Home | Rubriche | Orto e giardino | Continuiamo alla scoperta delle «geofite» – Di Davide Brugna

Continuiamo alla scoperta delle «geofite» – Di Davide Brugna

Sono piante perenni che demandano la loro sopravvivenza non solo al seme ma anche ad organi di riserva sotterranei, i «bulbi»

image

>
Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta delle «geofite», ma prima rinfreschiamoci un attimo la memoria…
Le geofite sono piante perenni che demandano la loro sopravvivenza non solo al seme ma anche ad organi di riserva sotterranei, queste solitamente ed impropriamente vengono chiamate bulbose.
La settimana scorsa abbiamo visto quante varietà di bulbi ci siano, con tunica, senza tunica, squamati e li abbiamo divisi anche per periodi di fioritura.
Oggi vediamo come possiamo moltiplicarli anche in casa.
 
Partiamo dal metodo che richiede meno lavoro, l'ingrossamento dei bulbi laterali. Questi sono dei piccoli bulbi che si formano a lato del bulbo madre, l'aumento del loro calibro può avvenire anche direttamente nell'aiuola o in pieno campo, possono essere lasciati attaccati al bulbo madre o anche staccati e fatti crescere separatamente.
L'ingrossamento può durare anche diversi anni, dipende sempre dal tipo di pianta che sto trattando, l'importante è sapere che per ogni bulbo esiste un calibro critico, cioè il diametro minimo al di sotto del quale non avviene la fioritura, per questo i bulbi che si comprano devono essere belli ciccioni e non mingherlini ed asciutti.
Questo metodo viene usato per Tulipani, Narcisi ed Iris bulbose.
 

 
Esistono altri tre metodi un po' più difficili ma molto affascinanti…
Per i Gigli si effettua la «squamatura», si tolgono le squame dal bulbo, vengono disinfettate e piantate in substrato sterilizzato per la radicazione o messe in sacchetti con cinque parti di vermiculite ed uno di acqua.
Queste devono essere poste per 8 settimane a circa 24 gradi e per 3 settimane a 17 gradi, dopo questo periodo si vedranno dei bulbilli, circa 4, alla base della squama.
 
Altro metodo è il «twin scalping», utilizzato per l'Amarillis ed anche il Narciso, consiste nel prendere un bel bulbo maturo nel periodo di dormienza, si pulisce bene dalle scaglie vecchie e si toglie la metà superiore del bulbo.
Una volta fatto questo si disinfetta il tutto e si fanno dei tagli verticali in modo da avere 16 segmenti i quali devono avere tutti un pezzettino di disco basale, queste scaglie gemelle dovranno rimanere a circa 20 gradi per più o meno 14 settimane, dipende dalla varietà.
 

 
Ultimo metodo che descriverò è il taglio basale, questo si esegue con il Giacinto, bisogna partire con bulbi molto grossi, superiori ai 12 centimetri, questi una volta che le foglie disseccano vengono incisi profondamente sul disco basale.
Questi devono essere lasciati per una settimana a 25 gradi, meglio se immersi nella sabbia asciutta, e poi portati a circa 30 gradi con un’umidità molto alta per circa un paio di mesi.
Sicuramente è la tecnica più laboriosa, ma pensate che da un bulbo possono formarsi in media 25 bulbilli.
 
Direi che carne al fuoco ne è stata messa, credo che una persona appassionata di piante debba provarci almeno una volta nella vita a moltiplicare i bulbi, vi assicuro che è una soddisfazione.
Prossima settimana affronteremo le altre geofite, ne conoscete di certo più di una...
Come sempre scegliete la qualità dei floricoltori trentini (AFLOVIT), la lista dei vivai e garden associati è disponibile su internet.
Buon lavoro, Brugna dott. Davide.

d.brugna@ladigetto.it
(Puntate precedenti)


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone