Home | Sapori | Vino Trentino | Trentodoc Festival: prima esauritissima degustazione

Trentodoc Festival: prima esauritissima degustazione

Tema: «Le bollicine Magnum: quando la grandezza della bottiglia esalta il prodotto»

image

Gabriele Gorelli, Roberto Anesi, Stefano Berzi, Valentino Tesi – Foto Alessio Coser.
 
La tre giorni dedicata alle bollicine di montagna, il Trentodoc Festival si è aperta all’insegna della grandezza, letteralmente, visto che a Palazzo Ocse è andata in scena una super degustazione (da tutto esaurito) dedicata alle «Bollicine Magnum, la grandezza della bottiglia e come esalta il Trentodoc».
Ovvero l’evoluzione di questo spumante affinato nei grandi formati condotta, e qui sta la partenza con il botto, da tutti i degustatori del festival, un vero e proprio «parterre du roi» capitanato nientemeno che da Gabriele Gorelli, primo e unico Master of Wine italiano.
Con lui Stefano Berzi, Valentino Tesi, Simone Loguercio, Roberto Anesi, Maurizio Dante Filippi, rispettivamente Migliori Sommelier d’Italia Associazione Italiana Sommelier 2021, 2019, 2018, 2017 e 2016. Le etichette Trentodoc in degustazione in formato magnum? Etyssa, Rotari, Endrizzi, Cantine Ferrari, Altemasi e Cesarini Sforza spumanti.
 

Roberto-Anesi - Valentino Tesi - Stefano Berzi.
 
La presenza di Gorelli, classe 1984, nato e cresciuto a Montalcino, unico Master of Wine italiano, con titolo ottenuto a Londra nell’istituto più selettivo al mondo per il comparto vitivinicolo, è servita anche per capire come mai nelle bottiglie più grandi, al contrario delle botti, stia il Trentodoc più pregiato, «croccante» come lo ha definito lui: «C’è una tradizione, verificata più volte, che il fatto di avere un volume di liquido più grande ed uno spazio di collo maggiore incidono nella qualità del prodotto.
«Al momento del “degorgement” abbiamo molto meno ossigeno rispetto al volume del vino, questo significa un trattamento molto meno ossidativo.
«C’è poi – ha spiegato Gorelli – anche un aspetto legato alla seconda fermentazione che avviene in bottiglia.
«Più è grande è il contenitore più è lenta la fermentazione e quindi c’è più complessità.»
 

Enrico Zanoni.
 
Nell’aprire la degustazione il presidente dell’Istituto Trento Doc Enrico Zanoni (direttore generale di Cavit) ha detto:
«Questo è un vero evento, lo dimostra il fatto che le prenotazioni on line sono andate esaurite in pochissimo tempo.
«Questo è un chiaro indicatore dell’attenzione al prodotto.
«Il Festival si articola in diversi momenti, tutti ugualmente interessanti, e qui oggi abbiamo una chance incredibile, quella di avere sul palco il meglio dei sommelier italiani con addirittura l’unico Master of wine italiano, Gabriele Gorelli.
«Grazie al vicedirettore del Corriere della Sera Luciano Ferraro, direttore scientifico, di questo Festival che ci pregiamo di ospitare.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande