol seràr, dove i te dìs de lavarte le mam de spéss, de no nar nei posti afolài... me agito. Perché me vei da domandarme:
«Ma me la conterài tuta giusta sta storia o scóndei qualcòs propri per no farme agitar de pù?»
Perché, alter esempi, i dis che le mascherine no le serve. Però me par che i le mete tuti nei posti a riscio. E nele farmacie de Arco i me dis che i l'ha tut mal zà finìe.
 
L'è anca vera che la néva pezo sti ani. Pensé sol ala «spagnola», ala peste (gh'è capitèi dapertut ancora che ricorda quel mazèl).
Quando no gh'era televisióm o radio e men che men internet. Te vegniva 'ndòs sta bruta malatia e no te savévi gnanca cossa far, se no nar en ciésa a dir su la... corona, oscia, scuséme no volevo dir el nome, el rosàri, dai, che 'l va meio.
Per el rest ghe sol da sperar a sto punto che – come i dìs tanti – prima o dopo finìssa anca ste paure, ste disgrazie.
Del rest Speranza se ciama anca el ministro che stà drio a ste brute robe...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni