Home | Sapori | Birra | «Da mattina a sera», esce l’inno dell’Oktoberfest Trentino

«Da mattina a sera», esce l’inno dell’Oktoberfest Trentino

Un progetto musicale suonato e cantato da ben 4 band trentine: Rebel Rootz, The Rumpled, Die Schweinhaxen, La Banda Folkloristica di Folgaria

image

>
Strepitoso! La decima edizione dell’Oktoberfest Trento regala un inedito inno ufficiale della manifestazione. Una canzone, il cui titolo è «Da mattina a sera», che racchiude l’essenza di una festa tra risate e divertimento, «mescolanze» di storia e culture.
Strepitoso, dicevamo. Perché? Tanto per cominciare, «Da mattina a sera» non è semplicemente una canzone, ma un vero e proprio progetto musicale. «Da mattina a sera» è cantata ed eseguita da 4 band trentine: Rebel Rootz, The Rumpled, Die Schweinhaxen e la Banda Musicale Folkloristica della Magnifica Comunità di Folgaria. Quindi da ben 35 musicisti!
 
«Da mattina a sera» è un progetto musicale che ha mescolato generi diversissimi: si va dal reggae dei Rebel Rootz alle sonorità Irish punk dei The Rumpled (vi ricordate l’energia dei violini folk sul palco di Vasco Rossi? Ecco sono loro) passando per la musica tirolese – oberkryner dei Die Schweinhaxen mescolata alle sonorità alpine della banda musicale di Folgaria (attualmente composta da oltre 60 elementi).
«Gli artisti - dice Enzo Di Gregorio, di EDG Spettacoli e patron dell’Oktoberfest Trento - hanno unito sonorità diverse, esperienze e vissuti diversi, un po’ come è l’essenza dell’Oktoberfest Trentino che richiama la cultura mitteleuropea, bavarese, italiana».

L’idea è nata un pomeriggio d’estate quando Enzo Di Gregorio si incontra con il suo amico Carlo Villotti della Gordo Music Production e la butta lì: «Perché non fare una canzone per l’Oktoberfest?». Detto, fatto Carlo chiama a raccolta le band più rappresentative del Trentino, quelle che anche alle precedenti edizioni non sono mai mancate ai live della manifestazione.
«Sono state settimane intense di lavoro, abbiamo mescolato generi diversissimi ed è nato un progetto musicale che sicuramente troverà altre declinazioni e ispirazioni – racconta Villotti – Una sfida che abbiamo raccolto tutti con entusiasmo e chissà dove ci porterà, sicuramente lavoreremo ancora insieme».
 
Il brano composto, musicato e scritto da Villotti è stato registrato al Blue Noise Studio. È uscito anche un video backstage. «A fine manifestazione – aggiunge Di Gregorio – uscirà anche il video ufficiale. Sia la canzone che il video sono già ascoltabili e visibili su tutte le piattaforme musicali».
Le parole chiave di «Da mattina a sera» sono: festa, libertà, città di Trento, Trentino, territorio, cultura, folklore.
 
  I numeri della canzone 
- 4 band (3 band e 1 orchestra)
- 35 musicisti
- 3.10 durata del brano
- 122 bmp
- 4 kit di batteria
- 4 basso synth
- 12 tastiere
- 1 piano acustico
- 1 violino solista
- 2 fisarmoniche
- 1 tromba solista
- 1 bombardino
- 1 cornamusa
- 16 voci
- 1 orchestra di 20 elementi (percussioni/legni/ottoni)
 
Qui il link della canzone e del video https://linktr.ee/oktoberfesttrento
 
  Gli artisti 
- Rebel Rootz sono una band di ispirazione reggae, nata a Trento nel febbraio 2010. Il sound dei Rebel Rootz nasce dall’incontro di personalità diverse, motivo alla base della contaminazione sonora che li contraddistingue. Il grande impatto musicale e la naturale capacità di coinvolgere il pubblico, rende questa band unica, energica e solare. I Rebel Rootz hanno calcato numerosi palchi in tutta Italia come: il Circolo Magnolia di Milano, il CSO Rivolta di Venezia, CSO Bruno di Trento, Ultrasuoni, Rock im Ring, SotAlaZopa, Mei Supersound, Cinema Vekkio di Alba (CN), Apartamento Hoffman di Conegliano (TV), Vibra di Modena, Alpine Rock Fest di Andalo, Ideal Club di Magenta (MI), Jamrock di Vicenza, etc...
 
Hanno aperto i concerti a Train To Roots, Mellow Mood, Anima Caribe e molti altri, fino ad uscire dai confini Italiani con un tour in Belgio. I Rebel Rootz sono inoltre saliti sul palco dello Strummer Live Festival di Bologna, organizzato da Estragon, insieme a grandi nomi del reggae italiano come Africa Unite, Mellow Mood e Alborosie. Il 3 Marzo 2018 viene pubblicato il nuovo album «Impronte», presentato lo stesso giorno, durante un incredibile Release Party al palasport di Trento, insieme a diversi ospiti della scena regionale e non solo: Bunna from Africa Unite, Virtus, Anansi, Drimer, Ares Adami. Il primo singolo estratto dall’album, intitolato «La Regina», e? stato lanciato l’11 gennaio 2018 su tutte le piattaforme streaming. A distanza di pochi giorni è seguita la pubblicazione dello spettacolare video girato con l’aiuto dei fan.
 
- I «The Rumpled» sono una eclettica Irish Folk-Rock band nata a Trento nel 2013. La band propone un frizzante mix fatto di folk irlandese e sonorità rock, ska e punk. Il risultato finale è una serie di canzoni immediatamente ballabili, energetiche e incalzanti, capaci di far presa su ogni genere di pubblico, trasformando ogni concerto in una vera festa. Sono infatti le esibizioni dal vivo il punto di forza della band, che negli anni ha saputo costruire una performance unica, proponendo sia brani originali che cover delle principali folk songs irlandesi. A livello discografico, i The Rumpled hanno pubblicato nel 2018 l’Album di debutto «Ashes & Wishes», al quale è seguito all’inizio del 2019 l’EP «Grace O’Malley», anticipato dall’omonimo singolo.
 
Entrambi i lavori sono stati ampiamente apprezzati da pubblico e critica, raccogliendo ottimi riscontri sia per vendite fisiche che ascolti digitali (più di 1 milione di ascolti su Spotify). A livello live, si è concluso a settembre 2019 dopo più di 40 esibizioni tra Italia ed Europa il «Grace O’Malley Tour», che ha portato la band Trentina ad esibirsi in Italia e in Europa, partecipando ad alcuni rinomati festival come il Roi Arthur Festival di Bréal-sous-Montfort in Francia, che solo quest’anno ha contato la presenza di 43,000 spettatori. I The Rumpled hanno aperto il concerto di Vasco Rossi alla Trentino music arena, davanti a un pubblico di 120mila persone.
 
- I Die Schweinhaxen hanno alle spalle oltre dieci anni di attività tra feste in stile tirolese e bavarese, sagre paesane e concerti su piste da sci, all’insegna del sano folk tirolese, pop/rock germanico e rock tradizionale. Originari di Pergine Valsugana, Attualmente la band è composta da Massimo Costa (tromba e basso elettrico), Luca Frisanco (eufonio), Massimo Lazzeri Zanoni (chitarra acustica ed elettrica), Antonio Pallaoro (fisarmonica), Michele Vicentini e Alessandro Tiefenthaler (batteria).
 
- La Banda Musicale Folkloristica della Magnifica Comunità di Folgaria è nata nel 1924 come Banda Alpina. Venne poi rifondata nel 1976 grazie all'entusiasmo di un gruppo di amici appassionati e desiderosi di mantenere vive le tradizioni locali. Già nel corso degli anni ottanta la Banda Folk cominciò a viaggiare in tutta Italia e in gran parte d’Europa, portando con sé, attraverso la musica, l’attenzione ai dettagli coreografici e alle magnifiche divise in stile tirolese, il nome di Folgaria, trasmettendo così il folklore e l’allegria propri della nostra comunità. Il lavoro dei maestri e dei vari presidenti che si sono succeduti hanno fatto crescere questo gruppo, attualmente formato da 67 bandisti, tra suonatori e gruppo coreografico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande