Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Mudànde de cor...am – Di Cornelio Galas

Mudànde de cor...am – Di Cornelio Galas

Bona Pasqua a tuti, se ghe arivé se sa, dopo ste stimàne de pasióm...

image

Ogni dì la và pèzo co sto coronavirus. Ogni dì i ne dìs quanti i gà sta rogna, quanti i è en quaranténa (guai se ì è quarantùm neh) quanti i è morti e quanti i è guaridi.
Ma me domando: quei guarìdi èi guaridi per semper o dévei star, dopo, anca lori almém a 'n metro dai altri?
Nei conti che i fa tuti i dì manca semper - gavè fat caso? - per l'Italia, quei de San Marino e Vaticano. Tutmal, no l'è sol questi i numeri che i ne stà dando da quando è vegnù fòra la storia del virus.
 
Per esempi: la questiom dela mascherina da meter su boca e nàs.
Che adès anca en Francia i le ha sequestrade a quei che i le fa no? Perché tuti i le vòl.
Eco, i gà ancora da spiegarme perché en televisiom i dìs che le mascherine le serve sol per quei che gà zà el virus.
Che ensóma le và dropàe sol per no passarghe la rogna ai altri. E no le va bem envéze se te vòi far a mém de ciaparte el virus.
 
Oscia, qualcòs no me torna. Ste mascherine, per dir, le funziona sol se 'l fià el va dala boca en vìa e no viceversa?
Cioè se te buti fora el fià sporch la mascherina la ferma el virus. Envéze se 'l fià sporch el vei da fòra, da n'alter che te soffia vers la mascherina, no 'l serve a gnènt?
Ma alora tuti quei che gà la mascherina, anca quei che ghe stà drio ai malài, èi contagiài? Credo bem che serve novi medizi e novi infermieri.
 
N'altra roba: le scòle seràe. Ve l'ho zà dit la stimàna passàda: adès i boci i se trova (tuti tacài) al parco dei zòghi coi noni.
Tuti enséma. Magari tra na scainàda e l'altra de pòri vèci che la tòss i la gà cronica, da ani. E che però no pàr el massimo per star ala larga da 'n virus che vei da la bóca, dai polmoni.
Po' la questiom de quei che va a sciar. Lontani um da l'alter su la segiovia. Po' enmuciai quando i deve spetàr che la segiovia la parta.
E de nof enmuciai nei rifugi per magnar e bever i bombardini per scaldarse.
 
Stessa storia nei bar, nei ristoranti. Come far a magnar na piza en quatro e star lontani almém en metro um da l'alter?
E ala cassa dei supermercati ghe buté i soldi da 'n metro? Quantomem i deve slongar el cavo per quei che paga col bancomat o la carta.
Se sa, se esagera, se scherza. Ma ocio però, che stando a quel che i dis tuti i dì en televisiom e sui giornai no l'è che ghe sìa tant da scherzar.
 
Pò en giro te vedi robe strane. Per dir, l'alter dì, ho vist dói che se deva peàde e i rideva.
Me som dit da per mi: «Varda che paiàzi, i bèga, i se dà peàde e po' i ride...»
«’Sa gh'è po' da rider?»
Envéze ho capì che l'è el nòf modo de saludarse: coi péi. Perché co le mam e coi bàsi, coi bràzi l'è meio de no, come i dis de far quei pu lezui e studiai.
Varda ti dele volte come de cólp cambia el mondo. Fim a poch temp fa nesuni avrìa mai enmaginà che i teróni i ne mandés de volta noi polentoni del nord.
E gnanca che no i fés vegnir zò dala barca 'taliani en Tunisia. Semai el contrari.
 
Me suoceri i è originari de Berghem. Bem, l'altra sera no ghe l'ho fata a no farghe en schèrz.
Gò dit che marti che vèi, quando nem su a trovarli ale Tór, ghe porto su na roba che ho fat vegnir da Amazon.
Sarìa dei filtri da méter sul telefono e anca sul telefonim quando te parli coi parenti nela bergamasca.
La spósa la m'ha dit che adés l'è càvoi mei perché i è su che sti filtri i li spéta... Basta che no i costa massa.
 
Tut mal se v'enteressa, a voi de l'Adigét, vendo per pochi euri mudande de coràm coi so asorbenti encorporai.
No i serve a gnent contro el coronavirus, ma se ve vèi el cagòt per la paura del contagio sto prodoto el ve salva da situazióm embarazàe.
Oh, no perditemp, no veneti, no lombardi, no cinesi. E telefonar... Col filtro, se sa, che podo venderve anca a voi oltre che ai me suoceri.
Bona Pasqua, se ghe arivé dopo ste stimàne de pasióm.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni