Home | Sapori | Slow Food porta online degustazioni con le eccellenze italiane

Slow Food porta online degustazioni con le eccellenze italiane

Al centro i temi che da più di trent’anni l'associazione porta avanti per il cibo buono, pulito e giusto per tutti

image

>
La Condotta Slow Food Valle dell’Adige Alto Garda non si ferma e presenta una serie di attività online per non interrompere i momenti di incontro con i propri soci e amici.
Al centro i temi fondamentali dell’associazione che da più di trent’anni lotta per il cibo buono, pulito e giusto per tutti coinvolgendo produttori, ristoratori e altre associazioni.
Primo appuntamento martedì 2 febbraio con una originale degustazione online di formaggi Presidio Slow Food.
Protagonisti saranno le eccellenze casearie della provincia: il Casolet della Val di Pejo, i formaggi di razza rendena, quelli di grigio alpina dalla Valfloriana, il Puzzone di Moena di malga e il Vezzena stagionato degli alpeggi cimbri.
Formaggi naturali a latte crudo che saranno consegnati direttamente a casa dei partecipanti che potranno poi collegarsi su piattaforma online per assistere alla degustazione guidata dal maestro assaggiatore Francesco Gubert.
La degustazione è organizzata con il supporto logistico di Buonissimo Conad City ed è a pagamento.
 
Giovedì 4 febbraio prende invece avvio «Road to mountains», una serie di sedici incontri con i produttori delle eccellenze italiane di alta montagna.
Nel cuore delle vallate alpine, sugli Appennini, sui monti del Sud Italia e delle isole, comunità diverse resistono nelle Terre Alte.
Hanno elaborato strategie per affrontare problematiche comuni: l’abbandono, l’inselvatichimento, la perdita di memoria e di valore del cibo, la centralità di città e fondovalle.
Custodi del paesaggio, difensori della memoria, hanno trasformato le montagne in luogo delle opportunità. I testimoni dei Presìdi Slow Food di montagna si collegheranno ogni giovedì sera con i soci trentini per condividere le loro esperienze.
Il focus riguarderà il loro rapporto con il territorio, con i ristoratori e le istituzioni, anche in vista della ripartenza post Covid-19.
L’obiettivo di questi incontri è mettere le basi per la costituzione di un Forum permanente delle Terre Alte.
 
Costruendo così un confronto tra gli attori delle Terre Alte, una fucina di incontri e confronti, scambi di idee, un detonatore di sinergie.
Il primo incontro vedrà ospite l’azienda agricola Gabriele Crudo, produttrice del pecorino Monte Poro in Calabria, seguiranno poi Carlo Mazzoleni per il formaggio Storico Ribelle, dalla Lombardia, Ettore Ciarrocca con la Lenticchia di Santo Stefano di Sessanio (Abruzzo), chiuderà il primo ciclo Paysage à Manger con la patata valdostana Verrayes.
Partecipazione gratuita, previa iscrizione.
«Road to mountains» è un progetto realizzato in collaborazione con la Comunità Slow Food per lo sviluppo agroculturale degli Altipiani Cimbri.
Le iniziative rientrano nel calendario di Terra Madre, l’evento che da ottobre 2020 a aprile 2021 coinvolge tutto il mondo Slow Food con eventi online da tutti i continenti.
Per iscrizioni e maggiori informazioni slowfoodadigegarda@gmail.com

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni