Home | Sapori | Cucina | Una ricetta per l’estate: mozzarelle in carrozza

Una ricetta per l’estate: mozzarelle in carrozza

Tipiche della cucina casalinga partenopea, sono buonissime e facili da preparare e nascono come piatto di riciclo, per consumare le rimanenze della cucina

Le mozzarelle in carrozza sono tra le ricette più conosciute e apprezzate della cucina casalinga partenopea, sono buonissime e facili da preparare e nascono come piatto di riciclo, per consumare le rimanenze della cucina e non sprecare nulla.
Il nome così curioso di questo piatto deriva dal suo aspetto, la mozzarella è racchiusa all’interno di fette di pane croccante che la conservano come fosse «una regina in carrozza».
Per la realizzazione di questo piatto seguiremo la ricetta tradizionale ma utilizzeremo il pane integrale in cassetta, per dare alle mozzarelle in carrozza un aspetto più rustico e casereccio.

Ingredienti.
•    16 fette di pane integrale in cassetta
•    500 gr di mozzarelle sgocciolate
•    5 uova
•    100 gr di farina 00
•    350 gr di pan grattato
•    Sale q.b.
•    Olio di girasole per friggere
 
Procedimento.
- Per preparare le mozzarelle in carrozza si comincia tagliando le mozzarelle a fettine sottili larghe non più di un centimetro.
- Una volta tagliate, adagiamo le fette su uno strofinaccio pulito o su della carta assorbente e le ricopriamo con altra carta assorbente e tamponiamo con le mani, questo passaggio è utile per eliminare quanta più acqua possibile, così verranno compatte e non si sfalderanno.
- A questo punto prendiamo le fettine di pane in cassetta da farcire ed eliminiamo i bordi esterni di ogni fetta. Posizioniamo le fette di pane su un vassoio e su ogni fetta adagiamo la mozzarella, è importante che l’intera superficie del pane sia coperta ma soprattutto che la mozzarella non fuoriesca dal pane, che deve creare come uno scrigno di protezione, per cui eliminiamo le eccedenze, salate, copriamo bene con un’altra fetta di pane e pressiamo con le mani per compattare le fette.
- Per comodità possiamo tagliare ogni fetta in diagonale, in modo da ottenere dei triangoli, oppure tagliamo in quattro parti ed ottenere dei quadrati più piccoli.
- Una volta realizzati i triangoli o i quadrati inizia la parte più importante, la panatura.    
- Per realizzarla dobbiamo prima sbattere le uova, poi prendiamo due vassoi o piatti piani, in uno verseremo la farina, nell’altro il pan grattato.
- Per la panatura procederemo in questo ordine: dobbiamo passare ogni pezzo prima nella farina, facendo sempre bene attenzione ai bordi, per evitare che si aprano friggendoli, poi lo passiamo nelle uova sbattute, facciamo l’uovo in eccesso, per evitare grumi e, infine, lo passiamo nel pan grattato.
- Mano a mano che prepariamo ogni pezzo pressiamo nuovamente i bordi per farli aderire meglio, poi adagiamo le mozzarelle in carrozza su un vassoio e le lasciamo riposare in frigorifero per una ventina di minuti.
- Prima di friggerle serve una seconda panatura: le passiamo nuovamente nelle uova e poi ancora nel pan grattato.
- Nel frattempo, avremo messo a scaldare l’olio per friggerle, quando avrà raggiunto la temperatura ideale, circa 180°, possiamo cominciare a friggere i triangoli pochi pezzi per volta, 2 minuti per pezzo sono sufficienti, vanno girati di tanto in tanto.
-A mano a mano che friggiamo, adagiamo le fette su un vassoio già rivestito con della carta assorbente. Le mozzarelle in carrozza vanno servite ben calde, solo così avranno quel delizioso cuore di mozzarella filante!
 
Alcuni consigli.
Come detto, le mozzarelle in carrozza vanno mangiate bollenti, per cui friggetele poco prima di servirle ma, se preferite, per comodità potrete prepararle anche diverse ore prima e conservarle in frigo.
 Per la seconda impanatura, invece del pan grattato tradizionale potete usare il panko giapponese, le mozzarelle in carrozza verranno ancora più croccanti!
Le varianti della ricetta tradizionale sono tante: la più quotata è quella con le fette di melanzane al posto del pane, oppure si possono aggiungere delle fette di prosciutto cotto alla mozzarella, inoltre, al posto della mozzarella classica si può utilizzare la mozzarella di bufala.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni