Home | Sapori | Vino Trentino | Parte la grande festa della bollicine trentine

Parte la grande festa della bollicine trentine

Dal 24 novembre all’11 dicembre il metodo classico di montagna protagonista

image

Oltre a proporsi attraverso le degustazioni organizzate a Palazzo Roccabruna, Trentodoc è protagonista di tante altre iniziative enogastronomiche e culturali. Per tre cantine si tratta dell’«esordio».
Uno degli appuntamenti clou, in Trentino, nelle settimane che precedono il Natale, mentre i mercatini natalizi attirano centinaia di migliaia di persone, è quello consacrato a Trentodoc, un evento che cresce di anno in anno ed attira nel capoluogo appassionati, addetti ai lavori e giornalisti di settore.
 
Stiamo parlando di «Bollicine su Trento»,  manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio e dalla Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con Trentino Marketing S.p.A., l'Istituto TRENTO DOC e con la partecipazione delle Strade del Vino e dei Sapori del Trentino.
A ospitarla saranno ancora una volta le sale di Palazzo Roccabruna, la casa del vino e dei prodotti trentini, un gioiello architettonico del sedicesimo secolo, la cui eleganza ben si presta a fare da cornice alle eccellenze enogastronomiche della nostra terra.
 
Il periodo prescelto per la settima edizione è quello compreso fra il 24 novembre e l’11 dicembre, diciotto giorni nei quali le sale dell’enoteca proporranno al pubblico le degustazioni di 56 etichette, portate in via Ss. Trinità da 35 aziende diverse.
L’edizione 2011 rappresenta anche l’occasione per dare il benvenuto nella grande famiglia di Trentodoc a tre nuove case spumantistiche, ovvero Cantina Rotaliana di Mezzolombardo, Gaierhof e Concilio, marchi già conosciuti dal pubblico per altri loro pregiati prodotti.
 
Il piatto forte di «Bollicine su Trento» saranno naturalmente le degustazioni aperte al pubblico, che si terranno nel palazzo di via SS. Trinità dal 24 novembre all’11 dicembre con questi orari: il giovedì e il venerdì dalle 17 alle 22, il sabato, la domenica e l’8 dicembre, giorno festivo, dalle 11 alle 22.
In abbinamento a Trentodoc nei primi quattro giorni vi saranno le proposte delle giovani leve della cucina trentina: gli studenti dell’Istituto di formazione professionale alberghiero di Rovereto e Levico Terme e quelli della Scuola alberghiera Enaip di Ossana proporranno dei finger food pensati e preparati da loro per l’occasione.
 
A dare lustro all’edizione 2011 di «Bollicine su Trento» sarà anche l’iniziativa A tavola con il Trentodoc, grazie alla quale il pubblico nei giorni 24, 25, 26 e 27 novembre presso la Cucina dell’Enoteca potrà degustare gli originali menù proposti da alcuni grandi chef selezionati da Enzo Vizzari, direttore delle Guide de L’Espresso.
Ma non finisce qui perché fino all’11 dicembre la proposta gastronomica d’abbinamento continuerà con la pregiata cucina trentina.
 
Si inizia sabato 26 novembre con il ristorante L'erba del Re di Modena, che proporrà «Trentodoc alla corte del re», e con il 3Quarti di Grancona (in provincia di Vicenza) con i suoi chef Alberto Basso e Stefano Leonardi.
Il giorno seguente, domenica 27 novembre, sarà il turno dell'Osteria Altran di Udine e del menù «Cucina friulana fra tradizione e innovazione», quindi si proseguirà sabato 3 dicembre e domenica 4 dicembre rispettivamente con il Ristorante Pineta Hotel di Coredo e La Cantinetta di Varena e le proposte «Degustazione d'inverno con i sapori della Strada della mela» e «Squarci del Lagorai».
 
Chiusura il fine settimana successivo con l'Osteria Storica Morelli a Pergine (sabato 10) e l'Agritur Solasna di S. Giacomo a Caldés (domenica 11), che firmeranno i menù «L'inverno trentino nel piatto» e «Neve che turbini in alto e avvolgi le cose con tacito manto: piatti invernali della Val di Sole.»
Per i più curiosi si segnalano i laboratori enogastronomici di sabato 26 novembre alle 18 («Super riserve, over 60 mesi» a cura della delegazione ASPI del Trentino) e di domenica 27 novembre alle 17 («Perlage d’autore: quando il Trentodoc non è dosato» a cura della delegazione AIS del Trentino), che approfondiranno diversi aspetti del metodo classico trentino.
 
Non poteva mancare la collaborazione con le Strade del Vino e dei Sapori del Trentino, lungo le quali 45 fra ristoranti, osterie e agriturismi, dieci wine bar e rifugi, sette enoteche e botteghe di prodotti tipici, undici tra hotel, B&B e agriturismi e 21 cantine produttrici del pregiato spumante trentino sforneranno piatti studiati per esaltare le caratteristiche dello spumante metodo classico.
L’iniziativa, battezzata Trentodoc on the road, è in programma dal 24 novembre all’8 gennaio.
Venerdì 25 novembre, sempre a Palazzo Roccabruna, alcuni nomi importanti del giornalismo italiano si confronteranno sul tema Trentodoc, la sostenibile eleganza delle bollicine di montagna.
 
Sentiremo così come vedono il futuro del vino e delle bollicine trentine nella società di oggi Carlo Montanaro, direttore delle testate «Style» e «Dove», Dario Di Vico, editorialista del «Corriere della Sera» ed Enrico Romagna Manoja, direttore de «Il Mondo», moderati da Maria Latella, direttrice di «A».
Un altro appuntamento da segnalare è quello di sabato 26 novembre alle ore 16, quando presso la Sala Conte di Luna a Palazzo Roccabruna verrà presentato il libro Trentodoc, quando la montagna diventa perlage, scritto a quattro mani da Nereo Pederzolli e Francesco Spagnolli, e stampato da Artimedia.
Presente per l'occasione la giornalista del TG2 Maria Concetta Mattei.
 
Ad impreziosire «Bollicine su Trento» sul piano artistico ci penserà la collaborazione con Umbria Jazz Winter, grazie alla quale nella stessa giornata del 26 novembre, alle ore 20.30 e alle ore 22, presso la Sala Conte di Luna di Palazzo Roccabruna verrà presentato in anteprima il concerto di Greta's Bakery.
I tre musicisti e compositori che formano questo gruppo, la cantante leader Greta Panettieri, il pianista Andrea Sammartino e il bassista newyorchese Mike Lavalle, ospiti della prossima edizione invernale di Umbria Jazz, offriranno al pubblico un momento esclusivo e raffinato, con una musica colma di influenze ed esperienze, in un vibrante ed eclettico mix di jazz/pop/funk, sofisticato ma orecchiabile.
Caratteristiche che rendono Greta's Bakery una delle più fresche sorprese musicali degli ultimi anni.
 
Durante l’edizione 2011 saranno ospiti del territorio anche diversi gruppi stampa, nazionali ed esteri che approfitteranno dell’occasione per conoscere da vicino il nostro metodo classico di montagna, ma anche tutto il territorio con dei percorsi studiati appositamente che prevedono visite in vigna e presso le cantine.
L’inaugurazione di «Bollicine su Trento» avrà luogo giovedì 24 alle ore 18 nella Sala Conte di Luna e sarà seguita da un brindisi e degustazioni «finger food».
 
Palazzo Roccabruna
Via SS. Trinità, 24 – Trento - www.enotecadeltrentino.it - www.trentodoc.com
Orari: Giovedì e venerdì dalle 17 alle 22 – Sabato, domenica e l’8 dicembre dalle 11 alle 22
 
Degustazioni in enoteca della collezione del Trentodoc - dal 24 novembre all'11 dicembre
Orari: Giovedì e venerdì dalle 17 alle 22 – Sabato, domenica e l’8 dicembre dalle 11 alle 22
 
Per prenotazioni ed informazioni: 0461.887101
Pacchetto «Bollicine su Trento»: tre calici (un brut, una riserva e un rosato) a 5 Euro

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni