Home | Rubriche | Scenari | Aziende che investono per innovare – Di Daniele M. Bornancin

Aziende che investono per innovare – Di Daniele M. Bornancin

Il manifatturiero italiano corre e tra i campioni ne troviamo alcuni di casa nostra

image

>
Stiamo parlando di medie e piccole imprese che producono beni di consumo, esportati nei mercati esteri e che, pur guadagnando quote di mercato, vengono a volte ostacolate dalla burocrazia, dai costi dell’energia, dalle norme fiscali, dall’insufficienza di infrastrutture e dalla difficoltà nei trasporti, tuttavia resistono con tenacia per portare la bandiera italiana in tutto il mondo. Aziende che producono in Italia, e rappresentano il meglio del Paese.
Operano in campi diversi, spesso di nicchia, di alta specializzazione e spaziano nei settori dell’alimentazione, della meccatronica, dell’informatica, dell’abbigliamento, realizzando il 2% del Prodotto Interno Lordo.
Come si diventa eccellenza del sistema produttivo italiano?
Non è semplice, bisogna superare alcuni parametri, per essere inseriti nella classifica predisposta dall’Ufficio Studi dell’Italy Post, che riguarda i bilanci delle piccole e medie imprese.
 
L’indagine rappresenta l’elenco completo delle TOP 500, aziende italiane con un fatturato di 20/120 milioni e una crescita annua del 7%, negli ultimi sei anni e con un rapporto d’indebitamento non superiore l’80%.
Per le TOP 100, cioè le aziende con ricavi tra 120 e 500 milioni, devono rappresentare una crescita del 4.5%, negli ultimi sei anni e come per le TOP 500 un indebitamento non superiore all’80%.
Sono imprese che spesso non sono conosciute dal grande pubblico, ma che, creando lavoro trascinano il Paese.
Tra le 100 eccellenze denominate appunto TOP 100 figurano alcune Imprese Trentine, a conduzione e proprietà familiare, che si stanno trasformando da piccole a medie imprese, ossia quel salto dimensionale che le porterà a essere ancora più competitive, più innovative e più internazionali.
 

 
Rimanendo a casa nostra meritano menzione:
Technoalpin, tra le TOP 500, nota per la produzione d’impianti per l’innevamento artificiale e la Cariboni Group, per la produzione e messa in opera di sistemi d’illuminazione esterna.
Inoltre La Sportiva di Tesero, affermatasi negli anni a livello internazione nella produzione di scarpe da arrampicare, da montagna e abbigliamento sportivo.
Infine l’ACS DATA SYSTEMS, operante oltre che a Bolzano anche a Trento, della quale abbiamo già avuto modo di parlare nel dicembre scorso, con l’intervista al Responsabile e manager dell’unità di Trento Mauro Gottardi, che si occupa di servizi informatici quali cloud hosting, system integration.
 
La Sportiva, premiata nell’ormai tradizionale scenario dell’appuntamento: L’Italia genera futuro, momento questo per riconoscere le aziende italiane che hanno saputo collegare una corretta informazione e una continua e significativa crescita, è tra quelle che hanno fatto sentire il cuore produttivo italiano in Europa e nel mondo.
Quest’azienda si sta espandendo con un nuovo stabilimento a Tesero, allargando così i suoi percorsi produttivi e commerciali.
La Sportiva, con Presidente Lorenzo Delladio, si è classificata prima nella 1ª edizione del premio «L’impresa è comunicazione», per aver saputo coniugare comunicazione efficace e crescita continua, e ha ottenuto il primo posto, con il miglior video corporate story su Facebook.
 
L’ACS DATA SYSTEMS, azienda d’innovazione tecnologica, nata nel mondo altoatesino ha raggiunto oltre al Trentino, il Veneto e la Germania ed è tra le più competitive nella graduatoria delle piccole e medie imprese.
Il Premio ottenuto da ACS SYSTEMS ha avuto origine dalle decisioni prese negli ultimi tempi dalla direzione aziendale, di anticipare l’uso e la trasformazione del sistema digitale, nella logica di offrire ai clienti servizi di ogni genere, molto innovativi, con prodotti moderni a misura di clienti.
Di fatto, una realtà che fa di quest’azienda un’eccellenza del Trentino e dell’Alto Adige che come gruppo impiega 250 collaboratori e che nel 2018 ha realizzato ben 42 milioni di fatturato.
 
Mauro Gottardi Area Manager di ACS Data Systems Trentino, lavora nella sede di Trento Nord e ha dichiarato in quest’occasione.
«Ci impegniamo giorno dopo giorno sul nostro territorio per offrire ai nostri clienti sempre migliori servizi.
«Per questo abbiamo aumentato il numero dei collaboratori e investito fortemente nella formazione, creando del Know how fondamentale; tutto questo ci ha permesso di crescere.»
 

 
Nel richiamare l’intervista del dicembre scorso, giova ricordare un passaggio della risposta di Gottardi a una domanda posta e che fa ben comprendere la reale motivazione del premio in questione, ossia: L’ambiente di lavoro di quest’azienda presenta caratteristiche particolari?
«Siamo tutti giovani con un’età media di 35 anni e usiamo quotidianamente la lingua inglese. Il rapporto tra noi è aperto; tutto si basa sulla corresponsabilità e su una chiara interpretazione dei ruoli.
«Vi è un dialogo sincero è trasparente tra le parti: dirigenti, responsabili di area e personale. Il nostro sistema predilige la valorizzazione di ogni persona, la formazione continua e il sapere, dove va l’azienda.
«Ogni anno dedichiamo una giornata per capire e condividere con tutti i collaboratori, gli obiettivi, le strategie e i punti di arrivo, le impostazioni e le mete aziendali, creando così una sorta di compartecipazione nello sviluppo aziendale.»
 
Per concludere questa riflessione possiamo ragionevolmente affermare che: non è forse questo metodo una nuova «cultura d’impresa»?
Certamente, e non solo per i settori produttivi. Dobbiamo essere convinti però che è meglio operare insieme con criteri di condivisione, perché da soli non si va da nessuna parte.
Questo è il vero messaggio che le aziende trentine, premiate tra le migliori del patrimonio produttivo italiano, con il loro modo di fare e di essere azienda, in un certo qual modo rappresentano la qualità sia pure di territori piccoli e di montagna, come il Trentino, ma che sanno stare al passo con i tempi.
Tutto questo per dire che si è ancora in tempo per progettare il futuro anche del nostro made in Trentino.

A cura di Bornancin Daniele Maurizio

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni