Home | Rubriche | Orto e giardino | Tempo di cucurbitacee – Di Davide Brugna

Tempo di cucurbitacee – Di Davide Brugna

Alcune sono ornamentali, altre gustosissime. Tutti le conoscono: sono le zucche

image

Zucca Marina di Chioggia.
 
Sfogliando l'Adigetto.it nelle ultime settimane, o ascoltando le radio regionali, ci possiamo accorgere che le varie Pro Loco del Trentino nel mese di settembre e ottobre organizzano feste e sagre incentrate sulle zucche.
Oggi vorrei aiutarvi a scoprire questa pianta e a scegliere quale specie impiantare nel vostro orto il prossimo anno.
Il genere Cucurbita comprende una vastissima gamma di specie e varietà, molte di queste sono caratterizzate da una semplicissima coltivazione, solitamente necessitano di acqua in abbondanza e un terreno molto ricco.
In questo mese nei vivai possiamo trovare varietà di zucche ornamentali dai colori, forme e variegature più disparate; per chi la zucca la cucina è noto il fatto che ad ogni specie corrisponde un ben preciso sapore, ci sono addirittura varietà dal gusto di nocciola e carciofo…
 
Ma bado alle ciance, scopriamo un po' di queste specie.
I trapianti e i semi più richiesti nel mio vivaio sono sicuramente quelli appartenenti alla zucca Marina di Chioggia, questa specie è da immemore tempo che viene coltivata, questo sicuramente poiché ha un periodo di conservazione di oltre 8 mesi e nei momenti di carestia e di guerra non era da poco avere un alimento che durasse così tanto.
I frutti possono raggiungere e superare i 10kg, la buccia è verde scuro e rugosa, l'interno è di un bel arancione intenso.
Questa zucca viene molto utilizzata in cucina, sia per i classici tortelli e vellutata alla zucca che per dolci.
 

Zucche trombetta.
 
Altra specie utilizzata in cucina ma dall'aspetto più particolare è la zucca Trombetta d'Albenga.
Questa se coltivata a terra si arrotola su se stessa prendendo la forma, appunto, di una trombetta, io preferisco coltivarla su di una recinzione, in questo modo rimane allungata e all'estremità presenta un rigonfiamento.
Se allevata con questo metodo può superare anche il metro.
Può essere consumata quando ancora non è arrivata alla maturazione, il colore deve essere come quello di una zucchina, se lasciata sulla pianta prende un colorito marroncino, in questo caso il gusto ricorderà vagamente quello della nocciola.
 
La zucca Patissone è sicuramente più utilizzata dal punto di vista estetico che culinario.
Questa specie ha la forma di un disco, può coprire il range dai pochi centimetri a oltre trenta di diametro.
I colori passano dal bianco all'arancione passando da screziature e striature, la buccia può essere liscia o ruvida e le estremità possono presentare dei piccoli cornetti.
Anche il peso del frutto varia molto dalla varietà, si passa da poche centinaia di grammi a qualche chilo.
La pianta non è molto grande, più o meno ha le dimensioni di quella di zucchino.
 

Zucca Patissone.
 
Gli intenditori la usano anche in cucina, dopo averla lessata, chiaramente il tempo varia in base alla grandezza della zucca, si lascia raffreddare, si incide la parte superiore portando via il «coperchio», si ripulisce l'interno dai semi e con un cucchiaio tolgo la polpa che verrà preferibilmente spadellata con un sugo di mare.
Chiaramente non buttiamo via l'involucro della zucca, riutilizziamolo come ciotola per la pietanza!
 
La settimana prossima continuiamo alla scoperta di altre specie di zucca.
Se vi capitasse di trovarvi a qualche fiera della zucca non esitate a domandare al coltivatore informazioni sul gusto e su come cucinarle.
Come sempre scegliete la qualità dei floricoltori trentini (AFLOVIT), la lista dei vivai e garden associati è disponibile su internet.
Buon lavoro

Brugna dott. Davide – d.brugna@ladigetto.it
(Puntate precedenti)


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni