Home | Rubriche | Psiche e dintorni | La violenza del branco e la povertà educativa – Di G. Maiolo

La violenza del branco e la povertà educativa – Di G. Maiolo

Lo psicologo: «Anche nel caso delle recenti violenze di capodanno è bene ricordare che ciascuno di noi è figlio dell’educazione ricevuta»

image

>
La violenza sulle donne da parte dei maschi è purtroppo una realtà quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano a incontrare inaccettabili resistenze.
Lo ha ricordato Michela Marzano a proposito dei fatti gravi avvenuti nella notte di capodanno a Milano ai danni di una decina di ragazze.
«È come se in tanti – scrive – avessero paura che la condanna di queste aggressioni commesse da giovani di origini nord-africane possa essere strumentalizzata in chiave razzista.» (la Repubblica 9.01.2022).
 
Una sottolineatura importante relativamente al silenzio dell’informazione su questo evento è un richiamo alla necessità di non smettere di denunciare le violenze e chiunque sia chi le commette.
Quando accadono fatti come questi, può essere facile cadere nella convinzione errata che le molestie abbiano a che fare con atti di goliardia e che questa violenza appartenga ad altre culture.
Trascurarne la riflessione oltreché la denuncia fa correre il rischio di derubricarne la gravità o colloca il fenomeno all’interno di contesti sociali e culturali distanti dal nostro per alleviare il carico della nostra coscienza.
 
Del resto, individuare il mostro e «sbatterlo in prima pagina» è uno dei potenti meccanismi di difesa che ci permettono di proiettare altrove le nostre parti «ombra».
Sappiamo bene che la cultura della sopraffazione non ci è estranea ma, come uomini, ci serve per assolverci dalle responsabilità individuali e collettive.
A noi maschi invece, spetta il compito di interrogarci sul perché e dove si annida quel maschile tossico e violento che ci abita senza che ne siamo consapevoli.
 
A tutti gli uomini è fatto obbligo di ricercare le radici della violenza che, come ripetutamente ci mostra la cronaca, spesso si esprime in azioni di gruppo.
Gruppo che abbiamo preso a chiamare «branco» per sottolineare l’aspetto animale del comportamento prevaricatore ancora presente nel nostro cervello rettile.
Riconoscerlo non giustifica in nessun modo la violenza sulle donne ma, come dice Silvia Bonino, ci serve per capire che i maschi hanno a che fare con una «eredità filogenetica» che è più o meno la stessa struttura arcaica che una volta regolava la sessualità dominante del maschio e la sottomissione della femmina.
 
In altre parole ci serve per capire che la relazione fondata sul rapporto predatore/preda continua ad essere presente come modello mentale e molto probabilmente costituisce la base su cui poggia il maschilismo.
Modello che può essere rivisto unicamente con l’educazione, ovvero con un processo di sviluppo guidato ed equilibrato del maschile che permetta ai maschi, a prescindere dalla cultura di riferimento, di diventare uomini in grado di governare le proprie pulsioni e maschi capaci di relazioni rispettose con le femmine.
 
Vale la pena che in ogni situazione di violenza sulle donne ci si chieda quale sia stato il processo educativo dell’abusante, perché ciascuno di noi è figlio dell’educazione ricevuta.
Nel caso del branco di Capodanno, peraltro composto da cittadini italiani anche se di origini straniere cresciuti nelle periferie delle nostre metropoli, è necessario domandarsi, senza peraltro fare sconti di responsabilità, quanto possano essere ragazzi con un’educazione inadeguata che non hanno trovato chi li aiutasse a coltivare una concezione diversa del rapporto uomo-donna e siano rimasti ancorati alla cultura del sopruso e del dominio.

Giuseppe Maiolo - psicoanalista
Università di Trento - www.iovivobene.it

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande