Home | Sapori | Vino Trentino | Giovedì 7 apre il 45° Vinitaly, quello delle grandi aspettative

Giovedì 7 apre il 45° Vinitaly, quello delle grandi aspettative

Il ministro Saverio Romano inaugura l'edizione del tutto esaurito Oltre 4.000 provenienti da 23 Paesi su 95mila metri quadri

image

Apre giovedì 7 aprile il 45° Vinitaly, il più importante Salone internazionale dei vini e dei distillati.
Ad inaugurare alle 10.30 la rassegna leader del settore il Ministro delle Politiche agricole Saverio Romano, alla sua prima uscita ufficiale dal suo recente insediamento.
Presenti il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il Ministro per i Beni culturali Giancarlo Galan, il sindaco di Verona Flavio Tosi, il presidente della Provincia di Verona Giovanni Miozzi, il presidente dell'ICE Umberto Vattani oltre ai vertici di Veronafiere.

Dopo la cerimonia inaugurale (Auditorium Verdi ore 10.45), il Ministro Romano inaugurerà con il Governatore Zaia il padiglione del Veneto, per procedere poi alla visita tra gli stand di Vinitaly.
Successivamente, alle 14.30, il ministro Romano incontrerà i giornalisti presso la sala stampa di Vinitaly.
Attesi nei cinque giorni di manifestazione anche il presidente della Commissione agricoltura del Senato Paolo Scarpa Bonazza Buora (venerdì 8 aprile, alle 11.45), il Vicepresidente della Commissione europea, industria e imprenditoria, Antonio Tajani (sabato 9 aprile) e il Ministro per l'Attuazione del programma di Governo Gianfranco Rotondi (lunedì 11 aprile, alle 12.00).

L'edizione n. 45 di Vinitaly registra una presenza record di espositori: oltre 4.000 provenienti da 23 Paesi e un quartiere da tutto esaurito con 95 mila metri quadrati di superficie espositiva.
Dati, questi, che confermano alla vigilia il sentiment positivo delle aziende e degli operatori internazionali in arrivo a Verona, ma non solo.
Il Vinitaly sarà, infatti, il banco di prova dell'avvenuta ripresa del mercato, soprattutto per quanto riguarda l'export, già annunciata da tutti gli osservatori del settore.
Per il Trentino in particolare si tratta di un momento particolarmente delicato, quello di verificare se la qualità torna a ripagare.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone