Home | Rubriche | Una finestra su Rovereto | Il Rovereto vince il Campionato di calcio Promozione Trentino

Il Rovereto vince il Campionato di calcio Promozione Trentino

Con un netto 3 a 0 il Rovereto vince il derby con la Benacense, seconda in classifica, e conquista la promozione nel prossimo Campionato di Eccellenza regionale

La partita è stata particolarmente bella, soprattutto nel primo tempo, nel corso del quale i ragazzi di mister Eccher hanno comunque mostrato il loro consueto gradevole gioco e qualcosa in più dei bianco-verdi rivani. Il folto pubblico ha gradito molto in un pomeriggio assolato.
Le zebrette vanno a rete col giovane Tognotti e controllano con disinvoltura la prevedibile reazione della Benacense.
Capitan Festi e compagni sono capaci di accelerazioni importanti, in una di queste il bomber Brusco segna da par suo il raddoppio roveretano.
I giochi sembrano fatti.
 
Nella ripresa la partita cala di ritmo, ma si mantiene piacevole.
Brusco regala alla squadra il 3 a 0 che chiude ogni discorso.
Anche gli sportivi rivani hanno modo di applaudire e sottolineare i molti meriti delle zebrette roveretane.
Nel frattempo, da Storo arriva la notizia della vittoria della Ravinense sulla Settaurense per 2 a 1.
Risultato che assegna matematicamente al Rovereto la promozione nel prossimo Campionato di Eccellenza del Trentino Alto Adige.
La partita si chiude e iniziano sul campo e nello spogliatoio i festeggiamenti.
 
«Un successo strameritato – ci dice subito un euforico Presidente bianconero Carlo Schonsberg – un'annata difficile, ogni squadra avversaria ha dato contro di noi il 200%, bravissimi i ragazzi a tenere in questi mesi sempre i piedi per terra e a giocare con intelligenza e con immensa passione.
«Sono molto felice per il nostro mister Paolo Eccher e il suo staff, capaci tutti di dare all'ambiente la necessaria tranquillità, di aver lavorato sodo e di aver fatto crescere moltissimo i nostri giovani.
«Ora subito sotto al lavoro per onorare al meglio questa meritatissima promozione.»
 
Mister Eccher, vera anima bianconeri, è già vestito sotto la doccia! È in pieno stato di comprensibile euforia.
«Che dire, sono felicissimo per la società, per i miei collaboratori Nicola Fazzi e Gabriele Zandonai, per i ragazzi che non hanno mai mollato la presa di un centimetro.
«Ora dobbiamo onorare il Campionato fino al fischio finale. È la nostra filosofia.
«Rispetto per tutti e per tutto, giochiamo al meglio fino alla fine. Il Rovereto è e sarà questo sempre.»
 
Anche l'amato capitano Paolo Festi non sta nella pelle.
«Alla mia età vincere un altro Campionato e tornare in Eccellenza è per me un grande traguardo.
«Essere il capitano di questi meravigliosi ragazzi mi riempie di gioia e di immenso orgoglio.
«Avanti tutta, adesso viene il bello, Rovereto si merita di vedere grande calcio al Quercia!»
 
Anche il super portiere Stefano Chimini, atleta dal grande curriculum che lo ha visto giocare pure in Serie B a Monza, esplode in una gioia contagiosa.
«È un momento di felicità che non conoscevo da tempo. Ambiente, società, tecnici e ragazzi meravigliosi! Ho voluto fortemente venire a Rovereto e regalarmi una grande vittoria collettiva come questa. Che gioia, avanti tutta, fino alla fine!»
 
C'è ben poco da aggiungere. Rovereto torna meritatamente ai vertici del calcio dilettantistico regionale.
Ulteriori obiettivi non mancheranno. Ma saranno giustamente perseguiti con ambizione, ragionevolezza, umiltà, coraggio, determinazione e passione.
I giusti ingredienti per vincere nello sport come nella vita.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande