Home | Sapori | Vino Trentino | Trentodoc: si alza il sipario di «Bollicine sulla città»

Trentodoc: si alza il sipario di «Bollicine sulla città»

Inaugurazione domani alle 18.30 a Palazzo Roccabruna: più di 60 etichette in degustazione dal giovedì alla domenica fino al 9 dicembre

image

>
Domani, venerdì 23 novembre, alle 18.30 si aprirà il sipario su uno degli eventi più attesi dagli appassionati del mondo del vino: «Trentodoc: bollicine sulla città», la manifestazione di Palazzo Roccabruna dedicata al metodo classico trentino, giunta ormai alla XIV edizione.
Quaranta saranno le case spumantistiche presenti alla kermesse, oltre 60 le etichette in degustazione, 12 i giorni di apertura dell’evento (da giovedì a domenica fino al 9 dicembre).
Anche quest’anno il programma intreccerà degustazioni, laboratori del gusto, menù a tema per mettere a disposizione degli ospiti una proposta in grado di soddisfare anche i gusti più esigenti.
Si partirà con un ciclo di laboratori che ogni venerdì sera dalle 20 alle 22 fino al 7 dicembre metterà in risalto il ruolo del tempo nella spumantizzazione classica.
 
«Le grandi riserve del Trentodoc: bollicine rare» vuol essere un’occasione per degustare alcune bottiglie non più in commercio, conservate nella cantina storica di Palazzo Roccabruna in condizioni ideali di luce, rumore ed umidità ed affinate dagli anni (info e prenotazioni allo 0461/887101).
Ogni giovedì ed ogni sabato fino all’8 dicembre, dalle 19 alle 22, uno chef trentino si cimenterà ai fuochi della cucina dell’Enoteca per abbinare un menù di montagna alle bollicine del Trentodoc: «Il piatto dello chef. Cucina e bollicine di montagna» sarà un doppio appuntamento settimanale che valorizzerà il patrimonio gastronomico della cucina delle nostre valli (info e prenotazioni allo 0461/887101).
Non mancherà la possibilità di accostarsi al Trentodoc in autonomia, comodamente seduti ai tavoli del Palazzo.
Dal giovedì al venerdì con orario 17-22, il sabato con orario 11-22 e la domenica con orario 11-19, la collezione 2018 del Trentodoc sarà disponibile per degustazioni al calice, magari approfittando dei consigli degli esperti di prodotto o dei sommelier presenti in sala.
 

 
Gli ospiti potranno scegliere fra riserve, millesimati, brut, extra brut, rosé, pas dosé, demi sec, blanc de noir in una molteplicità di declinazioni che solo la ricchezza e la varietà di un territorio particolarmente vocato rendono possibile con la complicità di tecniche colturali rispettose dell’ambiente e di una cura maniacale per la qualità delle uve e per la perfezione del metodo produttivo.
Dall’Enoteca provinciale la manifestazione si irradierà per le vie della città grazie alla collaborazione con la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino che cura «Happy Trentodoc», una formula di successo per rendere più gratificante l’aperitivo, arricchendolo di prodotti di qualità a km zero. Ben tredici locali della città, fra bar e ristoranti, accoglieranno altrettanti produttori per abbinare le bollicine di montagna alle specialità della nostra gastronomia.
 
Grazie alla partnership con l’Apt di Trento si potrà anche approfittare di un esclusivo pacchetto vacanza «Trentodoc da degustare, Muse da esplorare» che include l’ingresso al Museo delle scienze, la visita al centro storico, ai mercatini di Natale, la visita al Castello del Buonconsiglio, assaggi e menù con le bollicine di montagna.
«Trentodoc: Bollicine sulla città» è una manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio I.A.A. di Trento in collaborazione con il Consorzio vini del Trentino, l’Istituto Trento Doc, la Strada del vino e dei sapori del Trentino con la partecipazione di APT di Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi e con il supporto della Provincia autonoma di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone