Home | Rubriche | Orto e giardino | La Rosa di Natale – Di Davide Brugna

La Rosa di Natale – Di Davide Brugna

Ma attenzione: la Rosa di Natale non ha nulla a che vedere con la Stella di Natale: sono proprio due cose completamente diverse

image

Manca ormai poco al 25 dicembre, quindi, per rimanere in tema anche dal punto di vista del mondo vegetale oggi parleremo della Rosa di Natale.
La Rosa di Natale non ha nulla a che vedere con la Stella di Natale, sono proprio due cose completamente diverse.
La pianta di cui parleremo, in verità, si chiama Helleborus, possiamo trovarla spontanea anche da noi, ne ho viste molte al lago di Cei e addirittura in un parco privato di una cliente a Povo.
Per chi non avesse ancora capito di cosa stiamo parlando, vediamo come è fatta…
 
Vediamo la specie che più nel nostro immaginario associamo alla Rosa di Natale, l'Helleborus niger, è una pianta non molto alta, circa 25cm, le foglie sono persistenti anche l'inverno, molto grandi e palmate, di uno splendido color verde scuro.
Spontaneamente le infiorescenze si avranno verso fine gennaio e oltre, le possiamo trovare già fiorite adesso perché vengono coltivate in modo da essere regalate o messe sui balconi nel mese di dicembre.
 
I fiori sono bianco candido, tendenzialmente singoli, ma attenti che spesso si forma un fiore più piccolo a pochi centimetri da quello principale.
Questi sono portati da steli belli carnosi che partono direttamente dal livello del terreno.
Ci sono molte altre specie e varietà di Helleborus, queste si differenziano per colore del fiore, periodo di fioritura, tipo di infiorescenza e diametro del fiore; ho deciso che non ve ne parlerò perché dovete andar a scoprirli nei Garden AFLOVIT!
Adesso vediamo però come mantenerlo negli anni…
 

 
Una volta portato a casa direi che per comodità di gestione sarebbe bene tenerlo in vaso, se dovessimo eccedere con l'acqua si avrebbero dei problemi di marciume, quindi stiamo attenti a non esagerare.
A primavera dobbiamo piantarlo in terra piena o in un vaso più grande, nei mesi più caldi deve essere in una zona ombreggiata e fresca, sarebbe meglio non fargli mancare l'acqua evitando però il ristagno.
Per quanto riguarda il concime, non è una pianta esigente, possiamo distribuire un po' di concime granulare a lenta cessione a fine estate e vedrete che basterà.
 
L'Helleborus è una pianta costosa e quindi quando si andrà a scegliere cerchiamo di star molto attenti, guardiamo quanti boccioli presenta alla base della pianta, deve averne tanti per garantirci una bella fioritura.
Controlliamo anche tra le foglie se vediamo della muffa, se ne dovessimo trovare lasciamolo pure dov'è…
Solitamente una pianta di ottima qualità in vaso da 14 cm costa più di 16 euro.
 
Come sempre scegliete la qualità dei floricoltori trentini (AFLOVIT), la lista dei vivai e garden associati è disponibile su internet.
Buon lavoro.

Brugna dott. Davide – d.brugna@ladigetto.it
(Puntate precedenti)


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone