Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Tuti serài dénter – Di Cornelio Galas

Tuti serài dénter – Di Cornelio Galas

Som sicur de na roba: quando tut sarà finì no sarém pù come prima. Sèmper se ghe sarém ancora e se avrém emparà sta lezióm

image

Chi l'avrìa mai dit ah? De colp tuti serài en casa. Ai domiciliari, anca se no s'ha fàt gnent de mal. E guai a scampar o a nar fòra senza en tochét de carta dove se spiega el perché e el percome. En televisiom, ogni dì, ale séi de dopodisnar i fa el riasunto: tanti malài, tanti guaridi, tanti morti. Che par de esser dalbòm en guèra. Sol che chi el nemico no te sai gnanca en dove l'è.
Magari t'el gài endòs e no t'el sài.
 
Rider per no pianzer? Zamài no te pòi gnanca pianzer i morti: perché no se pol far i funerai.
E se volési far quatro pàssi a l'aria per sviarte n'atimim, te serve anca en cagnòt come scusa, o semper quel tochét de carta che se no te scrivi giust te pòdi anca finir enséma a quei che brusa le presóm e pagar na multa salada.
Eco, la situaziom l'è questa. E no i è bruti sogni. Che po' te vegni for dal lèt e te te dai del móna per averli fati.
 
No, l'è propri vero tut quel che se vede, se sènte, se léze a parte quel che no stà né en ziél né 'n tèra.
E qualche embezìle se diverte a scriver sui compiuter.
Diséntela tuta quanta: me dà fastidi en sti dì chì anca la reclam. Dove tuti i ride, dove tuti i se basa, i se abràza.
O quele trasmission registrae (tipo «Avanti n'alter») con zènt che se tóca, che dìs monàe e tàca via co na canzóm che dìs: «Ricòrdete che te devi morir».
I ghe mete sóto la scrita: «Registrada prima del 4 marzo».
Va bem... ma l'è anca tòr en giro quei che stà mal no?
 
E ancora, mi som un che fuma. Tant. Ma propri per questo podo dir la mia: perché i zigareti no i vendé nele so machinéte envéze che tegnir avert i tabachini?
Perché lì se vende anca i giornai? Mah... alóra l'è propri vera che se tuti i piantés lì de fumar el Stato el narìa dal balóm su drit.
N'altra roba: ste mascherine /bato sto ciodo da stimane) sèrvele a qualcòs o le serve sol a quei zà malai?
E alora perché adès le gh'è dapertut? E varda caso trovarle l'è come zercar fonghi soto la néf?
 
Gavrìa tante altre robe da dir ma la mòco chi stavolta. Sperando che la vaga mèio.
Ma sicur de na roba: quando tut sarà finì no sarém pù come prima.
Sèmper se ghe sarém e se avrém emparà sta lezióm.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni