Home | Rubriche | Psiche e dintorni | Le piaghe da combattere – Di Giuseppe Maiolo, psicoanalista

Le piaghe da combattere – Di Giuseppe Maiolo, psicoanalista

Pedopornografia e pedofilia online devono essere contrastate soprattutto dai genitori che devono educare i figli adolescenti alla sessualità e alla affettività

image

Colpiscono non poco i dati sui minori in rete e sui pericoli che essi corrono. Tra questi emerge la pedopornografia e i tanti siti che diffondono materiale di azioni sessuali con minori e tra i minori.
Con un semplice click oggi è facile sia cercare materiale di questo tipo che pubblicarlo e le possibilità per bambini e adolescenti di avvicinarsi a un universo così pericoloso, nuova frontiera della pedofilia e dell’abuso, aumentano di giorno in giorno.
D’altra parte secondo alcune ricerche, il tempo che i ragazzi passano in Internet è considerevole: tra i 13 e i 18 anni mediamente arrivano a 6.5 ore al giorno.
 
Ma ancora più inquietante è il dato dell’età in cui si comincia ad usare il telefonino in «autonomia».
Uno studio recente segnala che i bambini già all’età di 3-4 anni se ne stanno da soli col cellulare di un genitore e accedono a Internet senza che l’adulto se ne accorga.
Preoccupano non poco, allora, gli avvertimenti della Commissione europea quando indicano in crescita le segnalazioni di abusi sessuali online e ancora di più quelli della Polizia Postale che insieme all’International Security Alliance, ha messo in evidenza l’aumento della diffusione di materiale pedopornografia nel corso della pandemia.
 
Del resto, neanche un paio di mesi fa, poco prima di Natale, abbiamo avuto notizia di una maxioperazione internazionale della Polizia italiana che ha scoperto un terribile «traffico dell’orrore» che girava su WhatsApp e Telegram dove il materiale «tossico» diffuso era fatto di scioccanti immagini di violenze sessuali e torture su bambini piccoli messe in rete anche da noi ad opera di insospettabili professionisti, impiegati, consulenti universitari, pensionati.
 
Il problema è sicuramente quello di aumentare il controllo e la vigilanza sulla rete sui siti di pedopornografia criptati che si moltiplicano e si diffondono nel dark web dove si comprano video di “orrori” ma dove si possono anche vedere in diretta sevizie e attività sessuali con i bambini.
Questa è la pedopornografia che sta prendendo piede e arriva con una certa facilità ai minori che navigano in rete senza il controllo degli adulti.
È acquisito che i danni psicologici sui minori che si imbattono in queste immagini possono essere pari a quelli di chi viene abusato realmente.
 
Va detto poi che l’aumento in internet di consistente materiale intimo e sessuale è dato anche da quello autoprodotto dai minori stessi per gioco o divertimento.
Nel lungo periodo del lockdown, video e immagini prodotte con il gioco del sexting che ragazzi e ragazze si sono scambiati, hanno contribuito in maniera inconsapevole alla diffusione di materiale erotico al di fuori dello scambio consensuale, e ha arricchito il già florido mercato della pedopornografia.
 
Si sa che un buon 13% di minori invia regolarmente «selfie privatissimi» agli amici. Immagini che poi di frequente finiscono su siti pornografici.
Probabilmente allora non basta il grande lavoro di vigilanza e di repressione dei reati da parte delle Forze dell’ordine.
Serve con la massima urgenza una comunità educante che sappia mettere al primo posto del progetto educativo interventi di informazione e sensibilizzazione dei minori sui rischi che si corrono fotografandosi per gli amici.
 
C’è la necessità che famiglia e scuola sappiano educare alla sessualità e all’affettività, perché la prevenzione si fa in questo modo.
Solo se educano gli adolescenti a una digitalità responsabile si potrà contenere il sexting ed evitare la sextortion.
Ma c’è bisogno di adulti di riferimento in grado di parlare di queste cose ai minori, competenti nell’ indicare le buone prassi utili per proteggere e proteggersi.

Giuseppe Maiolo - Psicoanalista
Università di Trento - www.officina-benessere.it

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni