Home | Sapori | Vino Trentino | Ferrari è ancora il brindisi ufficiale dell’ambita classifica

Ferrari è ancora il brindisi ufficiale dell’ambita classifica

A Bilbao Massimo Bottura festeggia col Ferrari il ritorno dell’Osteria Francescana sul gradino più alto di The World’s 50 Best Restaurants

image

>
Un brindisi tutto italiano per il ritorno nel nostro Paese dello «scettro» di miglior ristorante al mondo secondo The World's 50 Best Restaurants, che dopo un anno ripassa nelle mani di Massimo Bottura.
Come già a New York nel 2016, Bottura ha festeggiato con Ferrari alla cerimonia di premiazione il 19 giugno, insieme ai tanti amici chef e all’entusiasta delegazione del nostro paese giunta a Bilbao per l’evento.
Un grande orgoglio italiano che conferma lo stretto rapporto che lega Ferrari alla grande ristorazione internazionale, che sempre più vede nelle bollicine il perfetto accompagnamento per le proprie creazioni.
Nel corso della cerimonia, a cui hanno partecipato mille fra le più influenti personalità dell’enogastronomia e vista in diretta streaming in tutto il mondo, è stato consegnato anche il Ferrari Trento Art of Hospitality Award, dedicato al ristorante che meglio valorizza quella magica alchimia in grado di combinare in un perfetto equilibrio servizio, accoglienza e convivialità, rendendo memorabile un'esperienza gastronomica.
 
A trionfare il Geranium di Copenhagen, diciannovesimo nella classifica generale, che unisce alla cucina creativa di Rasmus Kofoed, l'innovativo approccio in sala di Søren Ledet, direttore e comproprietario.
Il fatto di avere abbattuto il confine fra sala e cucina e di riuscire a offrire un servizio all'altezza delle Tre Stelle Michelin, pur mantenendo un ambiente rilassato, è forse l’aspetto che ha permesso a Geranium di vincere la terza edizione del Ferrari Trento Art of Hospitality Award.
Proprio Søren Ledet era stato tra i relatori dell’appuntamento dedicato all'Arte dell'Ospitalità che le Cantine Ferrari avevano organizzato all'interno di Identità Golose nel 2017. 
 
Quest'anno sul palco milanese di Identità Golose, sempre per parlare di ospitalità, Ferrari aveva invece invitato i tre migliori ristoratori al mondo secondo la precedente edizione di The World's 50 Best Restaurants, due dei quali già vincitori delle precedenti edizioni del Ferrari Trento Art of Hospitality Award: Will Guidara, di Eleven Madison Park di New York, classificatosi quest’anno quarto, Josep Roca, di El Celler de Can Roca di Girona, secondo nell’edizione 2018, e lo stesso Massimo Bottura, dell'Osteria Francescana.
Con loro e altri grandi rappresentanti della ristorazione si era dibattuto su vari aspetti dell’Arte dell'Ospitalità, aggiungendo dei nuovi elementi al percorso di approfondimento su un tema fondamentale per il successo di un ristorante e coerente con i valori di Ferrari.
Offrire un calice di bollicine è per definizione un gesto di accoglienza e convivialità.
L'ospitalità fa inoltre parte della cultura e dello stile di vita italiani di cui Ferrari si fa orgoglioso ambasciatore nel mondo. 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone