Home | Sapori | Vino Trentino | 600 frutticoltori a Cles per la «giornata tecnica»

600 frutticoltori a Cles per la «giornata tecnica»

Grande affluenza di agricoltori al 14° incontro «La frutticoltura nelle valli del Noce»

Circa 600 frutticoltori hanno partecipato oggi, all'auditorium del polo soclastico di Cles, alla tradizionale giornata tecnica organizzata dall'Istituto Agrario di San Michele all'Adige in collaborazione con Melinda.
Un appuntamento ormai consolidato e molto atteso dal mondo agricolo, come dimostra la grande affluenza anche di quest'anno.

Dalla corretta esecuzione dei trattamenti fitosanitari alla confusione sessuale che interessa nelle Valli del Noce più di 3.400 ettari, dal monitoraggio scopazzi che finalmente fa tirare un sospiro di sollievo ai frutticoltori, alla moria del melo che invece richiede una certa particolare attenzione, per arrivare alla ticchiolatura ed alle strategie per affrontarla.

Queste le principali tematiche affrontate dai tecnici del Centro Trasferimento Tecnologico che hanno fornito anche quest'anno al mondo frutticolo importanti suggerimenti ed indicazioni pratiche per affrontare la nuova annata agricola.
L'incontro, introdotto dal presidente Francesco Salamini, è stato moderato dal tecnico Fabrizio Dolzani.

Seguono i cinque temi affrontati nel corso della mattinata

Moria del melo, ridurre lo stress della pianta
La moria del melo è senza dubbio uno dei problemi più attuali e una delle relazioni più attese oggi dai frutticoltori.
La malattia si è manifestata a metà anni Novanta aggravandosi in queste ultime annate, ma è nel 2010 che il problema è esploso in Valsugana.
Anche nel centro e bassa Valle di Non i frutteti sono interessati da questo fenomeno, ma con morie generalmente inferiori..
I tecnici e gli sperimentatori stanno effettuando numerose osservazioni ed analisi negli impianti colpiti e raccomandano di adottare una serie di pratiche colturali che favoriscano la salute della pianta e ne riducano lo stress.
Andrea Branz, Gianluca Giuliani e Massimo Prantil hanno spiegato che nei primi anni di impianto occorre limitare la produzione per consentire l'accrescimento della pianta.
Sono stati suggeriti alcuni accorgimenti orientati a prevenire queste anomale morie: «Sul fusto eseguire l'imbiancatura con prodotti specifici per ridurre gli sbalzi termici a fine inverno; per prevenire la penetrazione di funghi e batteri da eventuali lesioni sul fusto intervenire in maniera localizzata con prodotti rameici, contenere il bostrico con trappole ad alcol, ridurre il compattamento del terreno e rimuovere il ristagno di acqua».

Ticchiolatura, trattare prima della pioggia
Cristian Defant, Fabrizio Dolzani e Mario Springhetti hanno parlato di ticchiolatura e delle strategie di difesa.
Le infezioni di metà maggio e metà agosto quelle hanno dato i maggiori problemi nelle valli del Noce, ma una attenta e razionale difesa fitosanitaria ha permesso al frutticoltore di arrivare alla raccolta con una produzione senza danni significativi (da 0 a 0,3% di mele con macchie).
I tecnici ribadiscono, pertanto, l'importanza di intervenire con validi prodotti di copertura immediatamente prima di una pioggia.
«Nel periodo di massima sensibilità della pianta alla malattia, qualora iniziasse a piovere e la vegetazione fosse scoperta da più di 2-4 giorni, valutare l'opportunità di intervenire con prodotti di contatto ad inizio pioggia anche su piante bagnate.
I trattamenti vanno effettuati in modo razionale, utilizzando macchine efficienti, adeguatamente controllate da personale competente e soggette a regolare manutenzione.»

Trattamento fitosanitari, quando il meleto lo favorisce
Eseguire correttamente i trattamenti fitosanitari risulta fondamentale per la difesa. Piergiorgio Ianes, Maurizio Chini e Matteo de Concini hanno spiegato che una distribuzione corretta ed efficiente consiste nel riuscire a coprire bene le piante, ma contestualmente ridurre al minimo le dispersioni ambientali.
Questo risultato è possibile ponendo la massima attenzione alle seguenti condizioni: intervenire in condizioni climatiche favorevoli (assenza di aria e temperature non troppo elevate), conoscere e mantenere funzionali le macchine irroratrici ed infine utilizzarle correttamente.

Scopazzi del melo, positivo il monitoraggio
Dopo anni di difesa dalle psille e di forte rinnovo degli impianti, che ha interessato il 60% della superficie delle valli del Noce, il risultato del monitoraggio scopazzi 2010 è molto positivo.
Stefano Bott, Matteo de Concini e Andrea Branz hanno spiegato che la percentuale di piante colpite è scesa allo 0,45% e negli impianti di M9, che rappresentano la maggior parte dei frutteti, è pari allo 0,2%.
Alla luce dei buoni risultati ottenuti dalle esperienze senza trattamento specifico sulla Cacopsilla melanoneura, e del positivo riscontro del monitoraggio scopazzi 2010, la proposta tecnica per la stagione 2011 non prevede il trattamento generalizzato specifico contro questa psilla, mentre continueranno ad essere proposti quelli contro Cacopsilla picta.
Tuttavia la problematica degli scopazzi rimane molto complessa; risulta fondamentale il costante impegno del frutticoltore nel completare le operazioni di rinnovo dei vecchi impianti e nell'eliminare tutte le piante infette.

Confusione sessuale, 3400 ettari coinvolti
Confusione sessuale al centro della relazione di Roberto Torresani, Luigi Tolotti, Gianluca Giuliani.
Nelle valli del Noce, dopo una prima fase di sperimentazione e validazione a metà anni Novanta, le superfici in confusione sono progressivamente aumentate.
Oggi, su 6500 ettari totali, sono 3400 gli ettari con diffusori per carpocapsa (Cydia pomonella), 600 ettari per rodilegno giallo (Zeuzera pyrina), 10 ettari per Cydia molesta (erano 800 nel 2006) e circa 100 ettari per i tortricidi ricamatori.
Già dalle prime esperienze la confusione è risultata molto interessante e dopo alcuni anni d'impiego ha permesso di ridurre e, in qualche caso, di eliminare i trattamenti insetticidi contro questi parassiti.
In un panorama di maggiore eco-sostenibilità questo metodo troverà sempre più considerazione nella difesa dai lepidotteri dannosi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone