Home | Sapori | Vino Trentino | L’incontro a palazzo Roccabruna

L’incontro a palazzo Roccabruna

Al Trentodoc Festival il potenziale italiano dell’enoturismo


Roberta Garibaldi, Roberto Failoni, Guido Folonari, Romina Togn – Foto Matteo Rensi.
 
Nuova frontiera per le cantine, attività importante sia per il fatturato che come modalità per avvicinare direttamente i prodotti ai consumatori, investimento strategico in comunicazione e innovazione: il potenziale italiano dell’enoturismo è stato al centro dell’incontro, moderato dal vice direttore del Corriere della Sera Luciano Ferraro, che si è tenuto questa mattina a palazzo Roccabruna nell’ambito del Trentodoc Festival.
Su questo tema si sono confrontati Roberto Failoni, assessore provinciale al turismo, Roberta Garibaldi, amministratore delegato di Enit -Agenzia Nazionale del Turismo, Guido Folonari, titolare di Donna Olimpia 1898 - Bolgheri, Stefano Fambri, direttore di Nosio - Gruppo Mezzacorona, Romina Togn, titolare e responsabile commerciale di Gaierhof e Maso Poli e - in collegamento - Stefano Mosca, direttore generale dell’Ente Fiera Tartufo d’Alba.
Luciano Ferraro in apertura ha proposto una fotografia del settore attraverso questi numeri: un fatturato annuo in Italia di 2,5 miliardi e 14 milioni di enoturisti e inoltre l’interesse di 1 italiano su 4 nei confronti del settore.
 
L’assessore Failoni ha ricordato il bando che lo scorso anno è stato emanato con l’obiettivo di aiutare anche le cantine ad elevare la qualità, anche dei servizi.
Ha sottolineato inoltre il lavoro che la società Trentino Marketing sta facendo in termini di promozione.
«Dalla recente legge di riforma del settore della promozione turistica – ha detto – ci si aspettano ulteriori importanti risultati anche in termini di valorizzazione dei prodotti del territorio, sfida, questa, che caratterizza questi ultimi anni e che ha portato ad un vero e proprio salto di qualità.»
L’assessore ha posto l’accento in particolare sul tema della comunicazione per far conoscere i prodotti di eccellenza del territorio.
«Possiamo fare tanto – ha aggiunto – se facciamo squadra, anche perché abbiamo la possibilità di avvicinare un numero notevole di turisti che arrivano in Trentino.»
 

 
Roberta Garibaldi ha parlato dell’enoturismo come di un fenomeno in costante crescita negli anni, che coinvolge anche un pubblico non necessariamente di specialisti e diverse generazioni oltre che le famiglie.
Ha inoltre evidenziato come si stia registrando una notevole diversificazione e innovazione nelle esperienze proposte dalle cantine, anche attraverso la valorizzazione degli spazi aperti e l’abbinamento delle visite con lo sport, con il wellness, con l’arte e la musica.
Stefano Mosca ha parlato di crescita qualitativa ma anche culturale e dell’importanza del rapporto tra tutti gli attori della filiera enogastronomica.
 
Guido Folonari è intervenuto sulla sua esperienza di enoturismo che lo ha portato anche ad aprire un resort a Bolgheri.
Ha posto l’accento sull’importanza che ogni tipologia di offerta e ricettività sia calata nella particolarità che ha ogni zona viticola.
Ha illustrato le proposte della sua azienda sottolineando come l’attività legata all’enoturismo abbia un grande valore in termini di comunicazione.
Per il territorio in cui opera la sua azienda, ha concluso, è particolarmente importante la possibilità di allungare la stagione turistica.
 
Stefano Fambri ha parlato degli spazi della cantina Rotari e degli eventi, 130 all’anno, che può ospitare con l’idea di essere anche volano per il territorio e per le sue offerte.
Oggi l’obiettivo, ha detto, è avvicinare sempre più l’offerta alle esigenze del cliente e innovarne i contenuti.
Romina Togn ha evidenziato la possibilità, attraverso le iniziative enoturistiche, di avvicinare direttamente un pubblico che è sempre più alla ricerca di un’emozione autentica e di conoscere anche il territorio e la sua cultura.
Ha sottolineato l’importanza dell’aggiornamento professionale per gli addetti ai lavori e della capacità di fare rete con il territorio: l’enoturismo rappresenta anche per lei un investimento in comunicazione e cultura.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande