Home | Rubriche | Una finestra su Rovereto | Il grande Zarko Balic a Rovereto – Di Paolo Farinati

Il grande Zarko Balic a Rovereto – Di Paolo Farinati

Un brindisi in Piazza delle Erbe ricordando i tempi gloriosi della grande Pallamano maschile di Rovereto targata Volani

image

>
Questa mattina un giusto brindisi in Piazza delle Erbe, ricordando i tempi gloriosi della grande Pallamano maschile di Rovereto targata Volani.
Zarko Balic giocò con l'Handball Club Volani Rovereto dal 1978 al 1980, conquistando due scudetti e due Coppa Italia.
Per due stagioni fu il capocannoniere del massimo Campionato italiano di pallamano maschile.
 


Suo figlio Ivano, che nel 1979 giunse con la famiglia nella nostra città a soli 4 mesi, è stato capitano della Croazia, che nel 2004 conquistò la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Atene.
Quello stesso anno Ivano Balic fu premiato quale miglior giocatore della pallamano mondiale.



Questa mattina Zarko, accompagnato dalla moglie Stephanka e dall'amico Claudio Manfredi, ha giusramente brindato in Piazza delle Erbe con i «vecchi» compagni di squadra Athos Grandi e Paolo Farinati.
Viene spesso ogni anno a Rovereto dalla sua amata Spalato.
Quanti indimenticabili ricordi...

Paolo Farinati

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande