Home | Rubriche | Parliamone | Il lifting al viso – Di Nadia Clementi

Il lifting al viso – Di Nadia Clementi

Ne parliamo col dottor Francesco Idone, uno dei massimi esperti in chirurgia plastica ricostruttiva estetica, da poco al Centro sanitario Trento

image


Il Centro Sanitario di Trento, grazie ai suoi 120 professionisti, fornisce servizi sanitari d’eccellenza dalla medicina di base, a quella dello sport, passando dall’alimentazione, fino all’estetica.
Dallo scorso mese di aprile l’ambulatorio della dermatologia e chirurgia estetica, si è arricchito di un nuovo plurispecialista in grado di correggere e migliorare gli inestetismi di viso e corpo con tecniche mini-invasive che risultano molto naturali, utilizzando prodotti di altissima qualità, certificata, sicuri e tracciabili.

Parliamo del dott. Francesco Idone specialista di spessore internazionale plurispecializzato in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica presso la scuola di specializzazione delle Università federate di Parma, Bologna, Modena ed Ancona.
Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica presso l’Istituto Jaliscense de Cirugia Reconstructiva (Messico).
Fellow del Board Europeo di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica.

Il dott. Idone, tra le molteplici esperienze in campo estetico, è esperto nel ringiovanimento non chirurgico del viso, che da sempre ha rappresentato una grande sfida per medici estetici e chirurghi plastici.
Oggi grazie alle nuove scoperte in ambito anatomico, e grazie ai materiali sempre più evoluti è possibile raggiungere risultati inimmaginabili fino a poco tempo fa. Noi per saperne di più lo abbiamo intervistato.

 Chi è il dott. Francesco Idone 
Chirurgo Plastico di spessore Internazionale, plurispecialista e plurititolato certificato, avendo conseguito la Specializzazione Italiana in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, presso le Università federate di Parma, Bologna, Modena ed Ancona. (2009-2014).
Specializzazione Americana in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, Instituto Jalisciense De Cirugia Reconstructiva IJCR Guadalajara, Jalisco (Messico) considerato il migliore centro al mondo per formazione in Chirurgia Estetica (2014-2017).
Specializzazione Europea in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica FEBOPRAS – Fellow of the European Board of Plastic, Reconstructtive and Aesthetc Surgery (Helsinki, Finlandia – Berna, Svizzera (2015-2017) con riconoscimento europeo di elevata qualità di formazione.
Specializzazione in Medicina Estetica, Scuola Internazionale di Medicina Estetica, Roma (2017-2021) AGvo nel campo della chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica da quasi 15 anni con migliaia di interventi documentati di elevata complessità eseguiti come primo operatore.
Ideatore e sviluppatore di tecniche chirurgiche originali, innovative ed efficaci nell’ambito della chirurgia plastica ricostruttiva tra cui:
 
F.A.R. flap per la ricostruzione delle punte digitali in seguito a traumi della mano; tecnica pubblicata sul Journal of Investigative Surgery: Adipofascial Reverse Flap: A Modified Technique for the Reconstruction of Fingertip Amputations della chirurgia plastica estetica tra cui:
Hockey s9ck extension grag for the control of the projection and the rotation of the nasal tp; presentato al 43° Simposio Internazionale di chirurgia plastica (Messico) e della medicina estetica tra cui:
«Interfascial by Cannula Implantation» (I.C.I.) per il miglioramento estetico dell’atrofia della fossa temporale, pubblicato sulla prestigiosa rivista Plastic and Reconstructive Surgery Journal PRS.
Membro delle più importanti Società Scientifiche Internazionali di Chirurgia Plastica Estetica e Medicina Estetica. Reviewer per le più prestigiose riviste scientifiche nell’ambito della Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica.
CV dott. Francesco Idone: hlps://dridonechirurgiaplas9ca.com/wp-content/uploads/2017/02/CV-dr Francesco-Idone.pdf

Dottor Idone, viviamo in una società fondata sui «selfie» e sull’apparire. Un mondo dove la chirurgia estetica non è fondamentale solo per la bellezza esteriore delle persone ma anche per quella «interiore». Perché secondo la sua esperienza, oggi, si ricorre sempre più alla chirurgia estetica?
«Sicuramente oggi un paziente che voglia migliorare il suo aspetto esteriore o semplicemente prendersi cura della propria immagine può usufruire di tecniche e materiali che qualche anno fa non esistevano. Non è dunque completamente esatto parlare di società del selfie, semplicemente oggi esistono delle opportunità in più per star bene con se stessi.»
 
Sono più gli uomini o le donne a ricorrere alla chirurgia estetica in generale?
«Decisamente ancora più le donne.
«Le donne per noi uomini sono irraggiungibili in molti aspetti della vita. Eccone uno in più!»
 
Si rivolgono a lei anche pazienti molto giovani? Come interpreta l’esigenza di ragazze giovanissime di intervenire sul proprio viso o corpo e quali sono gli interventi più richiesti?
«Si esatto, molte ragazze giovani si avvicinano a questo mondo. La richiesta principale è l’aumento mammario o in generale interventi riguardanti il seno. A volte si tratta di giovani donne poco mature altre volte invece possono essere molto consapevoli del proprio corpo e determinate. Ogni caso va valutato a parte.»
 
 
 
Ultimamente, è esploso un vero e proprio boom di trattamenti per la cura del viso, ognuno dei quali è specifico per un’azione mirata, peeling, maschere ed infiltrazioni di acido ialuronico, apparecchi elettro-medicali, creme, strumenti per la pulizia della pelle etc. Insomma, c’è un’ampia gamma di prodotti e dinanzi alla quale, molto spesso, non si è in grado di scegliere. Cos’è che è davvero utile e cosa non lo è?
«Molto semplice: bisogna identificare la causa del problema estetico, il trattamento da eseguire e poi diventa una conseguenza naturale. Per questo è importante rivolgersi a un medico specialista in chirurgia plastica e non ad un medico qualsiasi.»
 
I filler iniettati nel viso cosa contengono, sono sicuri, possono avere delle controindicazioni?
«Sono dei presidi medici che vanno utilizzati solo da mani esperte. Da chirurghi plastici che sono abituati ad operare il viso e che hanno grandi competenze anatomiche. Il diffondersi di queste procedure iniettive eseguite da medici non specialisti in chirurgia plastica ha determinato una enormità di complicanze anche molto gravi.»
 
Spesso si vedono degli eccessi, delle «maschere» troppo pesanti, troppo plastificate. È sempre colpa dei clienti o dei medici che assecondano troppo? Quali sono i rischi del botox? Abbiamo presente alcuni esempi di star rovinate dalle «punturine», come Meg Ryan a Nicole Kidman. L’errore sta nell’affidarsi a professionisti poco esperti?
«Si esatto, purtroppo la legge prevede che qualsiasi medico possa praticare questo tipo di procedure, sarebbe come farsi operare al cuore da un ortopedico.»


Ricostruzione al viso e collo.
 
La chirurgia plastica ha raggiunto nuove frontiere. Oggi è possibile migliorarsi sembrando «natural»?
«Assolutamente sì. Naturalezza significa rispetto delle forme e proporzioni. Se, chi pratica la medicina estetica ha molto chiari questi concetti, il risultato non potrà che essere naturale ed elegante.»
 
Lei è uno dei migliori specialisti in chirurgia estetica del viso, grazie ad una serie di tecniche e interventi mirati, per correggere alcuni degli inestetismi e alcune delle imperfezioni più evidenti, riequilibrando le proporzioni nel rispetto dell'armonia del volto. Ci parla di questa sua specializzazione?
«Per raggiungere alti livelli di performance chirurgiche è necessaria una formazione completa in chirurgia plastica con migliaia di interventi eseguiti nelle più importanti cliniche del mondo ed una formazione continua. Questo è stato e continua ad essere il mio percorso.»
 
In cosa consiste, tecnicamente, l'intervento di lifting al viso? E quello del collo? Si tratta di due interventi separati o possono essere effettuati contemporaneamente?
«Sono interventi che di solito si eseguono contestualmente e si tratta di riposizionare i tessuti scesi nel tempo. Per fare questo è necessario praticare delle incisioni che poi restano nascoste nelle pieghe della pelle.»
 

Ricostruzione viso.
 
Quanto dura l'intervento? È doloroso? L'intervento viene effettuato in anestesia totale o locale?
«Si esegue in anestesia locale e sedazione. Non è assolutamente doloroso e dura circa tre ore.»
 
Quali accorgimenti vanno adottati dal paziente dopo l’intervento?
«I soliti di un intervento pur minimamente invasivo: riposo per almeno un paio di giorni con eseguimento delle raccomandazioni mediche.»
 
Esistono dei rischi legati all'intervento che il paziente deve tenere presente prima di decidere?
«Ogni intervento comporta dei rischi che però sono veramente minimi se eseguito da mani esperte. Il paziente in questo senso deve avere un confronto chiaro e completo con il suo chirurgo di fiducia.»
 
Il lifting del viso dà risultati permanenti, oppure dopo un certo tempo l'effetto dell'intervento tenderà a svanire?
«Si, in generale ci si sottopone a questo intervento una volta nella vita, poi ovviamente il processo di invecchiamento non si può arrestare. Molto dipende anche dallo stile di vita del paziente.»
 

 
Nel campo della chirurgia plastica le aspettative del paziente sono spesso quelle che determinano la sua soddisfazione o meno. Cosa ci si può realisticamente aspettare da un intervento di lifting al viso?
«La cosa migliore per avere un dialogo completo con il paziente è mostrare la fotografia di un analogo intervento, in questo modo è più facile che il paziente si renda conto del risultato che potrà conseguire.»
 
Esiste un’età in cui è preferibile eseguire un lifting del viso?
«Non esiste un età prestabilita: la paziente più giovane alla quale ho eseguito un lifting era una donna di 37 anni che aveva subito un dimagrimento massivo.»
 
Le creme antirughe che troviamo in commercio sono efficaci?
«La cosmesi riveste un ruolo importante nella cura della pelle. Per consigliare un cosmetico efficace bisogna però prima vistate la pelle e sottoporre la paziente a un check up cutaneo professionale.»
 
In conclusione, quali sono le nuove frontiere della dermatologia plastica, tenendo conto anche dei progressi della ricerca e quali sono i segreti per avere la pelle del viso al top?
«L’invecchiamento è processo multifattoriale e per affrontarlo dunque in maniera completa è necessario un approccio multimodale. Non esiste in realtà una ricetta magica che possa andare bene per tutti i visi.»
 
Nadia Clementi – n.clementi@ladigetto.it
Dott. Francesco Idone - Info@csttrento.it
www.centrodermatologiaestetica.ithttps://www.csttrento.it/ - 0461.8330596

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni