Home | Sapori | Vino Trentino | Angelo Rossi in ricordo di Carlo Dorigatti

Angelo Rossi in ricordo di Carlo Dorigatti

Il padre del celebre Methius ha cessato di vivere al termine di una lunga agonia, dopo essersi ferito gravemente nella sua cantina

Angelo Rossi, già direttore del Comitato Vitivinicolo Trentino ed eminente rappresentante dei Diplomati dell'Istituto Agrario San Michele, ci ha inviato un pensiero a nome dei suoi colleghi sulla figura di Carlo Dorigatti, tristemente scomparso in seguito a un banale incidente nella sua cantina di Mezzocorona, padre di uno dei migliori spumanti trentini, il Methius.

Caro Carlo,

hai lottato per una settimana, ma alla fine la tua pur forte fibra ha ceduto.
Ogni giorno della tua tremenda agonia è stato un giorno di speranza per i tuoi cari e per quanti ti hanno conosciuto, apprezzato e voluto bene. Con te abbiamo perso un amico e un maestro di vita, pronto ad ascoltare ed approfondire.

Non ti piegavi facilmente alle difficoltà, anzi, le sfide ti motivavano a fare sempre di più e meglio.
Così nella tua professione di viticoltore-enologo di razza, come nei momenti di svago, di intense relazioni personali ed immersioni nella natura pedalando in bici o correndo assieme all'amata Ivana.
Ti brillavano gli occhi di gioia nelle settimane scorse per la prima vendemmia assieme a Paolo, finalmente a casa dopo anni di studio e stage!
Grande è sempre stato il tuo impegno, inversamente proporzionale alla tua modestia. Lasciavi che per te parlassero i riconoscimenti per la qualità dei tuoi vini o i trofei sportivi.

Eri così fin da ragazzo e ragazzo nel cuore sei sempre rimasto.
Ti stimavano gli insegnanti del pur severo Istituto agrario di San Michele al pari dei tuoi compagni di scuola e dei più giovani che ti vedevano come esempio da seguire.
Se è vero che un produttore raggiunge il suo apice solo quando riesce a trasferire la propria personalità al vino, tu Carlo, ci sei magnificamente riuscito.
Sapevi plasmare il tuo austero Teroldego o il sommo Methius, conciliando tecnica raffinata a rigorosa tradizione.
Eppure il vino non era tutto per te, altri e ancor più nobili valori ti interessavano profondamente, così come non disdegnavi la scherzosa compagnia dei tanti amici che oggi ti piangono.
Entusiasmo per una vita a tutto tondo, ecco forse, la sintesi del tuo carattere.
Un entusiasmo generoso e contagioso, ben poggiato sulla tua vasta cultura di tecnico, di storico ed umanista.

Così tu, novello Conte Firmian, sei stato portato via dal Basilisco, mitico drago di Mezzocorona, nel racconto che ci amavi declamare per dare al tuo vino quel tanto di leggendario da renderlo indimenticabile.
Come indimenticabile sei e sarai sempre per noi.

I tuoi amici dell'Unione Diplomati dell'Istituto Agrario di San Michele.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni