Home | Rubriche | Parliamone | Le proprietà benefiche delle molecole naturali – Di N. Clementi

Le proprietà benefiche delle molecole naturali – Di N. Clementi

Ne parliamo con il dottor Stefano Paolacci, biologo presso il Magi’s Lab

image

>
Le sostanze naturali stanno tornando ad essere una fonte preziosa per la scoperta di nuovi farmaci.
Oggi, grazie alle strategie di screening di prodotti naturali che sfruttano i recenti progressi della tecnologia e agli approcci genomici e metabolomici in grado di potenziare i tradizionali metodi di studio (analisi avanzate in grado di rivelare il funzionamento del metabolismo di una cellula), si assiste a un rinnovato interesse nei riguardi di tali prodotti.
 
EBTNA-LAB, start-up italiana del Gruppo MAGI con una sede distaccata a San Felice del Benaco (BS) lavora proprio in questo senso, per trovare molecole naturali per il benessere quotidiano.
Con lo sguardo al futuro, il laboratorio di ricerca medica Ebtna-Lab ha deciso quindi, di investire nelle nuove biotecnologie per comprendere più a fondo i meccanismi di azione delle molecole naturali e conoscerne la loro concentrazione ottimale.
 
Ciò ha permesso di ottenere prodotti mirati e del tutto naturali. E, dopo il successo riscontrato con lo spray orale ENDOVIR® (vedi), continua a puntare sulla innovazione Biotech e sulla ricerca e sviluppo nel campo delle molecole naturali con il lancio sul mercato del secondo prodotto della linea: ENDOVIR® RECOVERY, un integratore alimentare formulato con un dosaggio vitaminico iper-concentrato, pensato per combinare all'interno di un unico integratore benefici inerenti molteplici funzioni fisiologiche.
 
Per saperne di più delle proprietà benefiche di questa ultima ricerca nel campo delle molecole naturali, ne parliamo con il biologo e ricercatore di Ebtna-Lab, dott. Stefano Paolacci.
Nell’ultimo anno ha svolto attività di ricerca su molecole naturali e scrittura di articoli scientifici. E in passato si è occupato di analisi di dati ottenuti da sequenziamento di nuova generazione.
Ha ottenuto il PhD in Genetica Medica nel 2017 alla Sapienza «Università di Roma» con esperienze di ricerca all’estero, a seguito della laurea in Biologia conseguita nel 2012.
 

 
Dottor Paolacci, cos'è Ebtna-Lab e perché ritenete che il futuro dell'Italia possa passare pure dalla ricerca attorno alle molecole naturali?
«EBTNA-LAB è stata fondata grazie alla volontà della Società europea di biotecnologie e per via del volere di MAGI, gruppo presieduto dall'affermato genetista Matteo Bertelli, che ricopre anche un ruolo attivo nella Società sopracitata in qualità di Education coordinator degli studenti di biotech.
«Con il quartier generale situato presso San Felice del Benaco, nella lombarda provincia di Brescia, EBTNA-LAB, è impegnata nella ricerca continuativa attorno alle proprietà benefiche delle molecole naturali.
«La convinzione dei ricercatori verte sulla futuribilità dei prodotti derivanti da quella specifica tipologia di molecole.
«Crediamo - come peraltro ribadito dall'Aifa con un apposito approfondimento sul loro sito istituzionale (vedi) - che la ricerca in questo campo sia decisiva.»
 
Come si declina la vostra attività di ricerca?
«EBTNA-LAB collabora con molte Università italiane, ma anche con numerosi istituti internazionali.
«Il fine è quello di condividere con queste realtà alcuni progetti. Poi, dopo numerosi approfondimenti scientifici, si passa alla condivisione dei risultati delle ricerche con gli enti universitari.
«Gli stessi risultati che i nostri ricercatori pubblicano all'interno di prestigiose riviste scientifiche. Tra le molte collaborazioni avviate, vale la pena sottolineare quella con il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche e di Medicina Sperimentale dell’Università di Perugia.
«Grazie pure a questa collaborazione è nato lo sviluppo ed il lancio sul mercato dei primi prodotti biotecnologici di EBTNA-LAB.»
 
Su quali molecole vi siete concentrati?
«I nostri fiori all'occhiello sono due molecole naturali: le Alfa-Ciclodestrine e l'Idrossitirosolo. Entrambe queste molecole sono contenute nei prodotti della Linea ENDOVIR (www.endovir.it). Le alfa-ciclodestrine e l'idrossitirosolo da olivo sono state studiate per lungo tempo ed in numerosi ambienti scientifici.
«Dopo anni d'impegno continuativo in materia, noi di EBTNA-LAB possiamo affermare di aver contribuito a comprendere quale sia l'importanza di queste molecole.
«Le nostre ricerche sulle molecole naturali, interamente svolte in Italia, ci hanno permesso di sviluppare dei prodotti per il benessere quotidiano a base di α-ciclodestrina e idrossitirosolo - appunto - sotto forma di integratori alimentari, dispositivo medico o collutorio. In base al tipo di formulazione gli effetti possono essere molteplici.»
 

 
Ci parli del risultato della nuova ricerca e del lancio sul mercato dell’integratore alimentare Recovery?
«Nel Recovery sono presenti una serie di vitamine: il folato, la vitamina B6 e la vitamina C, che contribuiscono a ridurre la stanchezza e l' affaticamento, mentre la vitamina C, la B12 e la tiamina contribuiscono al normale metabolismo energetico e alle funzioni psicologiche e del sistema nervoso.
«Infine, nel Recovery abbiamo inserito anche la vitamina D, che contribuisce al mantenimento della normale funzione muscolare.
«La composizione dell’altro integratore - l'ormai noto Endovir è stata invece pensata per il benessere delle vie respiratorie.»
«Nel caso di Endovir Recovery, parliamo di compresse. Si tratta di un Integratore alimentare che abbiamo formulato con un dosaggio vitaminico davvero molto concentrato.
«Abbiamo infatti pensato di combinare all'interno di un unico integratore benefici inerenti molteplici funzioni fisiologiche.
«Ci sembra una novità importante. Endovir Recovey abbina alcune Vitamine con l'Idrossitirosolo e con l'Acetil-L-carnitina.
«Grazie alla sua innovativa formulazione, insomma, è un integratore particolarmente indicato e specifico per un recupero dopo un periodo di malanno o dopo un periodo di affaticamento e stanchezza.
«C'è anche la questione del recupero dagli scompensi tipici del cambio di stagione.»
 
Ci sono controindicazioni?
«No, non ci sono controindicazioni specifiche a parte in caso di allergia nota o presunta verso uno o più dei componenti.»
 
In generale gli integratori vanno assunti a seguito di una valutazione medica?
«Come per altri integratori, si consiglia di sentire il parere del medico in caso di utilizzo del prodotto in gravidanza, allattamento e nei bambini.»
 
E quali sono gli altri prodotti che state per immettere in commercio?
«Beh, per completare la linea (ma ci siamo quasi) dobbiamo attendere ancora un po' per il dispositivo medico e per il collutorio.
«Lo scopo del dispositivo medico è quello di coadiuvare il trattamento dei sintomi del raffreddore e contribuire a creare una barriera protettiva a livello delle mucose nasali.
«Infine, il collutorio fornisce protezione e igienizzazione delle mucose orali, specialmente in chi fa uso prolungato di mascherine protettive. Contribuisce a ridurre l’alitosi ed esplica un’azione rinfrescante.»
 
Quali sono le vostre convinzioni, arrivati a questo punto del percorso?
«Noi crediamo che il biotech applicato alla ricerca attorno alle molecole naturali, considerando pure il territorio italiano e la sua conformazione socioeconomica, debba essere tenuto in forte considerazione, così come gli altri settori dell'innovazione tecnologica.
«Non a caso il dottor Matteo Bertelli ha lanciato una petizione per la costituzione di un ordine nazionale dei biotecnologi. Un'iniziativa che ha raggiunto 600 adesioni in poche settimane.
«Le biotecnologie sono un settore di sempre maggiore interesse mediatico e scientifico: crediamo sia arrivato il momento, anche per l'Italia, di dare vita al cosiddetto effetto Silicon-Valley, come lo stesso dottor Bertelli usa dire.»
 
Nadia Clementi - n.clementi@ladigetto.it
Dott. Stefano Paolacci - stefano.paolacci@assomagi.org

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni