Home | Rubriche | Orto e giardino | Il ragnetto rosso non è un aracnide – Di Davide Brugna

Il ragnetto rosso non è un aracnide – Di Davide Brugna

È un acaro e va combattuto come tale: usare acaricidi e non insetticidi

image

>
Anche oggi continuiamo con la scoperta di tutto ciò che può nuocere alle nostre piante, parleremo del «ragnetto rosso».
A mio avviso è l'acaro che può creare maggiori danni alle colture, colpisce indifferentemente piante da frutto, gli ortaggi e alberi nel nostro giardino, come avviene sull'Oleandro e sul Tiglio.
Questo ragnetto ha una velocità di riprodursi impressionante, è velocissimo, in poche settimane si passa da qualche foglia a tutta la pianta infestata!
Una curiosità, se ogni tanto vedete in casa o nel vostro giardino un ragnetto rosso girovagare, non allarmatevi, non è il ragnetto rosso delle piante: è il ragnetto rosso del travertino ed è assolutamente innocuo.
 
Il fitofago delle piante è piccolissimo e si fa fatica a vederlo a occhio nudo, è circa mezzo millimetro e chi ha una vista da falco può intravederlo nella pagina inferiore delle foglie colpite.
Il corpo del ragnetto è rosso nello stadio adulto e color giallo negli stadi giovanili.
Adesso cerchiamo di capire come posso accorgermi della sua presenza...
Quando cominciamo a notare una depigmentazione della foglia con sempre più aree chiare o brune allora possiamo intuire che qualcosa sta andando storto.
Il ragnetto con il suo apparato boccale svuota le cellule fogliari ed inietta una saliva ricca di tossine, questo causa ciò che vediamo…
Quando l'infestazione è ben avviata, nella pagina inferiore della foglia si possono notare dei filamenti bianchi prodotti da questi aracnidi.
 

 
La presenza del ragnetto è decisamente dipendente dalle condizioni climatiche, questo si manifesta soprattutto nei periodi estivi, quando si hanno elevate temperature e l'aria è secca, nel periodo autunnale in quello primaverile è difficile avere nuove infestazioni.
Imparando da questo, possiamo capire quale sia il primo intervento preventivo, nei periodi più caldi cerchiamo di mantenere umide le nostre piante irrigando e bagnando tutta la chioma, soprattutto i germogli.
Come per gli afidi, anche per il ragnetto torna utile l'aglio; il decotto è un forte repellente, questo dovrà essere nebulizzato sulle foglie nelle ore serali.
 
In caso di forti infestazioni consiglio vivamente di togliere le foglie maggiormente colpite.
In Natura esistono molti insetti predatori degli acari, e negli ultimi anni stanno trovando sempre più spazio nella lotta biologica all'interno delle serre di produzione, un po' difficile sarebbe un approccio del genere per l'uso domestico.
Può capitare che non ci accorgiamo prontamente dell'infestazione e ci troviamo la pianta interamente colonizzata… che fare?
In questo caso consiglio l'utilizzo dei prodotti chimici, e qui bisogna stare molto attenti.
Il ragnetto è un acaro, non un insetto, quindi avrò bisogno di un acaricida e non di un insetticida, poiché quest'ultimo non avrà assolutamente efficacia sul ragnetto, anzi, ucciderà gli insetti che si nutrono dell’acaro.
 
Come sempre scegliete la qualità dei floricoltori trentini (AFLOVIT), la lista dei vivai e garden associati è disponibile su internet.
Buon lavoro, Brugna dott. Davide

d.brugna@ladigetto.it
(Puntate precedenti)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni