Home | Sapori | Vino Trentino | La Focaccia Sosi abbinata al TrentoDoc Abate Nero extra dry

La Focaccia Sosi abbinata al TrentoDoc Abate Nero extra dry

Tradizione e genuinità trentine si sono incontrate al Vinitaly

Forse la gente non lo sa, ma allo stand del TrentoDoc al Vinitaly lo storico panificio Sosi di Trento ha portato l'idea vincente di una focaccia da bollicine.
Vincente, perché chi ha provato l'abbinata ne è rimasto entusiasta.

Dall'esperienza dei Maestri pasticceri Sosi e in collaborazione con Abate Nero, è nata infatti una focaccia artigianale che abbina tradizione e creatività, dove - come si dice, stavolta a proposito - «la genuinità incontra i sapori del territorio».
Ingredienti semplici, ma accuratamente selezionati come farina, uova, burro fresco, miele e zucchero di canna, sapientemente impastati con lievito madre e arricchiti con uva sultanina lasciata marinare nello Spumante TrentoDoc Abate Nero extra dry per un giorno e una notte.
La cottura avviene in forni su pietra, con calore dolce: il tutto per ottenere il massimo della morbidezza e della fragranza.

Una focaccia soffice che il Panifico Sosi ha voluto lanciare al Vinitaly di Verona presso lo stand istituzionale del Trentino, proposta all'interno dell'offerta gastronomica curata dalle Strade del Vino e dei Sapori del Trentino.
Una sfida innovativa e originale che ha visto la collaborazione di due storiche e rinomate aziende trentine, due realtà-simbolo per la città di Trento.
Un prodotto da ricorrenza che dall'11 aprile è presente all'interno dei 14 punti vendita della catena Sosi di Trento come novità per la Pasqua 2011, coniugando un dolce tradizionale ad un'eccellenza del territorio come lo spumante TrentoDoc che certamente soddisferà anche i palati più esigenti.

Stefano Sosi, titolare e produttore della Focaccia, la descrive come un prodotto di un'innata morbidezza con una fragranza avvolgente in grado di conservare a lungo le esclusive qualità grazie alle materie prime impiegate e alla cura del lento e speciale processo di lavorazione, con «lievito madre» e cottura «su pietra».

Andrea Eugenio de Castel Terlago, socio della Cantina Abate Nero, afferma che l'abbinamento della focaccia Sosi con il proprio Extra Dry crea una buona armonia.
Trovo che questo prodotto - non esageratamente dolce - si sposi perfettamente con il nostro spumante metodo classico TrentoDoc extra dry, poiché dosato in modo da ottenere un sapore equilibrato e morbidamente secco, che si presta molto bene ad essere utilizzato in svariate combinazioni gastronomiche.»

Giulia Sosi, titolare insieme al fratello Stefano, coglie l'occasione per annunciare il rinnovo dell'immagine sui punti vendita di tutta la catena per la campagna pasquale, virata verso una «sofisticata semplicità», intendendo per questo la necessità di promuovere una nuova essenzialità legata soprattutto al prodotto, al servizio, all'esperienza di consumo ed ai valori del territorio. Un segnale forte che vuol essere l'inizio di un percorso di ulteriore rinnovamento. Durante il periodo pasquale infatti, lo slogan che rappresenterà l'azienda sarà Sosi - il dolce sapore di casa

Nella foto: Giulia Sosi, titolare del Panificio Sosi e Andrea E. de Castel Terlago della Abate Nero

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone